Mannaggia questi regali…

Beh, anche se in maniera diversa dagli altri anni, si vede che siamo sotto Natale, dalle strade illuminate, alla gente che prende d’assalto i centri commerciali… oggi ero a mangiare qualcosa in una gastronomia Siciliana, così giusto per assaggiare le loro specialità e, mentre aspettavo, entra una ragazza circa sui 15 anni, si dirige ad un tavolo dove c’è una signora che a quanto pare l’aspetta e incominciano a parlare…

“Ciao amore, scusami ma non ti ho aspettata, ho già mangiato, cosa vuoi?”

“ Ma… aspetta, prendo un calzone con il prosciutto…”

“ E cambiare magari?” Risponde con una risata la madre…

“Dai mamma, lasciami stare che oggi sono inversa… stamattina avevo detto al papà che c’era un’occasione da non lasciarsi sfuggire assolutamente… “

“ Già, le tue sono sempre occasioni da non perdere… “

“Maddai, mamma, vendono una sciarpa, con cappello e un paio di guanti… belli davvero… “

“Non mi sembra che ti manchi la sciarpa, quella appesa al collo cos’è? “

“ Sì, ma quella è una sciarpa che s’accompagna ai guanti e al cappello… che figata… insomma, il papà ha fatto orecchie da mercante, come al solito, manco gli avessi chiesto chissà cosa… “

“ Tesoro, guarda che hai già avuto in regalo una bella camicia… da 60 euro… ehhhh… “

“Pochissimo… dai mamma, e poi sono già finiti i regali quest’anno?”

“Beh, insomma, tu chiedi sempre, non credi di esagerare?”

“ Io esagerare? Guarda che nella mia classe ci sono ragazze che hanno sempre un sacco di regali e magari non chiedono neanche… “

Oopss… a quel punto ho fatto un sorriso anch’io e mi sono chiesto: ma, non è contenta perché quello che ha è poco o perché quello che hanno le compagne è di più?

Mannaggia questi regali… 😉

Annunci

33 pensieri su “Mannaggia questi regali…

  1. Penso al figlio di una mia amica (laurea, appartamento regalatogli dai genitori nella città dove frequentava l’università, master, automobile dotata di tutti gli optional, inserimento pressochè istantaneo tra i quadri della società presso cui aveva fatto lo stage):
    – Mamma, devo assolutamente trovare un lavoro migliore; con lo stipendio che mi danno, se non avessi la casa, farei una vita grama in questa città. Giulio può contare sull’autista personale e l’auto di raprresentanza; perchè io no?

    Mi piace

  2. simple

    Santocielo! Mi aspettano tempi duri con la mia bimba, allora…
    Non ci si accontenta mai, questo è vero, ma riuscire a vedere quanto si ha già avuto (od ottenuto) credo sia fondamentale per essere contenti (molto naif, lo so, sarà l’aria festiva…)

    Mi piace

  3. @ Simple: credo che tutto dipenda dall’educazione. Conosco genitori con figli adolescenti che non devono rincorrere le mode per farli contenti, quindi il problema quanto meno lo vivono ridimensionato.

    Piuttosto, avresti dovuto vedere con che grinta la ragazza rivendicava i suoi diritti, oltrettutto alzando anche la voce e la mamma… amore, amore…
    mnnaggia… 😉

    ps: mala tempora currunt!!! 🙂

    Mi piace

  4. Pant, pant! Ce l’ho fatta sono arrivata finalmente tutta trafelata, capirete tre figli e solo 6 giorni utili a Natale!!! Ma certo che dipende dai genitori, loro sono bambini e vengono educati a chiedere e a vedere i loro desideri realizzati fin da piccolissimi: due lacrimucce, un broncino e tutto è concesso!
    Purtroppo spesso facciamo i figli per soddisfare il nostro ego, poi siamo troppo presi dalla carriera per starci dietro e allora i regali ed i soldi servono a placare i nostri sensi di colpa. Si cerca di comprare il loro amore con l’I_phone!
    Bene faceva quella ragazza ad alzare la voce con la madre e a rivendicare i suoi diritti! Oh Cielo: sciarpa, guanti e cappello intonati….un occasione da non perdere!! Sai il nome del negozio?

    Mi piace

  5. @ Solindue: beh, se l’avessi sentita (la ragazza…) non so se saresti stata dello stesso avviso… 🙂

    Oh Cielo, mi sono dimenticato di chiederle dov’era il negozio, poteva essere un bel rehgalo di Natale… ‘nnagg… !!!

    Mi piace

  6. follettabacibaci

    Art, buon oggi, sono passata a lasciare una richiestina sul sito che mi hai indicato, ma mi sa tanto che ho fatto come al solito un casino totale, grazie Art grazie tantissime, ma non è come vorresti tu, prima di natale di mando una mail per farti gli auguri e dirti
    Baci baci Folletta

    Mi piace

  7. Beh il mio di bambino che come sapete ha 8 anni chiede quello che gli piace ma ha ben capito almeno da parte mia che sono stata abituata così, che non tutto si può avere…non riverso su di lui le mie mancanze anzi, sa benissimo che i soldi oggi giorno sono quello che sono e se proprio desidera una cosa come la “Wii” dovrà mettere i suoi soldini da parte come facevo io per mesi….magari qualche genitore mi giudicherà crudele, ma perchè non capire il valore del denaro soprattutto ora che non si arriva alla seconda settimana del mese con il solo mantenimento e in due?
    Poi ovvio se un mese c’è un pò di più una sorpresa si fa con molto piacere e per vedre i suoi occhi felici…
    Non si dice che basta il pensiero?
    Beh io ci ho pensato tanto…ciaooooooooooo kate

    Mi piace

  8. valeaparigi

    Si, questo è quello che mi chiedo spesso e un po’ mi rattrista e anche un po’ mi fa inviperire (lo sai, sono una gran polemica rompiscatole!) che questi ragazzini abbiano praticamente tutto e non si accontentino di nulla. Deve essere molto difficile fare i genitori in una società che più che proporre consumi li impone e fa passare soprattutto ai ragazzini che se vogliono essere accettati devono essere belli e alla moda, possedere ed ostentare. E’ triste che la maggior parte dei ragazzini (e non solo loro) non legga, non apprezzi un bel film, non si interessi praticamente a nulla che non sia cellulare, facebook e vestiti carissimi. Che pizza, sono diventata vecchia. SIGH, SOB!
    1bacione, gentile ragazzo!

    Mi piace

  9. @ Kate: sono d’accordo con te, bisogna abituare i figli al valore dei soldi, quindi nessuna crudeltà da parte tua, anzi, e poi è ottima l’idea di fargli mettere da parte dei soldini per comprarsi ciò che vuole, alla fine ne trarrà più soddisfazione.

    E sul basta il pensiero… dipende, alle volte può deludere, ma ripeto dipende sempre a cosa si da più importanza.

    Mi piace

  10. @ Vale: no, non sei polemica e rompiscatole, probabilmente dai più importanza a certe cose che a delle altre.
    Leggendoti mi è venuta in mente una scenetta alla quale avevo assistito un po’ di anni fa, (più o meno simile a quella che ho raccontato nel post…). C’era la mia ex compagna che discuteva animatamente con la figlia e ad un certo punto disperata e con le lacrime agli occhi (la figlia…) ha urlato: tu dici, dici, ma io non ho neanche le scarpe di Pollini… “

    Beh, dopo questa uscita (disperata… ), ci siamo guardati tutti in faccia, lei compresa e… siamo scoppiati a ridere. (tuttora se ci penso mi viene da ridere…)

    Insomma, oggi anche chi non ha particolari possibilità economiche, cerca di accontentare i figli magari comprando loro più del dovuto, per il resto, non si può proporre una povertà che non si ha e allora si confonde l’affetto con i regali, che comunque dipende sempre dai genitori, perché non tutti sono permissivi, anche quando vivono nell’agiatezza, anzi, alle volte sono più permissivi quelli che magari faticano ad arrivare alla fine del mese…

    Mi piace

  11. Ma secondo voi la PSP a Baby G. Babbo Natale gliela deve portare o no? perchè qui siamo ancora in alto mare, pardon, in alto ghiaccio, con i regali… voglio dire ha già il DS nintendo…però non ha chiesto altro… uffi che faccio mi aiutate???

    Mi piace

  12. @ Solindue: allora, ricapitoliamo… Baby G. non ha chiesto nulla nel senso che fa finta di niente sperando nel buon cuore della mamma o perché in effetti non ha bisogno di nulla? E nel caso sia quest’ultimo il motivo, come mai la mamma si domanda cosa regalargli?

    Parliamone!!!

    E comunque, se Baby G, è un ragazzo amorevole, come credo che sia, se è bravo a scuola e se non c’ha più di una fidanzata alla volta, mi sa che la PSP (sce cosa è mai?) se la merita, e onde per cui, mi sa che ‘sto regalo s’ha da fare.
    ‘nnagg… ‘sti regali!!! 😆 😆 😆

    Mi piace

  13. Non ci siamo Arthur mio, sarà il freddo…
    Baby G. ha chiesto solo la PSP (suvvia la Playstation portable) e l’ha chiesta privatamente a Babbo Natale (sai com’è abbiamo un canale privato noi…).
    Però ha già il DS Nintendo (che è similissimo)…
    Certo che è un bambino amorevole, a scuola…non importa ne parliamo un’altra volta, e fidanzate….è serissimo come la mamma!!!
    Che faccio?

    Mi piace

  14. @ Solindue: bella domanda che mi hai fatto!!!

    Allora, mi sono documentato. La pubblicità della PSP, recita così: “Con PSP™ e PSP™go hai nelle tue mani un mondo inesauribile di divertimento che ti permette di ascoltare la tua musica preferita, chattare con gli amici tramite Skype™, navigare su Internet e tanto altro ancora…”

    Adesso credo sia importante stabilire se veramente tutte queste funzioni, compreso il chattare e il navigare su internet, siano veramente utili per Baby G., altrimenti è solo un correre dietro al gioco più nuovo, e su questo abbiamo mi pare già discusso, ma… quel “a la scuola… non importa ne parliamo un’altra volta…” mi ha fatto accendere una lampadina, e allora… vorrei essere più inflessibile e non ho idea di quanto tu lo sia, ma è pur vero che siamo a Natale e se lui è un bambino amorevole, vuol dire che anche la sua mamma lo è e quindi… se lui facesse due lacrimucce, un broncino… 🙂
    E poi, Babbo Natale potrebbe chiedere a sua volta qualcosa in cambio, qualche promessa, se fosse necessario… eddai, non fare queste domande alla vigilia di Natale, mannaggia!!! 😉

    Brrrrrrrrrrrrrr… che freddo, dalle mie parti sta nevicando di brutto… adesso smetto di lavorare e m’incollo alla finestra a guardare la neve che cade… 😆 😆 😆

    Mi piace

  15. Oh Cielo! Ma il mio Baby G. ha il senso della misura assai!!! E’ un bimbo di 9 anni che ha chiesto un regalo (ed uno solo!!) a Babbo Natale, non è un bambinoi che è entrato in un negozio con la mamma ed ha iniziato a fare le bizze, battendo i pugni per l’ennesimo giocattolo…

    Mi piace

  16. alanford50

    @ PER TUTTI
    Perdonatemi l’evidente fuori contesto, ma mancano pochi giorni al Natale, quindi vista la mia vetusta età, 999 anni per chi ancora non lo sapesse, è bene che mi appresti per tempo a porgere gli auguri per le feste che velocemente ci vengono incontro, non vorrei mai che arrivassi per qualche arcano motivo in ritardo, quindi mi appropinquo a porgere a tutti indistintamente il mio più vero, sincero e caloroso augurio di Buone Feste, Buon Natale, Buon Capodanno (occhio ai botti ed alle ciucche) e per finire, per le sole Signore e Signorine Buona Befana, Buona Epifania che a quel punto e per fortuna ogni festa si porterà via.
    Giunti a questo punto d’obbligo è il tirar le somma, fare un po’ i conti e regalarsi dei nuovi proponimenti per il nuovo anno, visto che di quest’anno che volge al termine non mi posso lamentare, mi auguro e mi propongo di mantenere quell’equilibrio che me ne consentirà altri 99 uguali, tanto per non mettere limiti alla provvidenza o al destino.
    Un abbraccio nonnesco, unito ai miei migliori auguri di buone feste a tutti Voi ed alle vostre famiglie.
    Alanford50, Ciaooo neh!

    Mi piace

  17. Eccoci quà comincia l’aria di festa degli ultimi giorni, e quindi perchè non farti un miliardo di auguri?
    Spero che sia sereno e felice proprio come i tuoi ricordi di bimbo quelli scritti da Babbino, ma che siano comunque feste meravigliose da ricordare per sempre…con affetto kate

    P.S. non mangiare troppe olive col panettone eh!

    Mi piace

  18. @ Alanford
    Sai bene che ho “le scarpe tutte rotte”! ;-). Spero che per inviarmi le nuove calzature tu non abbia scelto la Freccia Rossa, altrimenti la vedo dura per la notte del del 6 gennaio; ma non ci vorranno i doposci? 😆

    Mi piace

  19. alanford50

    @ROMAGUIDO

    Diciamo che il rigore della divisa richiederebbe le scarpe tutte rotte, ma visto il gelo di questo periodo sono disposto a chiudere tutte e due gli occhi, quindi vada per i dopo sci, purchè siano almeno in tinta, ciaooo ancora aufuri a te e a tutti.
    Alanford50, ciaooo neh!

    Mi piace

  20. Ehy, ma non vi pare che qui siamo tutti troppo giovani per fare questi discorsi sui ggiovani d’oggi??

    I fondo quand’ero bambino oggi sentivo dire più o meno le stesse cose, dai “grandi d’allora”, l’unica differenza è che i beni di consumo sono aumentati a dismisura e così i potenziali desideri.

    I ggiovani d’oggi sono peggio dei gggiovani di ieri. A giudicare dalla mia generazione, non direi proprio, anzi…

    Mi piace

  21. @ Fra: qui nessuno dice che i giovani d’oggi sono peggio dei giovani di ieri, si fanno soltanto delle considerazioni alla luce di certi atteggiamenti che, senz’altro si trovavano anche nelle generazioni passate, solo che oggi c’è oltre ad un maggior consumismo, anche il bisogno di apparire a tutti i costi per uniformarsi a certe mode che proprio perché tali, lasciano il tempo che trovano.

    Tutte le epoche hanno seguito le loro mode ed anch’io non ne sono stato immune. L’esempio che ho descritto, è soltanto un caso che senz’altro non corrisponde alla norma, ma è emblematico non solo per certi atteggiamenti dei giovani ma anche degli adulti, che alle volte pensano di accaparrarsi l’affetto dei figli riempiendoli di regali, senza rendersi conto che fanno loro del male.

    O almeno, questo è il mio punto di vista.

    Mi piace

  22. @ Kate: ti ringrazio tantissimo per le cose che hai scritto e al di là di tutto, il Natale lo vivo sempre cose l’ho vissuto da bambino.

    Ti abbraccio e buon Natale anche a te e al tuo bambino.

    Mi piace

  23. Il regalo più grante me l’ha fatto Gesu la notte di Natale. Mi ha fatto capire sul mio divano sotto il piumino che le mie parole, la mia semplicità e la mia spontaneità potevano donare un momento di serenità a chi sereno non era.

    Il regalo più grande è stato il sorriso che è stato donato al mio cuore.

    Ha ragione Diemme e il regalo più grande mi è arrivato direttamente dall’alto….

    Mi piace

  24. Il regalo più grande è capire che è un grande regalo…

    La nostra amicizia è stato un grande regalo

    Il mio sorriso è stato un grande regalo

    Donare un sorriso è stato un grandissimo reale

    Ricevere un sorriso da Dio e un suo grande abbraccio è stato un grande regalo

    Avere i miei meravigliosi genitori è stato un gradissimo regalo e più sento storie di ordinari non genitori ringrazio Dio per la mia meravigliosa mamma e il mio meraviglioso papà, e anche per l’alieno, dai…

    La mia vita è un grande regalo

    Grazie Dio….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...