A tavola con… Carlotta. Gattò di Patate.

E’ tanto che non proponevo una buona ricetta ed ecco che ci ha pensato Carlotta.

Una ricetta che, a me personalmente ricorda tanti momenti passati in famiglia, il Gateau di Patate ( a Napoli si dice “Gattò di Patate”… Carlotta mi ha sgridato, ‘nnagg… 😦  ), lo faceva la mia mamma ed era buonissimo anche da mangiare freddo, ed essendo in nostro un gateau Siciliano, c’erano ovviamente le immancabili melanzane fritte e la carne a ragù, ma quella fatta alla maniera Sicula, cioè non carne trita, ma pezzi di carne filacciosa cotti per tante ore nel sugo di pomodoro.

Insomma, una delizia che, alle volte e quando ne ho il tempo, faccio anch’io per i miei amici polentoni che, credetemi, apprezzano senza batter ciglio.

Ps: Socina bella, mi sa che ti tocca anche questa ricettina, ma tanto tu sei una sportiva, palestra, bicicletta, barca a vela, camminate per le vie di Firenze… 🙂

Ma altrettanto buona è la ricetta della nostra cuoca preferita, Carlotta e quindi, senza indugi, vi lascio nelle sue deliziose mani e… buon appetito.

 Gattò di Patate

  • 1 Kg. di patate
    1 bicchiere di latte colmo
    150 gr. di parmigiano reggiano
    1 provola non affumicata o 1 fiordilatte da mezzo kilo circa
    1 salame salsiccia morbido
    200 gr di margarina tipo Vallè (Omega 3 o Metà e Metà)meno 30 gr per
    imburrare la teglia
    4 uova
    pangrattato 70gr.
    sale e pepe una presa abbondante o secondo i gusti
                                                               

ESECUZIONE

Cuocere le patate fino al punto che uno stuzzicadenti entri ed esca facilmente senza resistenza. Pelarle e passarle con lo schiacciapatate. Raccoglierle in una ciotola aggiungendo una presa di sale e pepe a piacere e versare il bicchiere colmo (200 cl)di latte caldo mescolando rapidamente. Appena il composto intiepidisce, aggiungere le 4 uova sbattute, il parmigiano ed il salame a dadini piccoli, poi mescolare ancora in modo che tutto risulti ben amalgamato. Imburrare una teglia con bordi alti5 cm circa e setacciarvi il pangrattato facendo si che aderisca completamente e versare una metà del composto di patate. Dopo averlo steso bene in modo da pareggiarlo ovunque, deporvi le fette di provola o fiordilatte ed infine ricoprire con il rimanente composto. Spargere su di esso il restante pangrattato, evitando di far risultare cumuletti dello stesso e metterlo in forno ben caldo a 180 gradi per mezz’ora circa. Quando la crosta diventa dorata, ritirarlo e lasciarlo riposare una ventina di minuti prima di servirlo.

E’ tutto, spero vi piaccia!

by Carlotta

ps: noi Siculi, o perlomeno dalle mie parti, diciamo Gateau di Patate, alla Francese, perché i Normanni dopo essere stati  a folleggiare in Normandia, nel 1040 circa fanno una capatina da noi, in Sicilia appunto,  e indovina cosa ci portano di bello?  Il Gateau di Patate! 😆

Fonte certa, anzi, certissima: Nonno Archimede.
Annunci

31 pensieri su “A tavola con… Carlotta. Gattò di Patate.

  1. Abbiamo ingentilito e rettificato il nome ma vi assicuro che a Napoli si dice ” GATTO’ ” proprio così senza spostare neanche un accento,ma noi conosciamo “la langue” e lo rendiamo internazionale,Cara socina di Arthur,giuro che se non ne fai un’abbuffata, non fa danni, pensa che io porto ancora una taglia decente senza palestra da 5 mesi,figurati tu cosa puoi!!

    Mi piace

  2. @ Carlotta: 😳 😳 😳

    ps: quando metto le tue ricette (tue, tue, solo ed esclusivamente tue… 🙂 ), il contatore dei contatti schizza su in alto come se fosse impazzito. Vuoi mettere che mi tocca passarti il testimone? 🙂

    Orco, mi è venuta un’idea per il prossimo articolo( post).

    Mi piace

  3. Tu ,da buon maschione siculo,in certi periodi,tutt’al più passi il timone perchè eeehhh..si sa,le vacanze sono vacanze,il sangue ribolle e la “sguinzia”lancia i richiami,i segnali di fumo come gli Apaches.. e la luna..e il mare..e..lasciamo perde che è mejo..ed Io,Capitana di Fregata(sempre!) e la sottotenente di vascello nonchè più nota come Vento,ti teniamo sto timone e governiamo la nave fino al ritorno dell’Ammiraglio Assoluto..e non c’è stato manco bisogno di chiederlo!Ci passi le notizie via pensiero telepatico e noi lì con le pantegane i bucati,i massaggiati e gli elisir a far bisboccia al rhum,la musica del mare in sottofondo e Chichitita degli Abba alla radio sotto un cielo di stelle..che vacanza quest’estate raga,vero Venticè???

    Mi piace

  4. Mai mangiato e ho idea che non lo farò mai anche se penso che sia proprio buonooooooooooo, ma ci sono troppi formaggi e pure il bicchiere di latte e io sono fortemente intollerante al latte di mucca sigh sigh

    Mi piace

  5. Chi vuole può aggiungere anche il prezzemolo tritato e la provola affumicata o provolone e del pecorino grattugiato a metà col parmigiano,inoltre sarebbe ancor più saporito con il burro al posto della margarina,come ho sempre fatto in passato,ma data la bontà della nuova generazione di margarine,preferisco favorire la versione più dietetica.Vorrei provare a realizzarlo anche con il tofu per gli intolleranti al lattosio.Vi farò sapere 😛 😛

    Mi piace

  6. uff……sempre a parlare di mangiar!!!!
    io irei sera ho fatto la fruttura…quella che piace tanto alla mi’ bimba!!!!
    semplicissima….patate e ( per me zucchine e carciofi) e petto di pollo.
    la mi’ bimba era strafelice..erano mesi che non friggevo….:-)
    “Mamma come friggi te un lo sa fa ‘ nessuno!!!”
    ehehhhe bella la mi ciospina…come li fa lei i complimenti non li sa fare nessuno!
    sarà di parte????hihihihih
    buongiorno Capitano….t’ho scovato in tv…ecco dove sparisci….oltre alle tu donnine!
    ….poi ti mostro sulla mia piattaforma….così tutti vedranno il tu’ musino!
    spetta spetta…..ti sistemenrò a dovere!
    intanto becca un bacino….anzi no…un ti lascio nulla..così t’impari a fammi incavolà la Socina bella bella….
    vado…ma torno sa’!!

    Mi piace

  7. aaaaaaaaaaaagrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!
    macchè tradimento!!!!
    la Socina va appoggiata….va coccolata un po’….
    urca!!!!
    Il bacino a te , te lo lascio…è al capitano che non lascio nulla!!
    (..la carlitas quando cucina…tra pentole e fornelli ..un capisce più nulla…)
    hohohhoho….si fa un libro????
    un bacione cara carlitas..spero tutto bene …. 🙂
    notte serena

    Mi piace

  8. @ Venticello: ma lo sai tu che nelle mie statistiche gli articoli che parlano di mangiare, le ricette quindi, sono i più cliccati? Pensa che la mia ricetta “Braciolette di pesce spada al forno” da quando l’ho scritta, è stata vista 1.491 volte, in pratica è in testa alla classifica. dopo ci sono io con “Chi sono” – la gente è curiosa… 🙂 – e alcuni articoli che in questo blog hanno fatto furore, ” Odor di Primavera” e “Forse è una follia”, ma a stretto contatto, ci sono ancora altre ricette. Insomma, ricette e amore vanno di pari passo. 😆

    Braciolette di Pesce Spada al forno. 1.491
    ps: comunque sia, la colpa e di Carlotta che mi manda le ricette perché dice (pensa) che devo ingrassare. Ma non dirglielo, altrimenti poi si arrrrabbbbbbia. 🙂

    Mi piace

  9. Comunque mi sono permessa di proporre questa ricetta,perchè pare che ultimamente risulti tra le più gettonate nei ristoranti di un certo tono.Io personalmente domenica scorsa ho preparato per il compleanno del pupo di casa(ciospo direbbe Venticello)il cous cous di pesce,calamari ripieni alle scarole e melanzane al cioccolato.Ognuno prepara ciò che vuole,poi,per il motivo suddetto, ho sostituito nel gattò il burro con la gradina ,ho eliminato uno dei latticini ed ho ridotto il parmigiano,ergo siamo intorno alle 350 calorie come una pasta ai frutti di mare.

    Mi piace

  10. Buongiorno carlitasss…..era il compleanno del tuo ciospino??? ma allora hai festeggiato alla grande!!! Dico sempre che quando è il compleanno dei ciospini lo è anche delle mamme…
    un tornaconto niente male….si festeggia due volte l’anno!
    la ricettina è molto “in”..te l’ho detto? no? beh te lo dico ora. A me piace di sicurissimo, a Sara no…lei non ama il pesce..non ama la carne rossa…quasi tutte le verdure…le minestre …insomma è una ciofeca!!!
    Io? a me va bene tutto..anche una carota lessa, la trovo ottima…magari c’aggiungo qualche schifezza sopra…capisci a me! ….!!!!!
    cara Carlitassssss che sei bravissima ormai è risaputo.
    quando scorribandiamo???????????????????????

    @Arthurino buongiorno…
    eh lo so che schizzi come il vento …la cucina va di gran moda…ci vuole anche fantasia e te ne hai…supportato dalla Carlitasss fate un duetto niente male…manca la foto però..ahiahiahi!!!
    Un bacio a tutti e buonissima giornata…
    🙂 ventolina

    Mi piace

  11. @ Ventos..Amoore hai ragione che non c’è foto, ma io non ho il cavetto del mio Nokia anni ’30..l’avevo detto al nostro Arthurino che c’ha tutti i fili e le prese che a lui sono inserite direttamente sotto pelle,il mio cavo avrà messo su famiglia ,è tanto che non lo vedo,anzi ,a dirla tutta,quando arrivò fece un “HI” all’americana e poi tolse subito il disturbo forse l’aria di casa non era salubre per lui,di stomaco succinto..riguardo poi la schifezza sulla carota potrebbe essere la salsa allo yogurth,non puoi immaginare come cambia in meglio il sapore,sembra la mendicante che vendeva le mele a Jack lo Sciccoso,nel film “Angeli con la pistola”quando la vestono a festa per ricevere la figlia maritata ad un nobile spagnolo! AH AH AH AH che accostamento!!Ma tu mi capisci perchè preparo il clima per scorribandare…. JE VOUS SALUE IVANKA!

    Mi piace

  12. OH BELLA Carlitasss anche russa ora!!!! quel francese però mi piace assai…
    mammaaaaaaa…sono internazionale!!!
    già pure a Bologna qualcuno mi chiama Ivanka,,,
    mi sento come una strada..tutte portano a Roma!!!
    orbene..facciamo così..la carota la lascio al cavallo..lo yogurt..c’aggiungo lo zucchero…

    Di cavi ne ho quanti ne vuoi…c’ho du scatole piene…ci posso fare il filo d’Arianna…
    c’inciampo pure….
    per la foto vedrai che il capitano rimestola qualcosa…tranquilla…un post senza foto mi pare un marinaio senza mutande!!! hahahahahahah…c’incastra poco ma non mi sovveniva altro!!!
    bene….finisco di lavare gli spinaci…quanto li odio gli spinaci…ma alla ciospina piacciono tanto…ora glieli fo’ tutti i giorni…così impara!!! Mi viene a mente la mia mammuzza…una volta gli dissi che i fagiolini erano buoni…e siccome il mio babbo c0aveva l’orto…e che diamine, me li propinava tutti i giorni in varie salse per due settimane FAGIOLINIIIII…un giorno però mi alterai parecchio….lei rispose …” pensavo ti piacessero!”…ma dico io!!! ti pare una risposta logica???? cmq..ho in atto la vendetta….petto di pollo e spinaci…vediamo se si altera pure lei!!!
    hihihihihihiiiiiiiiiiiiiii…vado.

    Mi piace

  13. larosaviola

    mi tengo buona questa ricetta, il mio ragazzo (ovvio, per scherzo) dice che non mi sposa finché non imparo a farlo! 🙂 Ciao

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...