L’angololino…

© arthur
arthur (angolo delle chiacchiere) dice: 
Maggio 26, 2008 at 1:58 am

 …beh, sapete com’è, io la mattina mi sveglio presto, purtroppo, anche se dormo poco, forse perché non ho il sonno del giusto, come dicono certe sagge dicerie popolane… evvabè, stavo dicendo, mi sveglio presto ed allora apro la porta, m’affaccio sul terrazzo e, ragazzi, che giornata, il cielo è talmente limpido che quasi viene voglia di toccarlo, e poi lo spettacolo sotto di me, quel magnifico golfo, forse è per questo che lo chiamano “la romantica”, con le barchette che si riflettono dentro nell’acqua, tutto un silenzio e il mare immobile, sembra una tavola, quasi volesse vedere se mi fermavo a guardarlo, o forse m’aspettava… boh…

‘nnagg… lo sapevo, Piccola Ema fa già i capricci ed allora, entro di corsa dentro casa, la prendo in braccio, le asciugo con un dito la lacrimuccia sulla guancia e la porto fuori sull’altalena che, lei come sempre ama da morire ed allora mi guarda, si attacca con le sue manine stretta alle corde, incomincia a dondolare e ride felice; nel frattempo arriva anche Pan, che chissà perché ha in mano una borsetta, come sempre quando c’è il sole frigna un po’, ma solo perché a lui piace la pioggia, ma oggi c’è il sole, che posso farci se a lui piace la pioggia e a me piace il sole e poi il sole e la pioggia non sono complementari e… scusate mi sono perso, mentre ci penso su sento la voce di Engel che canticchia, sgambetta con il suo pannolone dalla cucina e con le sue manine alzate in alto, va verso Pan, ride felice, gli si avvicina e cerca di accarezzarlo e mentre che lo fa, lo guarda felice e poi ride, ride, ride felice, poi mi giro è c’è anche Tenerisia che nel frattempo si è seduta sulla sua poltrona preferita con sotto, malgrado il sole e poi più tardi il caldo, la copertina di lana rosellina, con il suo cappellino di paglia giallo con la visiera larga, proprio per il sole, e con il musetto un po’ imbronciato. “Un attimo” le dico, “arrrrivooo… mannagg… “… arriva anche Petite_Adorée_Elle, e come sempre c’è una luce che incanta, si avvicina pure lei a Pan, si gira verso di me e mi sorride guardandomi con i suoi occhioni belli; prendo anch’io la mia sedia preferita, mi siedo vicino a Tesorisia, le appoggio la mano sulla sua gambetta e… clic, clic… l’autoscatto fa clic… la foto è già scattata, la foto magica!

Questa è la rete (e la vita) che adoro, dove non esiste stizza e rancore, dove, come direbbe nonno Archi, basta poco per stare bene insieme,

Ieri, una giornata così: incomprensioni, ripicche, voglia di rivalse, voglia di non comprendere.

Oggi è una giornata così: uno accanto all’altro finché arriva la sera e poi, il giorno dopo, per ricominciare.

Evvai!!!

Annunci

29 pensieri su “L’angololino…

  1. Davvero??!!?? E… Perchè mai? Da dove sono arrivate queste ripicche e la causa della tenzone quale sarebbe mai.. Scusa,prima che rispondi facciamo un piccolo promemoria: Tsunami umano a Lampedusa (i 25.000 non sono che l’antipasto probabilmente) Africa senza alcun assetto politico,non uno stato,ma mezzo continente.. Al Quaeda che sta dall’arrotino per riaffilare tutti i coltelli che possiede.. Giappone: tsunami vero, terremoto ancora in corso, radioattività come Cernobyl e isola di macerie e rottami al largo del Pacifico, pesci e uccelli che muoiono in massa, crisi globale, egoismo totale.. vogliamo preoccuparci per qualcosa di non chiaro su un, seppur illustre, blog?? Mah! Ok, siamo piccine piccine e carine carine!!!

    Mi piace

  2. @ Silvia: No, non è vera, ma è stata vera a lungo nei nostri cuori. Ora non so se ritroveremo il pezzo, ma fu descritto anche molto realisticamente il momento in cui fu scattata, da me sicuramente, non ricordo se pure da qualcun altro.

    Questa è una delle prime versioni, in cui manca ancora qualcuno che fu aggiunto più tardi, la mia adorata amica Nunzy Conti, l’impagabile blog-cugino Piemme, i loro rispettivi cagnolini, e poi la carissima Osolemia (da noi chiamata Raggio di Sole).

    Ora, siccome se non ci mettessi la parolina soverchia non sarei io e non mi potreste riconoscere ( 😆 ), direi che […censored… ]: e vabbè, stavolta mi sono voluta rovinare e la parolina soverchia non l’ho detta 😉

    Un bacetto alla dolce Petite, che chissà come si sarà fatta grande!

    Mi piace

  3. …questo racconto è un chicco!!! 🙂
    E’ un post che risale al 2008…quindi son tempi belli , ne deduco!
    In più penso che tu sia una persona che non porta rancore
    e che cerca sempre di trovare almeno un lato positivo
    ai tanti accadimenti della vita.
    Ma mi fermo qui perchè questo passato, così carino, merita una lettura senz’altro dolce dolce. In fondo la merenda non è bella, senza la Nutella!
    E quei bambini ne sono la conferma: la dolcezza è tutta lì.

    Bellissimo Déjà vù, come dice la mia amica DiS.
    vento
    Ps: tanto poi ritorno a curiosare 🙂

    Mi piace

  4. @ Carlotta: ecco cosa mi piace di te (tra l’altro… 🙂 ), Carlotta, che sei saggia e… ‘nnagg… non ti sei dimenticata qualche altra catastrofe?

    Eppure a quel che si dice sui media, sembra che i problemi veri siano altri. Qui, da queste parti, la singolar tenzone appena arriva svanisce, altrimenti come facciamo a preparare lo stomaco alle tue leccornie? 🙂

    Mi piace

  5. @ Semprevento: rancore, e perché mai? Ho avuto degli ottimi MAESTRI nella mia vita, e poi c’è sempre un lato positivo nelle cose, bisogna soltanto andare a cercarlo e alle volte è lì che ci guarda.
    T’immagini quanti bellissimi Déjà vù abbiamo nella nostra vita e non li ricordiamo più?
    Questa “foto” è la rappresentazione di ciò che ci lega in questo fragile mondo, condivisione (ricordi?), realtà e fantasia che si ha voglia, ci aiuta a vivere i momenti sereni senza strafare, in un senso e nell’altro, semplicemente.
    E poi, non bisogna aver paura di dire “ti voglio bene” oppure… mi dispiace. 😉

    Piccola nota: quando ho “scattato” questa foto, nella fretta di metterla on line anzichè l’Angolino, ho scritto l’Angololino e così è rimasto… 🙂

    Mi piace

  6. …gli scontri servono a far crescere…soprattutto se non si porta rancore.
    Mi viene sempre in mente la ragione per cui nasce un blog…eterno dibattito a cui io non ho mai dedicato un post…( mai dire mai)
    C’è sempre un modo per dire mi dispiace…e liberarsi del rancore…
    Ma qui cado in un ginepraio…e siccome sono vicende personali…ti dico solo che ho fatto una selezione di chi merita una scusa e chi invece merita l’assoluto diniego a non entrare mai più nella mia vita.
    Adesso concentro la mia attenzione sui bambini…i quali ci insegnano molto.
    E poi l’ho sempre detto che sei un uomo “d’altri tempi” super tecno!!!
    🙂
    @Carlotta!!!! sei in gamba!!! Mi hai quasi buttato giù dalla sedia, c’è sempre un giusto
    peso in te….non per nulla sei bravissima nelle dosi da usare in cucina!
    Grande Carlotta.
    …che una buona giornata vi accompagni 😉
    vento

    Mi piace

  7. … e io sperduta nel mare per tutto questo lunghissimo fine settimana … mi sa che mi son persa qualcosa.
    Suvvia diciamo la verità: l’ho scampata bella! 😆

    Mi piace

  8. @ Venticello: ho aperto il blog solo per cercare di comunicare, lo faccio (cerco di farlo) nel “reale” e voglio (cercare) farlo nel “virtuale” e quindi le liti, i rancori e quant’altro (scusami Pan… 🙂 ) sono bandite.

    Non ho mai avuto paura di perderci dicendo “mi dispiace”, perché al di là di ogni stupida ripicca, è l’unico modo per tendere la mano all’altro e ricominciare il discorso là dove s’era interrotto e poi, qualcuno deve pur incominciare, non credi?

    Uomo d’altri tempi? Evvabè, mi hai convinto! 🙂

    E per quanto riguarda Carlotta… anche lei è una donna d’altri tempi, dici che è in gamba? Dippiù, dippiù senz’altro, possiede l’ironia delle persone intelligenti, sa essere discreta e sensibile, arriva in punta di piedi e lascia sempre dei pensieri che fanno riflettere ed è con enorme piacere le ho offerto lo spazio per le sue ricette, che tra l’altro sono molto, ma molto, ma molto ma molto appetitose, ‘nnagg… !!!

    Ps: trovami una donna che frequenta il mio blog che non è in gamba… 🙂

    ps di ps: beh, una capatina alla Rotonda del mare per andare alla fattoria iaiaiaoooo si può fare. Com’è?

    Mi piace

  9. @ Solindue: tu sperduta nel mare per tutto questo lunghissimo fine settimana? E vieni anche a dirlo?

    ‘nnagg… !!!

    Non ti sei persa nulla, e comunque sia puoi anche andare in capo al mondo, perché c’è sempre un Cavalierestanziale per te. 😆

    Mi piace

  10. @Luisa: 😀

    @semprevento: sì, un vero “chicco”! Un giorno ripubblicherò i nostri “Angoli delle chiacchiere”, quasi tutti illustrati da Arthur, pieni delle nostre più o meno allegre – ma sempre doviziose – chiacchiere e vedrai, altro che serie tv tipo “Dynasty”! Migliaia e migliaia di commenti, spaccati di vita e affetti che si sono manifestati e intrecciati 😉

    Mi piace

  11. @ Tesorisia: l’angolo delle chiacchiere credo sia l’esempio più vero di cosa vuol dire condivisione. Ci siamo divertiti e allo stesso tempo, abbiamo imparato a stare insieme, superando tutte le barriere, la distanza, prima d’ogni cosa. Ed è lì che ho scoperto di essere un grafomane… 🙂

    Evvabè!!!

    Mi piace

  12. Non ci siamo solo divertiti, ci siamo anche sostenuti, e imparato a conoscere.

    Delle persone di quell’angolo ho conosciuto quasi tutti, amici carissimi che rimangono per me un patrimonio inestimabile. Avrei voluto pure incontrare, e mi manca tanto… va beh, lo sai chi è che mi manca, e sono contenta di avere avuto il coraggio di dirglielo, nero su bianco: per un pizzico di serenità, per me e per lei, senza sospesi.

    Mi piace

  13. Ma fa che ad essere di “altri tempi”siam diventati come fantasmi??Qui la genta punta e batte i piedi e noi.. ??Sorrisi scuse e perdoni.Forse meglio pirati e signori come cantava melodicamente Julio..e poi abbiamo una splendida piratessa sulla cassera(dico bene?) che non per niente si chiama Semprevento e,con il vento in poppa sulla nostra nave pirata, si và ovunque…sempre 😉 🙂

    Mi piace

  14. @Carlotta: ehm, mi sa che gli uomini d’altri tempi erano generalmente un po’.. come dire… ‘na ‘nticchia maschilisti: cavalieri, protettivi, però intimamente convinti dell’innata superiorità del maschio.

    Oddio, non che non mi piaccia ogni tanto trovare “un uomo d’altri tempi”, di quelli che ti aprono la portiera e offrono il braccio, ma (off topic) non sarà troppo alto poi il prezzo da pagare?

    Non ci sarà una via di mezzo tra lo sgomitazzamento e i tempi antichi?

    Ehm, mi sa che ho dato una virata al post 😉

    Mi piace

  15. …ma il mondo è bello perchè è vario!!!
    Quest’uomo d’altri tempi ha però in se una bella porzione abbondante di tecnogia, il che non guasta!!! Lo rende attivo, attento e presente a quelle che sono le esigenze della donna: LIBERTA’.
    Ciò significa che oltre ad avere un bel vezzo di galanteria, c’ha pure gli attributi!!!
    Ma chiaramente mi riferisco a tutti quegli uomini che stanno là fuori ( a dire il vero POCHI) e che attendono invano una donna che sappia apprezzarli….perchè noi, le donne, ce la mettiamo tutta per voler essere al loro pari…e anche di più, il famoso sgomitazzamento!
    Poi tra il dire e il fare c’è di mezzo sempre il mare!!!
    E tornando al mare…@@@Carlotta,
    non sapevo ci fosse il femminile di Cassero….la cassera…uhmm, mi sa di roba andata a male…e sia mai che sulla nostra barca ci sia un alimento avariato!!! …e chi lo sente il Capitano se gli propini i gamberetti che sanno di stoppino ??? vienvia….ci butta a mare come i gusci delle cozze!!
    Del resto, il Capitano è il Capitano!!!
    Oltretutto è anche grafomane…malattia assai rara ma non per questo esilarante e assai contagiosa, quando gli gira di traverso!
    🙂
    suvvia abbiate venia…
    i miei ossequi
    vento

    Mi piace

  16. ….Tresor…qui si entra in un vivaio di ostriche!!!
    …essendo io una donna abbastanza vissuta…mi dimetto!
    e torno sul cassero o cassera come meglio aggrata a Carlotta!
    🙂

    Mi piace

  17. @Vento:Sono tornata un attimo su questo post per leggere gli ultimi commenti che avevo perso,avendo trovato già il successivo argomento pubblicato.Pardon per l’errore,la definizione “cassero”non mi era affatto familiare ed è diventata “cassera”.A volte a noi blogger (non a tutti,s’intende)capita di ricordare male certi termini e dare risposte senza avere il tempo di verificare ciò che si è scritto,ed ecco lì giù a sparar caz…eri questa volta volutamente errato con la “z”…………………… 🙂

    Mi piace

  18. 🙂 ma Carlottaaaa!!!!
    Non sto certo a far caso…mi è piaciuta la Tua parola…cassera!!!
    Era un modo per sentirti meno estranea alle mie di cas…e!!!!
    Te , cara mia, potresti dire qualsiasi casserata..sarebbe sempre un bel sorriso….
    e magari un nuovo piatto!!!
    🙂 Le cassere di Carlotta!!!
    Storia di dolci e non solo….
    Potrebbe funzionare come idea editoriale??? sentiamo il capitano….che in
    questo momento l’è assente!!! 🙂

    Mi piace

  19. Se qualcuno prova a postare un’altra ricetta ipercalorica anti_prova_costume …. lo fulmino all’istante!!
    Ma che diamine! Siamo a metà aprile … qui bisona mettersi sotto con le diete insalatarie e non con le “Storie di dolci e non solo…”

    Mi piace

  20. ehmmm…cara Sol…non fà la furba!!!
    Te vai bene come sei…e noi non voglimo patire la fame con du mele cotte al giorno e rucola!!
    Io la prova l’ho fatta tanto tempo fa…andò benissimo…ora però, mi metto il ..pareo!!!!
    🙂
    E dai…un dolcettino al giorna fa andar forte il velista!!!
    la rima non c’è, però ..dai, hai riso!!!
    e a proposito del riso..un bel risottino alla cassera di Carlotta???
    con le cozze vongole e telline…du gamberetti, basilico fresco…
    gnamo su..poi fai le flessioni…e bruci tutto… ;_)

    Mi piace

  21. Buongiorno Arthur, ognuno uno naviga solitario, e
    quando ci si ferma a buttar la “rete”, solo i “Pesci Amici”,
    si fanno catturare.
    Molto bravo il fotografo e bella la foto.

    Un caro saluto
    Gina

    Mi piace

  22. Ciao Ventuccio,te lo invento tosto il risotto alla “cassera” a base di pesce come piace a te in privato dammi le coordinate quando puoi…ma vorrei inviare anche un bel messaggio confortante a Sol..Ora ti aspetti la ricetta della pastiera di Pasqua,vero??Eh no!quella è di famiglia e non si può dar…ti tolgo dal malaffare con una buona notizia perchè, nonostante sia un bel pò di mesi che Arthur me la chiede,neanche quella delle melanzane al cioccolato(ricetta personale che è un babà!)darò,ma un dimagrantissimo Salmorejo e Gaspacho decidi tu quando, con il titolo “TUTTI A DIETA CIOE’ al MARE con SOL”ad insaputa del Capitano sennò me fa la protesta……….. 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...