Gocce che colano…

Sali le scale e le pareti sono tutte una colata di cioccolata, con delle gocce enormi che sembrano lì per lì, cadere sulla testa.

Ma ve lo immaginate?

Sto parlando di un nuovo ed originale Concept-Store che è stato aperto a Tokio, dal nome particolarmente significativo, “Godiva”, nonché marchio del celebre Chocolatier belga.

Una boutique nata nella zona di business e shopping Harajuku, dedicata alla Tokio che può spendere, che porta la firma di un architetto famoso per la sua estrosità, Masamichi Katayama, fondatore dello studio d’architettura e design Wonderwall.

Lampadari di cristallo, vetrine piene di golosità, e sulle pareti… gocce, tante gocce (finte) di cioccolato, che sembrano colare sul pavimento…

Immagino che deve essere una goduria non solo per il palato (fatta la “spesa”…), ma anche per la vista, un po’ come trovarsi nella stanza segreta di Paperon de’ Paperoni, con tutto quel denaro che brilla, pronto solo per tuffarcisi dentro.

E’ la nuova frontiera del business? Un modo nuovo per proporre un prodotto?

Indubbiamente un’idea originale che, nell’epoca degli sprechi (per chi può permetterseli…), cavalca il concetto che per vendere, non bisogna dare nulla per scontato, neanche un prodotto che già soltanto per il nome si vende da solo.

Annunci

26 pensieri su “Gocce che colano…

  1. Luisa

    Ciao,mi sembra una bella idea,ma non ho capito cosa vendono. E’ una pasticceria?Credo che un arredo di quel tipo ben disponga i clienti golosi,ma io farei qualcosa in più. Si potrebbe far uscire dalle prese d’aria l’odore dei dolci o spezie che ben ci stanno tipo cannella,vaniglia,chiodi di garofano,anice. IL tutto, molto delicatamente,deve arrivare in contemporanea al naso e al cervello,affinchè la gente si senta bene e sia invogliata a spendere. Certo è rischioso,se l’odore disturba,il cliente scappa. Comunque,in un posto del genere,ci metterei volentieri una tenda 🙂

    Mi piace

  2. arthur

    Cara Luisa, vendono CIOCCOLATO e a quel che sembra, cucinato in tutte le salse.

    Wow!!!

    Il problema, poi, nel metterci una tenda è che, se da un lato è una festa per gli occhi e per il palato, dall’altro potrebbe esserci qualche problemino al fegato, o magari soltanto dei piccoli sfoghi tipo preadolescenziali, foruncolini e via dicendo… 🙂

    Mi piace

  3. Idea strepitosa. Approvo, anche se il locale in alcune stanze, almeno, mi sembra un pochetto buio e opprimente (ma si sa io soffro un po’ di claustrofobia).
    Certo l’idea della goccia di cioccolato fuso che sembra colare in testa è geniale, in puro tema “arte contemporanea”… ma la panna montata? Non ho visto la panna montata! Oh Cielo!

    Mi piace

  4. @ Solindue: beh, devo ammettere che alla panna montata non ci avevo pensato. Vuoi mettere che dei due, io e te, tu sei la più golosa? 🙂

    Oh Cielo… !!!

    Mi piace

  5. Silvia

    E se organizzassimo una gita collettiva a Tokio? 🙂

    Comunque, convengo con kokeicha che deve essere un posto terribile, anzi, come direbbe Arthur, dippiù, dippiù.

    Buona serata.

    Mi piace

  6. Marta

    In realtà a me già mette angoscia il soffitto del cinema che sembra stia per cadere ( ma è solo un effetto ) , non voglio neanche immaginare come mi potrò sentire lì dentro alzando lo sguardo e vedendo gocce che sembra mi stia cadendo in testa.

    Uhm , però ripensandoci .. magari qualcosina la compro! 😛

    Mi piace

  7. Luisa

    Solo cioccolato? nemmeno mezzo dolcetto?ok,la tenda la metto da un’altra parte. Adoro il cioccolato con le nocciole,ma GIA’ so che mi fa quando ne assaggio qualche decina di quadratini…dopo overdose di nutella, ora nemmeno la guardo… 🙂

    Mi piace

  8. alanford50

    Insomma questi orientali non sanno essere originali fino in fondo, sanno solo fare imitazioni (fatte male per giunta), pazienza se dal soffitto e sui muri colasse vera cioccolata, in modo da permettere agli avventori di toccare con mano, anzi, con dito, come si fa con il vasetto della nutella….

    Essendo io un gianduiotto puro sangue non ho bisogno di andare così lontano per trovare quel nettare vero, io abito a pochi chilometri, ed in certi casi addirittura di metri da un triangolo maledetto, che non è quello delle Bermuda ma quello della cioccolata appunto, ad un 100 mt circa c’è la fabbrica dei panettoni e dei Rumetti (cioccolatini ripieni di liquore) “GALUP”, a qualche Km la Streglio, la Caffarel e la Balocco, più una miriade di piccole situazioni artigianali, insomma solo a respirare normalmente l’aria delle mie parti si rischia di diventare tutto ciccia e brufoli, altro che il Giappone…
    Ciaooo neh!

    Mi piace

  9. alanford50

    A dimenticavo…. ad un paio di chilometri c’è anche una piccola azienda artigianale di pasticceria che vanta addirittura con tanto di certificazione e di brevetto della formula della torta “Zurigo” SLURP SLURP ed ARCISLURP…………………

    Mi piace

  10. Per il palato non ho dubbi e anche per la cura emotiva della solitudine….
    ma queste goccione che sembrano cadere dal soffitto…un pò di ansia mi mettono…

    kate 🙂

    P.S. già detto a Sol ma questo mese non riesco proprio a scrivere articolo…sono a riposo forzato non so per quanto…

    mi perdoni?????????????

    Mi piace

  11. Luisa

    …i RUMETTI di cui parla Alanford devono essere una meraviglia…cavolo,riuscirei a prendermi anche una piccola sbronza coi cioccolatini con l’anima al rum…e pure a farmi ritirare la patente… 🙂

    Mi piace

  12. @ Luisa: ma no, dai, non solo cioccolato… nel senso che c’è ogni bonuria che si può fare con il cioccolato.
    Comunque, vado a chiedere se ci sono anche i cioccolattini con l’anima al rum e poi magari ci facciamo un giro insieme… 🙂

    Buongustaia!

    Mi piace

  13. @ Marta: non preoccuparti cara Marta, ti accompagniamo noi, così mentre tu cammini dritto per non guardare il soffitto, noi spilucchiamo un po’ di cioccolato… 😆

    Mi piace

  14. @ Alan: maddai, Alan, a me sembra una cosa spacchiosissima, creativa, anzi, dippiù, dippiù… è un po’ come quella storia del “l’architetto che ha creato quell’arredamento, “c’ha avuto l’idea”… insomma è una genialità, mi spiego? 🙂

    Comunque, Godiva, è un cioccolato svizzero e lì ha aperto uno Showroom, e come poteva essere il locale se non così? 😉
    Conosco le meraviglie che tu, senza dirci nulla, assapori indisturbato… ‘nnagg… !!!

    Mi piace

  15. simple

    Meno male che abito qui e non lì. Starei tutto il giorno dentro quel negozio. Pure tutta la notte, se devo essere onesta.
    🙂

    Mi piace

  16. Ieri, dopo aver letto questo tuo pezzo, sono andata a fare un giretto in internet e ho trovato immagini fantastiche di questo posto. Penso che andarci e fare la spesa non mi darebbe soddisfazione. Sarebbe più soddisfacente addentare un pezzo di parete o ancora meglio arrampicarsi sulle pareti e mordere una goccia che pende dal soffitto. Mi sono immaginata una casa tutta di cioccolato in cui vivere a tempo determinato, fino a quando risulta abitabile. La mia vita di tutti i giorni nel mio spazio di cioccolato e non più di luce. Mi alzo e vado nella mia cucina di cioccolato e mentre mi scaldo il latte nel microonde sgngno un pezzo di parete e mi scaldo al forno una fetta di pane. Faccio la doccia prima di vestirmi e mi mangio un pezzo di cioccolato. Mi reco nella mia camera armadio e i miei vestiti profumano di cioccolato. Pronta per uscire chiudo a chiave la porta e stacco un pezzo di mobile di cioccolato bianco. MMM che bellissima emozione pensare al mio spazio di cioccolato.
    Luce golosa

    Mi piace

  17. Luisa

    Lo zaino è pronto…noleggia un pulmino, e poi un volo charter…il club dei golosi è nutritissimo:) ciao,buon pomeriggio 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...