Scriveregiocando_2011

Se mi vuoi leggere… 😉

Un po’ in anticipo sui tempi, eccoci giunti alla nuova edizione di “Scriveregiocando2011”,  la bellissima iniziativa curata da Morena Fanti, che ogni anno, per Natale, raccoglie tanti autori intorno a sè, con storie, racconti e poesie… e per usare le sue parole, “un regalo pieno di dolcezza e di ironia, di tradizione ma anche di irriverenza e giocosità, un regalo che scalda il cuore e che fa riflettere…”

Ovviamente poteva non esserci il mio zampino?

Maddai… ( 🙂 ) e così, giusto per non farci mancare nulla, ho preparato il nuovo logo di Scriveregiocando ed anche l’immancabile Magazine pubblicato su Issuu, che ho fatto con l’aiuto della nostra Lely. Per la copertina ho scelto una foto che mi è molto cara, e che rappresenta uno scorcio della mia vecchia casa/studio, nella quale ho abitato per ben quindici anni. In effetti, la mia prima casa da “indipendente”, giovanissimo e fidanzatissimo con una donna che ha condiviso con me una buona parte di quegli anni.

Era affrescata, del ‘700 – ho sempre amato le case vecchie – la tipica casa con le stanze enormi, i soffitti alti, le porte decorate che si aprivano su di un perno e, mannaggia, tanto, tanto freddo. E sì, perché per scaldarla, non essendoci il riscaldamento centralizzato, usavo una stufa a legna, di quelle vecchie quasi quanto la casa, in cotto, a tre elementi, che per farla andare era un traffico che non vi dico.

Perché vi racconto queste cose? Perché ho pensato: dove è che uno scrittore, un poeta, scrive le sue storie, le sue poesie di Natale se non tra le calde mura della sua casetta?

Per cui… 🙂

Ma bando alle chiacchiere inutili, andate a leggere, se ne avete voglia. Per quanto mi riguarda, ho pubblicato una poesia di mio padre, “Una ballata che mi culla” con una foto che senz’altro piacerà alla nostra Venticello, un’onda del mare.

Un saluto particolare a tutti gli autori che hanno partecipato.

Buona lettura!

Annunci

24 pensieri su “Scriveregiocando_2011

  1. @ Carlotta: ‘nnagg… grazi, grazie, grazie della fiducia… 🙂

    ma al di là del mio zampino (ultimamente sono come il prezzemolo… 🙂 ), Morena e tutti gli autori hanno fatto un bel lavoro.

    Mi piace

  2. Grazie Grazie Grazie… che non so come hai fatto ma le mie foto sotto il tuo zampino c hanno un certo non so che di più…
    ma io no riesco a “bannare” la rivista… lo scrissi da morena… sono impedita??? cioè… io lo so che lo sono…ma cosa mi sfugge?

    Mi piace

  3. uhm…m’eri sfuggito….ogni tanto capita…
    ho letto la poesia di Santi…avrebbe potuto essere anche un marinaio
    tuo padre…o qualunque altra persona, sta di fatto che….è bellissima.
    i complimenti si sprecano anche per tutto il resto della rivista…bravissimi.
    Un’altro Arthur prenderebbe il tuo posto??? mmmmadddaiiiiiiiiii…come te non c’è nessuno.
    te lo dico io…e ci devi credere…ma fortemente..molto fortemente.
    …per ora non ho altro se non fare i miei complimenti a tutte quelle persone che hanno partecipato a questa splendida iniziativa.
    Un bel grazie infiocchettato, permettimi, va alla cara Morena.
    bacio a tutti
    vento

    Mi piace

  4. @ Sys: prego, prego, prego, ma io ho fatto ben poco, le tue foto hanno fatto il resto. 😉

    A proposito, ho visto che sei riuscita a mettere il banner. Brava!

    Mi piace

  5. @ Ventolino: concedimi una cossa (ss=s) ( 🙂 ), non credi di coccolarmi troppo troppo? Guarda che poi il “nemico” si spazientisce e, come sempre, poi se la prende con l’Arthur, dicendo, bla, bla, bla, bla, bla, bla, che più bla non se pote, mannaggia.

    Evvabè… Mio padre era un grande, un uomo di grande sensibilità. Mi basterebbe aver preso da lui anche una millesima parte della sua sensibilità che ne sarei felice. Ogni volta che pubblico una sua poesia, mi viene sempre in mente quando lui, appena le scriveva, mi chiamava, me le leggeva e voleva sapere cosa ne pensassi. Oggi, ripensandoci, mi spiace di non avergli dato forse più attenzione, ma l’emozione che provo al pensiero, penso che in qualche modo mi compensi di tutto questo. Le sue poesie oggi sono forse lontane dagli schemi moderni, dove spesso la prosa va a ruota libera. Lui era un purista – cultura classica di altri tempi – ogni sillaba doveva essere al posto giusto, senza per questo nulla togliere alla sua creatività e quindi all’emotività. Conservo di lui una dedica che mi fece quando, preso da un raptus creativo, ho incominciato a dipingere quadro su quadro, sperimentando nuove tecniche e soprattutto, nuove forme di espressione. Ebbene, quando ha pubblicato il suo primo libro di poesie – ovviamento io ho curato la parte creativa dell’opera, l’impaginazione, la copertina… 🙂 ) – mi ha scritto come dedica una cosa tenerissima che tutt’oggi conservo nel cuore, e cioè – più o meno, non sono le sue vere parole – che quella sua fatica mi servisse da stimolo per coronare il sogno che portavo dentro di me.

    Mi emoziono a questo pensiero. Poi ho smesso di dipingere. Ho fatto altre cose. Il mio sogno è ancora tutto lì, e un po’ per volta, alle volte gli do retta, alle volte non lo ascolto neanche, qualcosa si è realizzato, qualcos’altro ancora no. Ma in ogni caso è dentro di me e questo blog, con tutto quello che gli gira intorno, ne conserva un pezzetto e se chi mi legge lo capisce, capisce anche che non sono altre le cose che cerco.

    Ecco…

    ‘nnagg… cosa mi fai scrivere!!! 😉

    Un’ultima cosa, Morena fa un grande lavoro, coordina, mette insieme le storie e le poesie dei suoi autori, è una donna fantastica e senz’altro un grazie grande grande va proprio a lei.

    Buona serata Ventolinello, con un bacio grande grande.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...