Parlare d’altro. Perché no?

Parlare d’altro e perché no?

Questa volta voglio fare un esperimento. Non scrivo nulla su cui riflettere e commentare, ma v’invito a parlare voi di qualcos’altro, a vostra scelta, anche senza ritegno, ma ovviamente nei limiti della decenza, altrimenti, peste lo colga ( 🙂 ); potreste parlare di cucina, di giochi, di uomini e di donne, di amore, di tradimenti, di speranze e di sogni anche ad occhi aperti, del vostro passato, presente e futuro (evvabè!!! ), del vostro lavoro, del capufficio, del supermercato all’angolo, del cascamorto che non vi lascia tregua, oppure delle vecchiette ringalluzzite sull’autobus, del mare, della montagna, delle vacanze, quelle da fare ed anche quelle a cui per qualche motivo avete rinunciato, dell’albero del vostro giardino (sic!), del gatto del vicino, del cappellino della signora del quinto piano, del vigile che ha l’hobby delle multe, della signora Cesira che un giorno sì ed uno pure, porta tacchi alti numero 15, insomma, nessun limite, purché si possa alla fine discutere e magari, perché no, ridere un po’.

Unico ingrediente richiesto, l’IRONIA, ma quella, conoscendovi, non vi manca di certo.

E così giusto per aiutarvi un pochetto, guardate questa foto che ho pubblicato, vi rammenta qualcosa?

Ebbene, questo grembiulino mi è stato regalato il giorno del mio compleanno, a novembre dell’anno scorso, da alcuni miei (cari) amici, preoccupati del fatto che non mi sporcassi troppo mentre cucino i manicaretti per loro, ovviamente.

Maddai, possibile che mi conoscano così bene? 😆

Annunci

66 pensieri su “Parlare d’altro. Perché no?

  1. Silvia

    Possiamo veramente parlare di tutto?

    Oggi sono stata dal parrucchiere e uscendo incontro una mia amica che guardandomi mi dice: come stai bene, ma seiii dimagrita?

    Sembrava contenta, ma sotto sotto ho avuto l’impressione che il tono di voce fosse un po’ acido, mi sarò sbagliata? 🙂

    Mi piace

  2. e come no!!!
    Certo che ti conoscano!!!
    e prima di leggere tutto mi son detta.. stai a vedè che quel grembiulino è di Arthur!

    …e quindi si può parlare di tutto ovviamente nei limiti della decenza… poi in separata sede Carlotta, Sol, Luisa ( ma l’invito è esteso a tutti quelli che hanno voglia di ridere) ed io ci troveremo sulla spiaggia ( qualunque spiaggia mi va bene) a parlare senza limiti…a Briglie Sciolte.
    Detto questo…che vorresti sapere?
    uhm…parliamo di cozze? Quanto son buoneeeeeeee!!!
    ma …tòh, m’è venuto in mente quando son salita la prima volta sul traghetto che ci portava in Sardegna…con la valigia a traino, il borsone e il beauty rosa….
    Ad un certo punto mentre mia figlia mi parlava …..spatapun, le son sparita davanti agli occhi…ecco, ho inciampato davanti ai ” marinai” , son caduta malamente lanciando il bel beauty come una palla da biliardo lontano da me.
    Gli addetti ai lavori, che carini…con sorriso stretto stretto ( in modo che non gli scappasse) sono accorsi…s’è fatta male? abbiamo anche il dottore…se vuole l’accompagno da lui..o preferisce che lo chiami qui?
    E io? “Se è carino perchè no, lo chiami!!!”
    Ma avrei voluto strozzarlo….e soprattutto seppellirmi nella stiva….
    che figuraaaaaaaaa!!! durante le 6 ore di viaggio li ho incontrati…stranamente ero l’unica a cui sorridevano tanto!!!
    ” Signò, come va il ginocchio?”….mmmmmmh…”bene , grazie..”
    ecco questa è una delle tante figurette….tanto per restare allenata!

    Mi preoccupa il prossimo viaggio!!!
    le danze sono aperte…io vi suggerisco …i difetti di….tanto per mettersi a nudo…visto che qui qualcuno è naturista!

    Mi piace

  3. Antonio

    Bell’avventura Semprevento, mi hai fatto ridere come un matto.

    Invece una volta ho fatto una gaffe tremenda, stavo salendo in ascensore in un albergo e prima di antrare arriva una signora distinta un po’ su di età ed io, spostandomi in parte le dico: prego signora. Lei mi sorride e mi dice che ero molto gentile.
    Le rispondo che era giusto che rispettassi l’età.
    Mi ha fulminato. 🙂

    Mi piace

  4. semprevento

    @Silvia: è per questo che io vado dal barbiere…perchè non incontro amiche!!!
    L’invidia…che bella patata bollente….rarissimo trovare qualcuno che ammetta di esserlo!! Io per esempio invidio chi ha un bel sorriso!!! Mi garba vedere un bel sorriso…di quelli a 1000 denti, bianchissimi e perfetti…anche troppo perfetti!!!
    Però la mia invidia si ferma qui..nel senso che le persone che riescono in qualcosa
    o arrivano a raggiungere mete particolari della loro vita…son felice per loro.
    Mia mamma è stata molto categorica in questo…e io ho un retaggio piuttosto forte.
    Qiundi non prendertela, casomai incrocia le dita o fai le corna….se sei superstiziosa.
    Vedrai che funziona!! E poi la miglior difesa è l’attacco!!!

    @ Antonio…hai riso eh! Pensa che mentre mia figlia leggeva il raccontino, pure lei rideva…
    e come non ridere? lei la scena l’ha vissuta e si ricorda benissimo.
    …” certo mamma ti fai sempre riconoscere!”….oddio io li per lì ci resto male…ma poi penso :chi non ha fatto un tuffo su una passerella ???? chi? Tutti!!!!

    A proposito…NO DAI, LO DICO IL 3 SERA….PER ORA RESTO IN SILENZIO.
    Non vorrei scatenare l’invidia di qualcuno….senza far nomi ( Arthur) il quale sicuramente si arrovellerà la pancina e penserà…chissà che combina ora venticello….
    🙂 urca !!!!
    all’ammiraglio dirò ..piacere , sono vento…te lo immagini?
    Mah!!! son capace anche di questo…
    per ora vado ma ritorno per la buona notte.

    Mi piace

  5. La prima che mi viene in mente?Ok, racconto la storia di Personaggio Famoso ad Ischia.Era venuto per promuovere un libro ,ma ha fatto anche film più o meno comici,ed è uno che ama la Filosofia..Insomma mi trovavo con la mia amica che è sempre un pò fuori di testa,ed avevamo avuto l’incarico di portarlo dopo la manifestazione,al ristorante e poi in albergo.Ebbene,la mia amica aveva un’auto nuova a gas e a benzina e proprio il giorno prima avevamo fatto un carico di SP,che doveva bastare per alcuni giorni,ma ero rimasta un pò interdetta dal fatto che il contatore non s’era mosso pur segnando la somma richiesta.A parte che la serata già si era presentata strana perchè nel momento che fummo servite noi,ci dovemmo alzare subito perchè Personaggio Famoso,data l’età, doveva rientrare ed io lasciai lì il piatto restando praticamente digiuna,ma come se non bastasse,mentre attraversavamo Casamicciola la mia amica ,che era alla guida,improvvisamente incomincia ad imprecare e dopo un pò,la macchina si ferma..finita la benzina,ore 2,00 di notte..Telefona al nipote un ragazzo,unico ancora in piedi,mentre Personaggio Famoso era diventato una sfinge di sale,ed il ragazzo,ancor prima che lei parlasse,fa:”No zia grazie la macchina non mi serve!!!”Non aggiungo le imprecazioni ulteriori,mentre Personaggio Famoso pregava con un filo di voce!..A quel punto ,la fortuna(per Lui) volle che arrivò all’improvviso un auto con dei fan di P.F., i quali,sorpresi dal fatto che Lui era su un auto ferma,si fermarono anche loro e,saputo quello che stava succedendo,lo caricarono in auto e lo portarono a destinazione .Nessuno si preoccupò di noi,che ovviamente dicevamo, spavalde,di non avere problemi per non creare altri casini,per cui quasi all’alba trovammo un tassista che ci accompagnò a prendere una tanica di benzina e finalmente facemmo ritorno a casa.In seguito ci hanno detto,che solo per caso,tutti i cronisti quella notte erano già rincasati altrimenti saremmo finite su “Chi”e company,come quelle che avevano attentato alla vita di Personaggio Famoso(che qualcuno di voi,forse,avrà anche individuato)con tanto di foto segnaletica mia e dell’amica “pasticciona”perchè bastava spostare una levetta e l’auto sarebbe andata a gas….

    Mi piace

  6. Buongiorno a tutti, che belle storielle che avete raccontato.
    Io, purtroppo, oggi sarò via, ma la mio rientro vi racconterò qualcosina anch’io, magari chissà che non ci scappi qualche mio disorientamento letterario… 😆

    Evvabè, vi lascio in buona compagnia (Venticello, Luisa, Carlotta, fate gli onori di casa mi raccomando)

    Buon 2 giugno! 🙂

    Mi piace

  7. di che ti scrivo ?
    stanotte ho scritto un SOS alla tata di la7
    stamane ho inviato un sms al mio quasi boy che non vedo da venerdì….e lui nel perfetto inglese di Cambridge mi ha risposto so busy to work….o qualcosa del genere
    ora sto scrivendo un commento a te
    il punto nella mia vita è che non riesco a fare le cose da sola, ho passato infanzia e adolescenza a inventarmi sempre una soluzione per tutto e riuscivo sempre a venire fuori da ogni situazione, anche dagli attacchi di panico notturni, sai quelli dei bambini che hanno i parents che dormono come sassi, adesso ho una contabilità da riconteggiare e mille scartoffie da avviare, una vita da ricominciare ed è come se stessi sullo step dei centometri e aspettassi il via,
    soffocante attesa priva di idee e battiti
    andrà bene lo so…ma nel frattempo scrivo….ad occhio penso che siamo in tanti….ma forse mi sbaglio ( è per questo che ho scelto un lui che non si ferma mai )

    Mi piace

  8. Luisa

    Giorno libero di Elli Mae nostrana( da piccola ridevo come una pazza per le avventure dei Clumpett).
    Dopo tanto lavorare Elli ha finalmente un giorno libero. La gioia è tanta, e si vede. Gli amici le chiedono dove trascorrerà la giornata, lei risponde che va in città. Faccine preoccupate, ma le augurano di divertirsi. Lei quasi non ci dorme la notte tant’è emozionata. L’indomani, parte presto, qualche ora di viaggio ed eccola in città. Che bello! Prima telefonata all’amica per comunicare che è arrivata. Compra una cartina della città ed è sinceramente convinta di riuscire ad arrivare in centro. Ad ogni incrocio gira la cartina, la gira sempre più vorticosamente, che frescura, peccato che siamo in inverno! Non ci capisce niente, altra telefonata all’amica per chiedere indicazioni precise,annota tutto, si, certo, ce la farà. Un altro po’ di strada, niente da fare. Ad ogni telefonata(ne ha fatte tante) da cabine diverse, ha notato lo stesso annuncio scritto a pennarello di una coppia che offre prestazioni sessuali a pagamento. Le viene l’ideona…e se telefonasse a questi dicendo qualcosa tipo “Ciao, non mi interessano le prestazioni sessuali,ma è chiaro che conoscete la città giacchè ovunque trovo i vostri annunci, quanto prendete per farmi da guida?” In un sussulto di dignità non fa quella telefonata,e arriva a destinazione per scoprire che…i negozi aprono dalle 15,30…sigh…il pullman parte alle 17…e volete che non arrivi con anticipo alla stazione?E’ partita con l’entusiasmo di una quindicenne, tornata a casa con la stanchezza di una di 90 anni…quasi un sollievo l’annuncio dell’amica “Cara Elli non verrai più sottoposta ad un simile stress…sai quanto ti ci vorrà per avere un altro giorno libero????”

    Mi piace

  9. Povera Elli!!!
    Non conosco le origine di questa Elli ma mi sta troppo simpatica…
    anche lei si perde come me…possibile perdersi nella propria città?
    🙂 succede anche questo alla ventolina! Eppure essendo io un’osservatrice…mi perdo tra frecce e cartelli…o ma son tutti uguali…o rossi o azzurri… CON FRECCE BIANCHE.
    Va beh, quando avevo l’auto era una musica diversa…lì per forza seguivo le istruzioni…
    ma con lo scuterone ero una belva…quanti vaff….ma io imperterrita pensavo..”ma che vuole quel citrullo…Boh!”
    Quando presi la patente , anzi alla prima prova d’esame l’istruttore che esaminava la mia guida dopo la prima curva mi disse….” signorina accosti e scenda….ma che crede di guidare la cavalleria rusticana all’attacco?”
    boia dè, che colpo, mi bocciò all’istante…..senza diritto di replica….mi sentivo da Formula uno, una curva a gomito senza preavviso come a dover seminare l’avversario…non gradì lo sballottamento…. e io la bocciatura.
    Alla seconda prova invece fui un angioletto, tutta composta e a modino…capelli legati e composti, sguardo da bambina…mi promosse ma solo perchè il mio vecchio istruttore mi aiutò tanto.
    Ero troppo emotiva a quei tempi 🙂
    Presa la patente avevo ad attendendermi sotto casa la famosa Tipo….e che tipo !!!
    Il primo parcheggio al supermercato…bella roba, ma non lo sapevo, cioè non ci pensavo proprio che dovevo guardare dietro per far retromarcia!!!
    Sentii una botta che mi lasciò esterefatta…avevo preso in pieno una ipsilon nella fiancata mentre sopraggiungeva….poverino….
    e fin lì ci sta la distrazione….ma soppraggiunse anche la seconda…..
    sempre nello stesso parcheggio ( secondo me portava sfiga) presi in angolo un bellissimo BMV 2500 nuovo di pacca …500 mila lire di danno…il proprietario era distrutto dal dolore…io mortificata .ma questo non gli impedì di dire che le donne al volante erano un danno perenne….Tutti i torti non li aveva….
    Da quella volta però non è più accaduto nulla….ho cambiato supermercato!
    Ma ho migliorato il tiro…non faccio più centro…. 🙂

    …tanto per far due chiacchere aspettando l’ora della partenza, la mia
    e il ritorno del Capitano.

    @ delicaterose….
    sei così delicata…ma mi pare bella tosta! 🙂

    A presto
    🙂

    Mi piace

  10. Luisa

    Vento, andavo ad esplorare una città nordica bella bella, tanto fredda e umida…per vergogna ho taciuto il particolare del pranzo. Trovato ristorantino con menù turistico, per 20 mila lire ti potevi ingozzare, ti pare che mi tiravo indietro? Il cameriere mi faceva sorrisoni, mi aveva portato un meraviglioso piatto di farfalle, enorme e buonissimo. Mi sono cibata del cibabile, ho pagato e sono uscita serena nonostante la giornata di cui sopra…In meno di un’ora mi sento male, arrivo rantolando e con anticipo alla stazione degli autobus…quasi invocavo la mamma, tanto mi sentivo morire…che bel giorno libero!

    Hai mai pensato di giocare a baseboll? con quella capacità di fare centro, avresti un futuro 🙂 …però guidare la carica della cavalleria rusticana è troppo divertente :mrgreen:
    Io non riesco ad orientarmi e credo non riuscirò mai…eppure oso…ma è bello anche così…

    Mi piace

  11. Ho capito perchè andiamo d’accordo noi tre..e senza verdersi e frequentarsi non è facile!Noi siamo quelle che si perdono..ma senza neanche scomodarsi più di tanto..viene naturale e poi,con la stessa..innocenza,ritroviamo la strada del ritorno.Io ogni volta che mi perdo,in Autostrada,sia quando andavo a Napoli,che sulla Caserta-Roma per andare dal mio biologo,finivo a Nola.Non so perchè..un posto che non mi dice niente,ma era un incubo..finivo sempre lì!Una volta ero con mia madre,faceva un gran caldo tipo 40° e si doveva arrivare dalla dentista al Vomero a Napoli,e mi trovai ancora una volta davanti, il cartello ‘NOLA’,mia madre ,con voce flebile diceva:”Non arriveremo mai!!”Ed io senza alcuna reazione apparente,presi il telefonino e chiamai un mio amico dicendo:”Sono ad un chilometro da Nola,dove devo andare per tornare a Napoli??”Era uno sfogo,sapevo benissimo che lui non poteva fare niente,sembravo Peppino e Totò a Milano che chiedevano dove andare al vigile che li mandò a quel paese,ma per non scoppiare a piangere feci la telefonata.Il bello fu che poi la strada la trovai da sola!Ho risolto eliminando tutto ciò che è lontano,dentisti,e medici di varie branche, cancelled!I miei medici arrivano da un lato a Nocera e dall’altro ad Eboli e se Cristo si è fermato lì,un motivo ci sarà anche per me.Me ne faccio una ragione.Come vi capisco,anche se io certamente sono la peggiore delle tre! 🙂

    Mi piace

  12. @ Luisa, pardon , ma Elli sei te???
    è una tua avventura??? tesorinaaa….. che pena però!!!
    E te Carlotta sei una frana….ma possibile che chi si somiglia si piglia???
    Tre testine in giro così….mamma, un ci voglio pensà….si parte per Roma e ci si ritrova sulla foce del Pò…è vero che tutte le strade portano a Roma ..ma non ci giurerei molto.
    Arthur con la sua flemma direbbe …ma signore…c’è il tom tom…:-) che secondo me una volta armeggiato da una delle tre poi farebbe tam tam…. 🙂

    Via ritorno belle donne..non fate danni nel frattempo…
    poi vi racconto di quella volta che……….
    🙂 ciao ciosssspine
    Uhmm,
    ma il capitano tornerà?????

    Mi piace

  13. Ciao Buon Viaggio e Buon Compleanno!!!Te la meriti tutta questa vacanza,ma la prossima la facciamo insieme eh..?!?Con il tom tom e,se vuole venire,anche con Tom…Un bacione,a presto! 🙂 🙂 🙂

    Mi piace

  14. O Carlottaaaaaaaaa…ma che hai capito?
    mica vo via stasera…vo via sabato.., mi devi sopportà nei mie deliri un altro giorno…
    tiè!!!
    e volevo aggiungere una cosa… baseball? ..ma se non so cogliere nemmeno la prima mela grossa come un cocomero!!!
    🙂 che ridere…..una volta sola feci un centro pazzesco!!!
    te lo racconto dopo…ha a che fare con un fico maturo al punto giusto!

    Mi piace

  15. Luisa

    La giovane bionda è Elly Mae Clampett. Da poveri contadini, diventano stra-milionari grazie al petrolio,ma rimangono dei bifolchi anche se si son trasferiti a Beverly Hills 🙂

    Perdersi è tipico delle donne, e si, tre testoline come le nostre in giro per il mondo sono pericolossimeeeeeeeeeeeeeeeeee… Non oso pensare a me in Autostrada…un incubo che farebbe paura anche a Dario Argento 😥

    Mi piace

  16. Luisa, maremma zucchina, scusa ma .. Dario Argento si mette paura da solo quando si guarda allo specchio!!!
    e poi ti sottovaluti…ma chi l’ha detta ‘sta cosa che noi donne non abbiamo il senso dell’orientamento? l’hanno inventata dei tipi invidiosi perchè noi abbiamo il senso pratico delle cose e non ci lasciamo prendere dal panico! MAI!
    ..urliamo soltanto un pochino!
    Mi a figlia per esempio ha un senso dell’orientamento che frega anche la bussola!
    …è troppo avanti lei…è nata nell’epoca epocale…il millenovecentottantotto!!!
    Epocale lo penso io…ma non spargiamo troppo la voce!
    L’OTTO è un numero importantissimo…VERO CAPITANO????
    Senza allusioni chiaramente…senza nessuna malizia …e qualsiasi riferimento è puramente CASUALE!!!!
    ma torniamo alle avVENTUre di ventolina….
    tonji patonji…a fine racconto vi farete due risate .ricordatevi il tonji patonji che sono due giorni che la ciospina mia ce l’ha come motivetto in testa…mah.
    dunque…a proposito di mira..se non è mira questa…neppure Orazio ce l’ha…(CSI Miami).
    Un pomeriggio assolato caldo caldo…un signore che conoscevo da anni chiamò un ragazzino e gli disse che se catturava una lucertolina e me l’avesse tirata addosso gli avrebbe pagato un bel gelato! Ora io voglio bene alle lucertoline…ma non le toccherei mai…mi fanno un pò senso e un pochino schifino…
    Beh, siccome tra me e questo signore c’era simpatia , tanta davvero, un buon babbo di legno…quelli che ti vogliono bene e ti seguono senza far rumore perchè amici di famiglia
    di quelli veri…poteva giocare sempre a farmi i dispettucci….
    Io atterrita dalla cosa gli dissi che se faceva una cosa del genere gli avrei tirato di tutto…a portata di mano avevo un bell’albero di fico…e meglio di un bel fico maturo, si sa, non c’è! Il signore che si chiamava Benito, mi disse che non avrei mai avuto il coraggio di tirargli qualcosa in fronte…già , perchè io specificai dove glielo avrei tirato…
    e ..beh , così fu…un bel fico grosso spiaccicato in mezzo alla fronte…..un tiro precisissimo…netto e spappolato come …un fico maturo!!
    scappai…per una settimana non mi feci più vedere…un si sa mai…me l’aveva promessa ridendo come un matto…però…mica mi fidavo tanto….
    Romase nei ricordi suoi e miei…a distanza di anni, quando ci incontravamo…il ricordo andava sempre lì…
    quindi come mira …diciamo che mi son sciupata crescendo…ora neppure in un cesto grosso come le case riesco a far centro…con l’auto però, magari…riesco a fare ancora qualcosa…
    e tonji patonji….sono arrivata sin qui…da Arthur a far due chiacchiere…a sviare i pensieri…ho tutto il tempo per riprenderli….
    però abbiate venia..mica son tanto imbranata come sembra….solo un po’…magari se mi sforzo un attimino fo un capolavoro pittorico!!!

    e ora per sorridere con comico vero…
    ecco a voi..
    Arthur te non guardà….

    Mi piace

  17. Beh allora a questo punto con Tom tom facciamo il ballo del Tonji patonjie ci perdiamo tutti insieme appassionatamente,poi con lo scouterone riprendiamo la retta via e non andiamo per la tangente, arriviamo a Capri e mangiamo le cozze che per te sono taaaanto buooooneeee ed infine torniamo a casa con la cartina di Luisa che và letta al rovescio perciò la girava e non trovava mai la strada,io preparo una torta dietetica al cioccolato(?) e a questo punto Arthur entra in gioco dicendo:”E’ qui la festa?”Ma noi rispondiamo:”Eh no Arthur..No Martini no Party!Eccosivvia…….. 🙂

    Mi piace

  18. hahhahahahahahahahahaahahahahahah……….
    chissà come ci resta male!!!!! PORINOOO!!!!
    UHM..
    Allora siccome domani vò via davvero….
    alle 19 fate caso…sentirete una folatona di vento….che vi sussurra
    gud bai amore mio!

    mediterraneooooo aspettamiiiiiiiiii……
    siccome mi sento generosa….( tanto you tube è a gratisss)
    dal cilindro tiro fuori questa…oltretutto la musica è la mia!!!!

    eh che bella vero?
    mi ci vien da piangere!!!
    …e la nave , sarà un caso che si chiami Sinfonia??????
    🙂 bacione….a dopo!!!
    oggi a pranzo dalla mammina!

    Mi piace

  19. Bella bellissima…Peccato che non ami le crociere come idea di vacanza,sennò ero già lì e all’arrivo ti avrei adocchiata all’istante,(tra di noi ci si riconosce subito!)non ti avrei permesso il casquè con i marinai,perchè da buona Vergine,come segno zodiacale,sto più a preoccuparmi degli altri che di me stessa..e fatti un’idea chiara di dove si trova la tua cabina altrimenti ti perdi(tanto per non smentirci) sulla Sinfonia che finiresti per ribattezzare Insonnia …..capisci a me!Bacione 😉

    Mi piace

  20. @ Delicaterose: fermarsi, mai, e te lo dico perché in questo momento sto vivendo una vita piena di cose da fare sotto tutti gli aspetti, con anche qualche giornata da dimenticare e tra una cosa e l’altra, trovo il tempo di pubblicare cose nuove su cui discutere o riflettere, insomma, ho sempre pensato che l’inattività porta fuori strada, ci fa diventare estranei a noi stessi. Tra l’altro se non avessi nulla da fare, m’inventerei qualcosa, e poi scrivere fa bene, è un po’ come parlare ad alta voce, sapendo però di non essere soli mentre lo si fa.

    I battiti ci sono sempre e comunque e da quel che sento (leggo) di te, mi sembra che in questo senso non ti fai mancare nulla. 🙂

    Ciao carissima, ho voglia di novità: passo da te a leggere! 😉

    Mi piace

  21. @ Luisa: beh, anch’io non avevo mai sentito parlare di questa “Elli”, ma devo dirti che ho subito provato per lei un’istintiva simpatia e poi è così tenera che dippiù non si può. 🙂

    In effetti fossi stata in lei, quella telefonata l’avrei fatta, se non altro per vedere che tipi erano e magari, chissà, tra una notizia cartografia e l’altra, ci scappava anche una vacanza gratis tutto pagato, colazione all’inglese compresa.

    Ma scusa, Luisa, visto che non manchi di fantasia e soprattutto d’ironia, perché non scrivere per The best? Evvabè, conosco già la risposta, ma a me va benissimo che tu lo faccia nel mio blogghino e poi questa storiella è veramente gustosa e sotto sotto, ci sono tante cosine da capire, continua? 🙂

    Mi piace

  22. @ Venticello: com’era quel detto? Donna al volante pericolo costante!

    Mannaggia, sono tutte male lingue però. Comunque, mi hai fatto ridere come un matto, anche perché immaginavo la tua faccia (ho molta immaginazione, perdinci!) quando sei stata bocciata alla patente e quando hai centrato la macchina nel parcheggio. Ti sarai chiesta: ma perdindirindina, chi ha messo quella macchina qui nel parcheggio senza dire nulla? 🙂

    E a quel che sento andavi con “disinvoltura” anche con lo scuterone, e allora, ci credo…

    Comunque, mi dici per favore in quale supermercato vai a fare la spesa? 😆 😆 😆

    ps: ebbene sì, anch’io credo che Delicate sia parecchio tosta, basta andare a leggerla e te ne renderai conto. 😉

    Mi piace

  23. @ Carlotta: bellissimo, non conoscevo questa tua, come dire, passione per NOLA… Fantastica, quasi da scriverci un cortometraggio e già ti vedo davanti al primo “CIAK”, sudare sette camicie perché come da copione, arriverai ancora una volta a NOLA, senza saperne il perché. 😆

    Fantastica, ma che dico, dippiù, dippiù, FANTASTICA_DIPPIù!!! 😆

    ps: voi tre insieme siete er meio!

    Mi piace

  24. @ Venticello: Arthur, che poi non è per nulla flemmatico, direbbe: signore, visto che ho un accentuato senso dell’orientamento, posso accompagnarvi? 🙂

    E così in un sol colpo, vi porto in giro tutte e tre. Che dici? Fantastico, neh?

    Mi piace

  25. @ Luisa: vuoi dire che hai un futuro come attrice nei film di Dario Argento? 🙂

    ps: ma dove l’hai scovato quel video? Tra l’altro bellissimo quel banjo.

    Mi piace

  26. @ Carlotta: ebbene sì, cara Carlotta, la nostra Venticello_Ventolina_Venticellina, ci lascia per una settimana intera. Ha grandi progetti per questo viaggio, pensa che ha portato con sè quattro paero e non so quanti abiti slorluccherosi e noi? Saremo qui come al solito. 😦

    Ci mancherà? Dippiù, dippiù!!! 😦 😦 😦

    Mi piace

  27. @ Venticello: l’OTTO, cosa mi ricorda il numero otto?

    Fammi pensare, fammi pensare… ah già, mi viene in mente quella volta che andai al luna park e c’avevo anche tanta tanta voglia, ma come sempre capita, qualcosa si mise storto, nel senso che il calesse di Giò Pasqualino, detto il “Verduraio dalla Zampetta facile”, perché ogni volta che una signora andava nel suo negozio a comprare la frutta, lui diceva sempre che si poteva servire senza problemi, ma alla fine arrivava tosto tosto e come se nulla fosse, una volta le toglieva una fogliolina dalla maglietta, una volta la spostava amorevolmente per non farla sporcare, una volta l’invitava nel retro bottega per farle vedere la merce migliore, insomma, se ne inventava di tutti i colori, ma solo perché memore del fatto che il nipote era andato in Francia a comprare i cavolfiori che erano a quell’epoca la fine del mondo, perché dalle Alpi alle Piramidi, come se nulla fosse, scendevano tra il Manzanarre al Reno, senza colpo ferire e lo diceva senza ombra di dubbio la Francesca, detta la gioia degli occhi suoi, ogni volta che girava l’angolo tra via del Frammentario e piazza dei Ciospini tuoi, tipico luogo dove si riunivano l’otto giugno, tutti i Ciospini che chiamati a raccolta da una follata di Vento, erano lì a cantare e ballare, con ricchi premi e cotillons…

    Oppure no?

    Orcaccia, sai che non mi ricordo cosa c’è l’otto giugno? E’ forse quattro volte due la festa della Repubblica?

    ps: giuro che non ho guardato! 🙂

    Mi piace

  28. Luisa

    Arthur, come sai già non amo scrivere, non è il mio talento. Io sono donna da pensierini delle elementari, non molto oltre…
    Se Dario mi vedesse certe mattine, mi scritturerebbe senza indugio, e dietro minaccia di una mia gigantografia, mi darebbe pure un buon cachè.
    Volevo presentarvi Elli Mae, poverina, viene dalla campagna. La mamma, mi pare di ricordare, era una donna tanto fine,ma è morta presto e la piccola è stata cresciuta “alla buona”. E’ ruspantella, poco femminile,ma simpatica. Brani specifici su Elli ce ne sono pochi e pure inglese, peccato.

    Vento andrà nella nave del capitano Merril Stubbing (Love boat), al ritorno ci serve un racconto dettagliato 😉 Il video di Toni era da morire dal ridere :mrgreen:
    Credo che Carlotta abbia ragione, la mia cartina era al rovescio…oppure ho beccato l’unica con difetti di stampa. Non ci può essere altra spiegazione 😳

    Mi piace

  29. Tonji ..Luisa..Tonji Patonji!Lui si chiama Pucci e và a Colorado,la trasmissione di Italia 1.Io ho cliccato anche gli altri video e me li sono rivisti tutti..Da crepare dal ridere ma non è l’unico!Vento,anche se le auguro di aver di meglio da fare,non è detto che non può dialogare con noi,perchè sulla nave ci sono punti internet anche nei bagni deve solo girarsi intorno..Arthur!Finalmente sei tornato!!Non se ne poteva più senza Capitano,mio Capitano..non devi lasciarci troppo a lungo sole,non si sa la fantasia che strada prenda , incominciamo a scrivere divagazioni disorientate che sono quasi una seduta di psicanalisi alla “Alcolisti Anonimi”,quando entro,manca solo la voce che dice,”ciao Carlotta”, poi ci siamo in pieno.(Ovviamente l’ho visto nei film,non ho mai fatto parte degli A.A.)Ma ora vai via di nuovo!!!!…..

    Mi piace

  30. @ Carlotta: volevo dire che c’hai ragione, perché così è la storia anche se… – evvabè, le scrivo lo stesso – dunque, la prima, che poi forse sarebbe meglio chiamarla terza, perchè la prima veramente sarebbe un altra, e quindi non insistete, perchè sapete benissimo che poi me lo dimentico e non faccio altro che girarci intorno, per cercare di ricordarmelo, a proposito, vi ricordate come fanno le trottole? Io ne avevo una, da bambino, che lanciavo in aria con lo spago e una volta, ho preso troppo la rincorsa e l’ho lanciata fuori della finestra, che tra le altre cose era chiusa, per fortuna solo con le persiane, quelle di legno, si quelle che si usano in meridione e che generalmente restano socchiuse di giorno, per non fare entrare il caldo, che quando incomincia è veramente insopportabile, perchè si incomincia a sudare, e anche sventolandosi, non si sente per nulla refrigerio, e allora ci tocca andare sotto la fontana, che sempre in meridione, visto che spesso manca l’acqua, sono spesso asciutte con le cartacce dentro e i barattoli vuoti delle marmellate, non quelle di cotogna, che sono tanto buone, ma di albicocca e sorbetto all’amarena e – scusate ho deviato un po’ – stavo dicendo che la prima cosa che mi piace fare è andare al mare, che bello, ma che bello, chi non lo sa, non potrà mai crederci, però una volta che ci va, poi ci ritorna sempre, ma vi avverto, è meglio farlo coscienti di quello che si può trovare, bisogna innanzitutto portare l’ombrellone, che se il sole è alto alto, c’è il pericolo di scottarsi, poi ci vuole la scumarola, così se viene voglia di fare i castelli di sabbia, ci serve per scolare l’acqua di mare e raccogliere tutta la sabbia – scusate, forse questo non c’entra – continuo dopo con la seconda cosa che mi piace fare, evvabè, lo scrivo lo stesso anche se sono sicuro che voi non siete d’accordo, e già, ti pareva, perché trovare qualcuno che alla fine del discorso possa dire che volente o nolente – no, forse era nolente o volente, ‘nnagg… ,non me lo ricordo più e comunque fa lo stesso, anche perché forse qualcuno di voi mi ha capito, forse, forse, scusate, ho deviato un po’, stavo dicendo che adoro le marmellate, non quelle di cotogna, che sono per alcuni, tanto buone, ma di albicocca e di sorbetto all’amarena, tipica dei mari del nord, dalle parti dove sventola il Vento del Nord e dintorni.

    Beh, come ti sembra come ritorno (il mio)? 😆

    Mi piace

  31. Mi sembra che hai beccato il colpo di sole!Ecco che mi sembra ..scrivi strabico come un eschimese nel Sahara!..qui ci vuole Ventolina che ti prende sulla nave ti porta sotto la tenda parasole e ti fa aria come solo lei sa fare e poi ti canta la canzone del Titanic sulla punta della prua così pensi di essere Di Caprio ti metti a conquistare tutte le donne che ti Capitàno(non càpitano)a tiro e Ventolina ti tira la crema antiscottature sulla fronte e stavolta fa centro come tanti anni fa,mentre Luisa dà le coordinate per la rotta così facciamo .. TITANIC il Ritorno(ovvero come affondò di nuovo)e Carlotta si sporge dal parapetto della nave e trova un pinguino con in bocca un cartello con scritto NOLA e sviene ma viene soccorsa dai marinai e dal medico del traghetto di Vento,che nel frattempo sono stati assunti sul “SINFONIA” e mi dicono :”Su..su bella ..fate tutte così, tutta una scusa per conoscere il medico di bordo!!”..e Personaggio Famoso decide che andiamo tutti bene come ispirazione,per scrivere un suo libro strampalato e lo scrive in cinque minuti,il tempo che ci ho messo io per scriverti questa,solo che lui ci guadagna una barca..ma che dico..una nave da crociera… di soldi!

    Mi piace

  32. carlotta

    muahahahahahahahahah…siete fantastici devo ammetterlo…mi fate stare bene…tutti quanti….per quanto riguarda la storiellina ironica…non so se quanto racconterò sarà veramente ironico.
    Mentre prestavo servizio nel mio quartiere di zona (ahimè sono un vigile urbano ex dietista, ex equilibrista, ex sassofonista, ex esibizionista…tutte in rima ehhh?) la signora con figlia a seguito è colta in flagrante con il cane che la lasciato il suo bisognino per strada e per non incorrere nella sanzione si allontana rientrando in casa. Allora la figlia si ingegna e si arrabatta come può e non avendo con se né paletta e né busta, raccoglie il ricordino con l’unica cosa che ha, la patente (formato tessera).
    Da allora ho sempre guardato i documenti di identità sotto un’altra forma… sanitaria…:)))
    Buon vento a tutti

    Mi piace

  33. Oddio!!
    mi son persa!
    hahahahahhahahaha….scherzooooooooo, son sempre a casa!!!
    Mi volevo stampare tutto quello che avete scritto così non mi sarei sentita smarrita!!!
    E’ vero, siete di una simpatia unica…e LA CARLOTTA QUI SOPRA, DICE CHE STA BENE….FACCIAMO TERAPIA DELLA COMUNICAZIONE COL SORRISO!!
    O ciospiiiii, vado a tagliare il caschetto….
    manca poco…..e se mi viene un attacco di…mal di pancia?
    uhm….intanto ho preso i cerottini per il mal di mare…la mia ciospina ha paura che il mare si agiti…e allora mammina ha pensato anche a quelli…
    Bon…vi ho letti tutti….maremminaaaaaaaaaaaa……
    mi fate morì di primo mattino….sssssssssssssshhhh che la ciospina dorme sempre!

    un bacio immenso a questa bella gang del sorriso!
    fate i bravi…vi osservo ….hihihihihi
    vento

    PS: parlate d’altro????
    allora vi lascio la lezione per casa!!!!
    🙂

    troppo serio? uhm..in effetti….boh!

    Mi piace

  34. @ Carlotta: in effetti è tanto che penso di scrivere un libro, ma il problema è che ogni volta che mi ci metto, incomincio a disorientarmi, come dire che perso la bussola e allora come in un grande calderone attingo notizie su notizie, il solo problema è che nel metterle insieme ogni tanto perdo il filo… e già, ricordi? Il filo di Arianna, carina, carina, ma tutta panna, almeno così la chiamavano le male lingue, perché averbbero voluto anche loro passare da Nola che nel frattempo c’era acnhe Carlotta, ovverosia tu, che tra il dire e il fare, portavi a spasso la tua pupina cagnolina, che ogni volta che vede un pupino maschio, incomincia ad abbaiare, ma mi domando e dico, ne avrà preso da qualcuno? 😆

    Mi piace

  35. @ Carlotta (land): beh, in effetti non si può dire che la ragazza fosse una che andava troppo per il sottile, ma scusa, così giusto per saperlo, onde evitare multe incontrollate, quale sono le vie dove di solito ci sei? 🙂

    Comunque sia, come hai potuto vedere qui si sta pazziando, e tra l’altro Sol’ è via, altrimenti chissà cosa veniva fuori.

    Ciao, buon sabato e buona domenica.

    Mi piace

  36. @ Venticello: ma come non sei ancora partita? Quante volte te lo tagli il tuo caschetto?

    E poi, maremmina, sei sicura di aver letto tutti e tutto? Attenta che ti controllo. 🙂

    Un bacio immenso anche a te e buone vacanze.

    Mi piace

  37. Caro Arthur, voglio solo lasciarti (oltre ai miei) i
    saluti dei miei Padroncini (i miei Mici).
    Loro, non solo hanno sempre ragione, ma pretendono anche
    le scuse sopra dorate scodelle di appettitosi croccantini.

    Ti ricordo sempre con Simpatia
    Ti auguro una felice domenica
    Gina

    Mi piace

  38. Certo non da me ..mi mancano le basi,cavoli!Io tutt’al più divento rossa,balbetto e divento anche un pò scema,oppure una che sembra lontana lontanaaa..più lontana di Vento che non si sa dov’è,figurati che acchiappanza!Anzi ,a questo proposito ti racconto di quella volta che mi feci convincere di andare a fare la vacanzina a Capri da sola,tanto per godere dello stato di libertà acquisita,un pò d’anni fa.Ebbene ,incredibile ciò che avvenne a Capri,fui capace di non dare confidenza a nessuno anche se mi sentivo tristissima per questa cosa,al punto che parlavo solo con le commesse dei negozi (entrai in trenta negozi senza motivo!)ed i ristoratori ad ora di cena..che pietosamente insistevano per farmi compagnia,perchè circola anche lì la frase “Chi non beve con me peste lo colga”,nonchè quella che fa”Chi mangia da solo si strozza”e siccome non c’era l’eliambulanza disponibile e non volevano l’epidemia di peste sull’isola,decisero di intrattenermi fino al momento del conto,dopodichè finivo in camera con la tele accesa..proprio da sfigata!!La pupina invece dà confidenza quel tanto che basta,poi si fa inseguire e guarda gli altri cani come se lei fosse la marchesa D’abararadan Finzi Del Monte e Del Mare…valla a capì!!

    Mi piace

  39. @ Carlotta: che ti manchino le basi, non sembra, anche perché a disorientamenti letterari tu vai alla grande… 😆

    E comunque sia, andare a Capri e non dare confidenza a nessuno… maddai, come si fa? Vuoi mettere che seratine avresti passato? E poi magari incontravi il famoso principe azzurro con tanto di villa a strapiombo sul mare e piccolo yat parcheggiato sul molo, neon male neh? 🙂

    Mi piace

  40. Ma proprio perché mi sono imposto di parlare d’altro, volevo ricordarvi che il 12 e il 13 giugno si va a votare per i quattro referendum, due sull’acqua, uno sul nucleare ed uno sul legittimo impedimento.
    Votare ed esprimere il proprio parere in un referendum, è un diritto di ogni cittadino in una democrazia. Il referendum prescinde da ogni idea politica e ognuno di noi vota secondo la sua coscienza. Ed è quindi per questo che bisogna votare, perché così esprimiamo il nostro volere, qualunque esso sia.

    Mi piace

  41. Al massimo trovavo il principe sullo scoglio a strapiombo sul mare ed il kajak dietro lo scoglio che per salirci potevi rimetterci le penne come Apollo che fece la palla solo con la pelle del pollo e Pindaro che con le penne che aveva rimediato dalla palla precedente, volò tante volte che i suoi voli li vogliono tutti non come quelli delle compagnie aeree che non li vuole nessuno perchè arrivano in ritardo e La nave và.. di felliniana memoria ma Giulietta non ha Romeo e si scusa perchè anche lei và sola a Capri ma non s’annoia e no e no che non m’annoio.. no che non m’annoio..Continua…

    Mi piace

  42. Arrivo in ritardo… va bene lo stesso?!?
    No, perché di solito son precisa. Anzi, a dire il vero “precisina”, come una giovane zittella svizzera. Ma questo è un periodo terrificante per me.
    Nonostante adori il mese di maggio, e giugno sia il mio preferito (ho compiuto gli anni due giorni fa! Quanti non ve lo dico…), a volte penso di eliminarli dal calendario!
    L’elenco delle motivazioni è lunghissimo.
    Tra battesimi, comunioni, matrimoni, un moto raduno, il saggio di danza di mia figlia con relative prove costume, la dichiarazione dei redditi, corsi di aggiornamento, cene di fine anno scolastico e scadenze imminenti di lavoro (anche se rare e quindi da apprezzare e sperare che si moltiplichino, vista la crisi!), agogno un meritato periodo di riposo.
    Dirò di più: avrei bisogno di prendermi un anno sabbatico!
    Per quale motivo?
    Mi piacerebbe davvero poter coccolare il mio estro creativo, senza impegni ulteriori se non quello di dedicarmi alla famiglia.
    Poter fare quello che adoro: scrivere, fotografare, creare, studiare il nuovo progetto professionale che ho in testa da tempo, farmi propaganda con l’illusione di diventare famosa (eh, sì! Ora vengo…).
    Ma sono l’unica fuori di testa?!?
    A nessuno di voi è mai venuto in mente cose del genere?!?
    Oppure, semplicemente, quel che provo è un sintomo del “male dei nostri tempi”?
    Si dice che la causa dell’insoddisfazione sia il desiderio, che si può anche descrivere come attaccamento… E che a fare la differenza non è tanto quel che ci accade, ma bensì come vivamo quel che ci accade.
    Che ne dite… mi faccio un po’ di benzodiazepine?
    Naaaaaaaa… 🙂

    Mi piace

  43. Luisa

    Mi piace l’idea di essere io quella che da le coordinate al Capitano del Titanic, io gli farei evitare di certo l’iceberg. Guido male,ma aiuto benissimo gli altri, insomma predico bene e razzolo male! Poi col Tom Tom con le pile ricaricabili ad energia solare, non dovrei nemmeno aver problemi.
    Cercherò gli altri video di Tonji, guardo pochissima televisione, in genere sono i mattacchioni di Blob che m’aggiornano delle novità…
    Carlotta, capita di trovarsi in posti meravigliosi ma di non essere dello stato d’animo giusto per “simpatizzare in giro”, e a volte è questione anche di carattere…e non c’è nessun male ad essere così…prima me ne facevo un cruccio, ora non più…e sto bene lo stesso 🙂
    Buona domenica a tutti…Vento, divertiti anche da parte nostra…ciaoooo

    Mi piace

  44. Luisa

    @Ciao Paula, spero tu abbia festeggiato adeguatamente il compleanno 🙂
    Niente benzodiazepine, solo un periodo di ferie in cui si cerca di privilegiare le proprie esigenze rispetto a quelle degli altri…questo è l’unico modo, per affrontare con ritrovato entusiasmo la quotidianità…sembra facile a dirsi,ma a farsi…ciaoooo 🙂

    Mi piace

  45. @ Paula: a quanto pare, hai una vita abbastanza movimentata. Hai fatto anche un moto raduno? Sei tu il centauro?
    Vorresti prenderti un anno sabbatico? Quante domande, dirai… In effetti, devo confessarti che io vorrei prendermene più d’uno (di anno) se è per questo, per i motivi che dici tu ed anche per viaggiare, ma tutto sommato mi piace la mia vita incasinata e malgrado tutto, cerco di portare avanti ugualmente le mie passioni che ritengo siano imprescindibili dalla mia vita stessa. La creatività, se si possiede, è un “male” difficile da estirpare ed anche se la trascuri, lei ti tira per la giacchetta e trova il modo migliore per mettersi in mostra.

    Se penso alle cose che ho fatto in questi due anni e mezzo di blog, quasi quasi non riesco a crederci, eppure, pur essendo una valvola di scarico, ho scoperto di saper fare cose che non avrei mai pensato, ed è stata una scoperta piacevolissima e un’ottima spinta per farne delle altre.

    E poi a me succede una cosa stranissima, più sono impegnato e più riesco a trovare cose da fare, ancora meglio se sono in ritardo, è come se una forza oscura mi possedesse, più o meno… 🙂

    E’ vero, l’insoddisfazione è un male del secolo, ma è importante non sopravvalutarla, altrimenti qualsiasi cosa non ha più senso.

    Quindi, niente benzodiazepine, al massimo una bella camminata e i pensieri tornano come prima: più o meno!

    Auguri per il tuo compleanno! (non chiedo mai gli anni alle signore… 🙂 )

    Mi piace

  46. @ Luisa: ti nomino il mio navigatore di fiducia, che dici? Evvabè, dai, ti regalo un tom tom ultima generazione, che oltre che parlare, litiga anche con gli automobilisti indisciplinati. 🙂

    Mi piace

  47. Luisa

    Ok, accetto il regalo, mi raccomando che sia ultra-moderno, non badare a spese…mi piacciono gli oggetti tecnologici…se poi sa litigare con gli altri automobilisti, ancora di più…una scarica di insulti a quelli che tagliano la strada rischiando la loro pelle(e chi se ne frega) e la mia…

    Comunque ci vado a votare, è una occasione troppo importante per lasciar perdere…

    Mi piace

  48. @ Luisa: pittia (per te in Siculo… 🙂 ), non baderò a spese, quindi vai tranquilla, ne ho già visto uno che fa anche le liguacce. :lo:

    Ma t’immagini se esistessero veramente? Quasi quasi ne invento uno e lo metto sul mercato. A te le liguacce, come vengono? No, così riprendo tante linguacce e le memorizzo nello strumento supertecnologico. 🙂

    E per il voto, sì, è nostro dovere farlo, ancora di più in questo momento, visto che stanno facendo di tutto per scipparcelo questo diritto.

    Mi piace

  49. Luisa

    Mi vengono male, ma se frughiamo in internet qualcosa d’adatto si trova 😉
    -Se devi progettarne uno tuo, deve essere ricchissimo di optional…un oggetto polivalente che funzioni anche da sveglia etc…

    Per le elezioni, spero che si vada in massa, che il segnale sia forte e chiaro, non siamo pecore stupide…

    Mi piace

  50. @ Luisa: non preocuparti, le linguacce le facciamo fare a Carlotta e Ventolina e se si presta, anche a Solindue, e vedrai che figurone. 🙂

    E poi il nostro navigatore sarà full optiona.

    Già me lo vedo… 😆

    Mi piace

  51. Ehi ,ci siete?E allora che Navigatore sia,come disse Quello Lì a proposito della luce,ma non era l’amministratore delegato dell’Enel che parlava,ma un Capitano che ultimamente con le luci ha in comune l’intermittenza ,mi ricorda le lucine del Natale che ,con tutto il rispetto,sono tanto felice che sia lontano lontano…come Vento che chissà in quali terre lontane sta inciampando per conoscere il medico di bordo…che si deve fà pe campà!!!Luisaaaa.., passami a prendere col navigatore che poi facciamo un salto ..dove?mah lo facciamo a prescindere e sarà un salto ..in lungo! 😉

    Mi piace

  52. Luisa

    Ok Carlotta passo con la moto e sidecar…sarà spassosissimo…sono una schiappa anche con la bicicletta, figuriamoci con un super bolide…ci sarà la scusa per andare a far spese, ci serve il “corredino” da motocicliste serie…vrrrrrrrrrrrrrommmmmmmmmmmmm 😆
    Andremo ai motoraduni in sciame con gli altri colleghi…non vedo l’ora… si parteeeeeeee…

    Mi piace

  53. Mi piace da matti,soprattutto quando prenderemo in mano la cartina per capire dove dobbiamo andare ed incominceremo a rotearla come i mulini a vento con la speranza di capire da quale lato si legge,finchè finiremo,come in ogni scenetta comica che si rispetti,dopo una curva a gomito,diritte in un pollaio..e sullo sfondo la nostra Vento che inciampa su una piccola pietruzza che per sbaglio è capitata davanti a lei..

    Mi piace

  54. Luisa

    Wow, una full immersion in una fattoria didattica :mrgreen: dove arriva puntualissimo il contadino con un forcone per :
    1) rincorrerci per farci mollare le uova che “involontariamente” erano finite nelle nostre tasche.
    2)proporci una collaborazione attiva alla fattoria, e ci da lo stesso forcone per raccogliere il fieno
    3)costringerci a posare per simpatica foto ricordo da usare come pubblicità per la fattoria, con Arthur e Vento che ci girano attorno cercando il nostro profilo migliore, e ci sistemano artisticamente le piume di gallina…

    Mi piace

  55. Mi sembra che Einstein dicesse:”… Se in un primo momento l’idea non è assurda non c’è nessuna speranza che si realizzi” e, non so perchè, quando ho visto quell’immagine, mi è tornata in mente. Un salutone, Fabio

    Mi piace

  56. semprevento

    ……che silenzio!!!
    ieri sera mi pareva di esser sempre sdulla nave..ogni tanto mi sentivo trasportata di qua e di lò….mah…
    quella sensazione oggi non c’è…menomale….
    sarà che al primo mare un pò agitato ho fatto la mia bella figura da piffera….menomale che eravamo in cabina…erano le 6 del mattino…dovevo andare in bagno…mi sono alxata sballotata…avevo i piedi dolenti…capirai avevamo camminato non so quante ore girando per Catania….poi la sera tacchi altti e petto in fuori e pancia dentro…..la mattina ero a pezzetti….
    porca miseria u onda anomala mi ha sballottato…ho inciampato nella valigia che saretta aveva lasciato nel corridoio e boommmm…na botta secca a terra……tanto secca che sara si è svegliata…mammaaaaaaaa….che hai fatto????? stai bene????
    domanda incosciente”””eccerto che no…però le ho risposto che era tutto a posto….mi sono alzata avevo la caviglina sanguinante…..son tornata aletto col cerottino….lei mi ha detto ancora ..ma come hai fatto???
    e io” boh…però un pò malino me lo son fatto…
    Ma ……un due tre russavo già!!!
    Ecco fatto…e una!!!
    la seconda?
    mah….il tom tom mi ci volava…..avessi mai azzeccato il corridoio della cabina!!!
    8208…..a prua a poppa nel mezzo? e chi lo sa!!!!
    porca miseria….ma come è possibile???
    eh con me tutto è possibile!!!
    Menomale che c’era qualche cartello….ci giravo i tondo….e dopo mezz’ora arrivavo in cabina….
    intanto smaltivo le calorie!
    …………….alla prossima crociera porto LUISA…e Carlotta la lascio a poppa….così se la chiamo e non mi sente capirò che sono a prua!
    bella roba!
    bacio..per ora…devo scacciare la tristezza….ufffffffffff

    Mi piace

  57. Luisa

    Bentornata Venticello 🙂
    Lo sai, in quei pochi viaggi in nave che ho fatto( cabina da poveri, bagno in corridoio), temevo che mi avrebbero trovata il mattino dopo che giravo, giravo, giravo ancora in pigiama…per non essere riuscita a rientrare in cabina 😯
    Alla prossima crociera t’accompagno volentieri…l’ho sempre detto, che se non avessi avuto questo lavoro, sarei stata su una nave da crociera a farmi una bella vacanza…lunga lunga…roba da girarci una serie di Love Boat :mrgreen:

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...