Com’è?

“Com’è” è un modo di dire toscano, che starebbe per…  come stai…  come ti va?
Quando telefono a mio fratello che abita da quelle parti, la prima cosa che dice quando risponde è ” ciao Arthur, com’è?”

Ed io mi rotolo per terra dalle risate ( 😆 ), perché mi viene da rispondere “Com’è? Beh, oggi piove a dirotto, perché siamo a novembre e per necessità di cose, c’è gente che si prepara ad andare in montagna, quindi, se non ci fosse la pioggia, non ci sarebbe neanche la neve, che poi l’una non è detto che si trasformi nell’altra e, così giusto per continuare il discorso, mi viene in mente quella primavera del ‘55, si quella quando lo zio di Gesualdo, Don Gioacchino Perspicace, andò all’osteria e appena fu dentro, tutti si misero a ridere, perché aveva portato con se una cesta di verdura, ma di quella che si raccoglie in primavera, che lui, come per miracolo, era riuscito a conservare, e nel mentre si senti il rombo di un motore… stava per passare un aeroplano, con uno stendardo giallo e rosso, tipici colori autunnali, forse, con su scritto in caratteri cubitali  torno subito… uhmmm… era il barbiere di Siviglia, che era andato a prendere il latte e per paura che i suoi clienti andassero via, aveva messo quel cartello e, sua moglie, sempre vigile e attenta, se ne accorse e gli fece la paternale… inszomma, volevo dire la maternale (Mater semper certa… ), sapendo che lui se ne sarebbe fregato, e gli avrebbe risposto: la donna è mobile, qual piuma al vento, muta d’accento – e di pensiero. Sempre un amabile, leggiadro viso, in pianto o in riso, – è menzognero. È sempre misero chi a lei s’affida, chi le confida – mal cauto il core! Pur mai non sentesi felice appieno chi su quel seno – non liba amore!”

Inszomma, quando sento “com’è” mi a_ri_rotolo per terra sempre dalle risate… 😆

Annunci

34 pensieri su “Com’è?

  1. Martina

    Mah, come vuoi che sia, che per l’appunto è novembre e piove, e uno ha pure voglia di parlare un po’, perché a raccontare ci si scalda, e se non si ha niente da dire, sai com’è, da cosa nasce cosa, uno comincia e poi qualcosa viene fuori, magari pure d’interessante, che intenerisce il còre, e poi, com’è, ma io mica l’ho mai capito, e a volte mi chiedo “E se non ci fosse stato niente da capire?”

    Sai com’è…

    Mi piace

  2. Ciao Arthur! sai non è solo un modo di dire toscano, si usa anche qui dalle mie parti! La prima volta che una mia amica mi ha scritto un sms chiedendomi “com è?” io le ho risposto “ma cosa?”. E da lì mi ha presa in giro per un periodo di tempo inquantificabile 🙂 comunque per rispondere alla tua domanda, sto aspettando che spunti l’arcobaleno dietro questi nuvoloni grigi

    Mi piace

  3. Carissimo Arthur,

    non c’è pezzo migliore di questo per scriverti quello che ho nel cuore in questa mattina di pioggia e di nebbia.

    Questo albero in primo piano e dietro di lui il cielo. Mi sono immaginata un dialogo tra un albero stanco e un cielo che non lo comprende e poi il cielo che gli dice: segui il tuo cuore.

    Io mi sento un pò come questo albero e il cielo questo mondo di amicizie di rete. Questo cielo mi ha dato tanto. Ho conosciuto persone splendide. Forse ha ragione un’amica quando mi dice che sono ipersensibile. Sarà questa ipersensibilità, ma è arrivato il momendo per Stella di trasformarsi in polvere di Stelle.

    Lassù nel cielo una luce grande. Quando sarai triste guarda nel cielo e se vedrai una lucina luminosa pensa a me.

    Non cancello quello che ho nel cuore.

    Rimarrai il mio amico Arhurino, che snobba una Stella e la lascia in compagnia di una bistecca. Tante le immagini, le emozioni, i sorrisi che porterò nel cuore.

    Lancio polvere di Stelle sul mondo di Arthur.

    Con affetto e simpatia, stellasolitaria

    Mi piace

  4. Stellina,

    noi speriamo tutti che sia solo un momento di tristezza (tanto non ti mollo e poi, mica mi darai buca l’otto dicembre??? ).

    Ti abbraccio forte e, nel caso tu sparisca, giuro che vengo dalle tue parti a riprenderti!

    Mi piace

  5. @ Daw: in effetti la prima volta anch’io sono caduto nella trappola del “Com’è”, ma poi la cosa mi è talmente piaciuta che quando prendo il telefono per sentire mio fratello, prima ancora che lui parli, gi dico: com’è? … 🙂

    Mi piace

  6. @ Stellina: mannaggiatte… come fai a dire che ti snobbo se sono l’unico, ripeto, l’unico che ti ha sempre seguito da quando hai il blog?

    Ari_mannaggiatte!!!

    E poi, cos’è questo un addio? Pure tu? Maddai… e poi perchè mai?

    Hai tanti amici che ti seguono e ti vogliono bene, ma soprattutto, hai creato un blog dove in ogni parola vibra un’emozione, cosa per niente facile da trovare in giro per la rete e allora, vuoi lasciarci con un pugno di polvere di stelle?

    Maddai… a noi, non serve la polvere di stelle, ma semplicemente Stellina, con i suoi pensieri, le sue paure, i suoi sogni, le sue emozioni, niente di più o di meno, solo Stellina.

    Ciao Monica, com’è?
    L’unica tua risposta voglio che sia: bene, bene… 🙂

    Ti abbraccio!

    Mi piace

  7. Oh cielo! Vado via un fine settimana e mi ritrovo un bambino in poltrona invece del tipo da spiaggia con l’occhiale. da TeneBRoso a teneroso…
    Stella che manda i saluti…mi viene solo in mente una domanda: com’è?

    Mi piace

  8. @ Solindue: oh Mon Dieu de la France… sono sempre stato un tenero tenebroso… no aspetta, volevo dire un tenebroso tenero… oh mannaggia… mi sa che cambiando l’ordine degli addendi, il risultato non cambia… e allora, com’è?

    Inszomma, inszomma, stai attenta e non perdere una virgola… tu prendi un teneroso, gli togli la canottiera, gli metti un paio di occhiali da sole, aggiungi una B e cosa ti diventa? Un tenebroso… ecco che il gioco è fatto… hihihihihiiiiiiii… 🙂

    Eh, eh… com’è???

    Mi piace

  9. A:”Com’è?”
    P&p: “mmm beh a me la tua foto piace molto!!!”

    ok non era proprio questo quello che volevi sapere vero?!?

    Sarà un periodo passeggero per tutti?? ma anche a me le cose non vanno poi così bene… speriamo che torni il sereno presto per tutti!

    Ciaoooooo

    Mi piace

  10. @ Solindue: com’è? C’è che oggi splende il sole, contrariamente a ieri che pioveva a dirotto… sole, pioggia, pioggia, sole… e d’altra parte, minestra riscaldata ‘n fu mai bona e lo diceva Ignazio che quando vide l’opera compiuta disse sgolandosi a più non posso: O Tito, tu t’hai ririnto ‘l tetto ma tu ‘n t’intendi ‘n tetti ritintiera giusto farlo presente, anche perché dove ‘un c’è regola, ‘un c’è frati e se ne accorse anche Marianna che a laalla la si strigne… 😆 😆 😆

    Mi piace

  11. @ Lindalov: bella anche questa battuta… 🙂
    Benvenuta nel mio blog!

    @ Pensieriperline: anche io ti auguro che torni il sereno e soprattutto… dai, fai un bel sorriso… 🙂

    @ Alan: “noi” nordici, diciamo più o meno alla stessa maniera, ma i toscani lo dicono in un modo simpaticisimo… prova… 🙂

    Mi piace

  12. Arthur…. com’è?! 🙂 Anche in Piemonte si dice così, ed il mio ex torinese mi faceva impazzire con questo saluto… io da brava terrona rispondevo sempre: “Com’è COSA?!”… Dopo 7 anni passati insieme io ancora non mi capacitavo! L.

    Mi piace

  13. Mai sentito ‘sto “com’è” se non da te, quindi è a te che lo associo.
    Che poi ci puoi leggere dentro un po’ quello che ti pare, dalle arie liriche, al più semplice dei “ciao, come stai”.
    La bellezza del linguaggio e delle sue interpretazioni…

    Mi piace

  14. @ Liviana: maddai… adesso scopro che si dice anche in Piemonte, e me lo immagino già un Piemontese che dice: Com’è? (mannaggia, ci vuole l’audio… 🙂 )

    @ Rosamaria: guarda che ti sbagli, ma in Trinacria com’è non si dice assolutamente, sei sicura che non l’hai sentito da un fiorentino trapiantato a Catania? 😆

    E comunque… bella scusa quella dell’esilio della Telecom… non sapevo si chiamasse così… 😉

    Mi piace

  15. @ Elle: e già, l’hai sentito da me, anche perchè ne avevo già parlato in un angolo delle chiacchiere qualche tempo fa e comunque, la nostra lingua si presta a interpretazioni, se poi ci vuoi scerzare anche su… 🙂

    @ Giovanna e Vale: e sì, non è proprio niente male e a proposito, com’è? 😆

    Mi piace

  16. La telecom ha sbagliato e l’operatore anzichè abilitarmi al contratto più conveniente mi ha tagliato completamente l’ADSL. Approfittatene per respirare un po’! 😆 Poi vi subisserò di messaggi.
    Per il com’é chiederò alla mia consulente di madrelingua 🙂 Baci

    Mi piace

  17. Eccomi finalmente di ritorno!
    La mia bibbia sicula dice che hai ragione, che da voi non si usa, eppure avrei giurato di aver sentito quella espressione da uno zio palermitano (che però ha vissuto anche lui a Firenze per alcuni anni). Allora prendiamo atto che si tratta di un interrogativo tutto “continentale” e godiamoci questa tranquilla domenica. 🙂

    Mi piace

  18. Carissimo Arthur,

    ogni tanto abbiamo bisogno di ritrovarci e poi torniamo più in forma che mai. Le spiegazioni sono solo dentro di noi e anche se chi ci sta intorno vorrebbe comprendere, spesso non riesce, perchè noi non glielo permettiamo.

    Dici che anche Stella è diventata criptica???

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...