Oggi, ore 14,00.

“Vuole passare avanti visto che ha soltanto una cosa da pagare?”

Sono al supermercato, ore 14.00, ho mangiato al bar e giusto per farmi un po’ di bene, tanto tanto bene, sono andato a prendermi una mousse al cioccolato. Davanti a me c’è un signore anziano, alto, stempiato, vestito con un paio di jeans e una giacca grigia un paio di misure più grande, con un sorriso che mette ancora più in evidenza una bocca praticamente senza denti e di una simpatia unica.

“No, grazie, non ho fretta” rispondo ricambiando il sorriso.

“E già, oggi si corre sempre, c’è la mania di non perdere tempo, ma la prego, passi davanti, la prego” E sorride.

“No, no, grazie, non voglio sembrarle scortese ma faccia pure, ho tutto il tempo che voglio e poi, in effetti, ha pure lei poche cose.”

Fa un po’ di movimenti con le spalle, va avanti e indietro in quel poco spazio e mi guarda con un sorriso ancora più grande.

Arriva alla cassa, e la cassiera gli chiede se per caso ha il biglietto del parcheggio da timbrare e lui, sempre ridendo e con gli occhi luccicanti, risponde:

“ No, non ho il biglietto, tutto a piedi e poi dicono che faccia bene andare a piedi.”

Ripone quelle poche cose che ha comprato in una borsetta di stoffa, la mette a tracollo e, poco più avanti si siede su di una panchina a controllare lo scontrino con la spesa, oltre che senza denti era anche senza occhiali, il biglietto lo teneva vicinissimo agli occhi.

L’avrei abbracciato, era così tenero e simpatico che l’avrei abbracciato, credetemi mannaggia, l’avrei proprio abbracciato.

Annunci

40 pensieri su “Oggi, ore 14,00.

  1. Questi sono gli episodi e i momenti che voglio far vedere a mio figlio….
    questi sono gli esempi che ti riconcigliano con la vita che ti fanno fermare e dire “ma cosa sto facendo??”
    questi sono gli episodi che se ti capitano, non è per caso, portano un messaggio, portano un ricordo, possono essere equivalenti ad uno schiaffo.. sono episodi che se li noti sei una persona speciale, se li ignori sei una persona…
    se li condividi credi che si possa ancora cambiare il mondo, o almeno parte di esso..

    forse, avresti potuto semplicemente stringergli la mano…

    Mi piace

  2. Provo sempre tanta tenerezza di fronte a questi vecchietti cara Mari, forse mi vedo al posto loro e quando sarà il momento vorrò ispirare tenerezza come questo signore. 🙂

    Mi piace

  3. Sì Erik hai ragione, il fatto è che stringergli la mano sarebbe stato troppo poco, ecco perché avrei voluto abbracciarlo. Sì, vorrei cambiarlo questo mondo, perché la cosa che più detesto è l’indifferenza che, giorno dopo giorno, lo pervade.

    Ma a questo punto voglio rimandarti a leggere il mio Nonno Archimede, che trovi nella sua pagina dedicata in questo blog e che è un personaggio che ho inventato qualche anno fa, dove saggezza e tenerezza vanno di pari passo. Una serie di racconti che forse raggrupperò prima o poi in un libro. Mi ha ispirato un nonno, il mio, che era un uomo tenerissimo e pieno di umanità e che mi ha insegnato tante cose.

    Grazie! 🙂

    Mi piace

  4. beh sì..dinanzi certe persone non si resta indifferenti..
    Scatta una sorta di tenerezza e complicità, a volte neanche noi sappiamo il perchè e il per come…si vivono e basta…
    Questi momenti, per quando fugaci, restano impressi nella mente e nel cuore

    Buon pomeriggio!!

    Mi piace

  5. Restano impressi nella memoria cara Alessandra perché forse abbiamo bisogno di “scontrarci” con la tenerezza, con la parte più umana che è in noi e che, guarda caso, fa parte delle nostre fragilità, anche quelle che ci fanno piangere vedendo un bel film o leggendo soltanto un libro.

    Buon pomeriggio a te, con un bacione ovviamente. 🙂

    Mi piace

  6. ma abbracciarlo magari lo poteva mettere in difficoltà…
    e poi alla fine non hai ne dato l’abbraccio ne stretto la mano però :))))

    leggerò molto volentieri quello che mi hai consigliato anche perchè visto che tempo fa parlavamo di sogni e di conoscerci meglio….
    uno dei miei sogni fin da bambino era ed è quello di conoscere persone da prendere come modelli, come esempi, persone che quando le ascolti ti dimentichi che esiste il tempo, ti fanno sognare, pensare, ti toccano le corde vocali del cuore e ti spingono a pensare, senza darti soluzioni, senza farti domande…

    questo è uno dei miei vuoti.. in tutta onestà…. ma ho ancora moltissimo tempo quindi sono più che fiducioso…

    Mi piace

  7. Beh Erik, lo so che è poca cosa, ma gli ho dedicato un po’ di tempo parlandogli e credo che per lui sia stato già tanto. Parlo sempre volentieri quando mi trovo in queste situazioni e lo faccio perché mi piace, è un po’ come sentire parlare mio nonno o mio padre che da piccolo ascoltavo ore e ore. Erano i racconti di vita vissuta un po’ amplificati forse, ma così affascinanti, perché parlavano di cose vere, di rapporti, di persone, di ricordi che nel tempo erano diventati altre cose. Ecco, mio nonno mi è stato da esempio e non lo ringrazierò mai abbastanza per la sua presenza e l’amore che ha saputo darmi. E Nonno Archimede nasce da lui. 🙂

    Mi piace

  8. Che persona dolcissima. se ne trovano pochi ormai, specialmente se più giovani difficilmente hanno una gentilezza di questo tipo. Ciao Nonnino che hai commosso Arthur 🙂
    Ciao tenerone !!!

    Mi piace

  9. Sono d’accordo con quello che ha detto Erik: “questi sono gli esempi che ti riconcigliano con la vita …questi sono gli episodi che se ti capitano, non è per caso, portano un messaggio… se li noti sei una persona speciale, se li ignori sei una persona…
    se li condividi credi che si possa ancora cambiare il mondo, o almeno parte di esso..” Non avrei potuto esprimere meglio quello che anch’io penso. Il nonnino è stato davvero una persona simpatica e tu sei una persona speciale. Io ho avuto uno zio, facente funzione di papà e nonno, davvero molto importante nella mia vita, che mi ha dato tanto… spero di riuscire a dedicargli qualche riga un giorno. A te giro l’abbraccio che avresti voluto fare a quel signore anziano, con tanto calore. 🙂

    Mi piace

  10. Rosy

    Quanta tenerezza nel tuo racconto ! Sai Arthur, riesco a capire la sensazione che si prova in queste situazioni e la tentazione dell’ abbraccio. E’ lo stesso sentimento che ho provato quest’estate in quel paesino montano, di cui ho già parlato,incontrando una dolcissima e simpatica vecchietta che pur senza avermi mai vista, mi ha raccontato la sua vita e poi prendendomi per mano mi ha fatto da guida per il paese deserto.. beh io alla fine non ho resistito come hai fatto tu e l’ho ..Abbracciata forte!!
    Notte notte e buona giornata

    Mi piace

  11. Rosy

    Curiosa come una scimmia..sono andata a curiosare trai racconti di ” nonno Archimende” …Beh che dire, non ho parole per esprimere le sensazioni che ho provato nel leggerli..uno più bello dell’altro come quelle cose che sanno di sapori antichi e di buono come il profumo del pane fatto in casa….

    Mi piace

  12. Ti capisco Arthur, ti capisco.
    Sono momenti che ogni tanto capitano, fanno bene, personalmente mi fanno pensare e mi fanno tanta tenerezza, mi riappacificano con la vita e mi fanno capire quali sono le cose realmente importanti.
    L’altro giorno alla cassa di un supermercato, io che credo nell’importanza dei sorrisi, una signora piuttosto giovane, rivolgendosi a me, ha sfoderato un sorriso meraviglioso che mi ha colpito assai. E che ho ricambiato. Ma mi è rimasto dentro e lo ricordo ancora.
    Sembra una cosa banale e non significativa, ma non lo è. 🙂

    Che sia una luminosa giornata 🙂
    Con un sorriso
    Ondina

    Mi piace

  13. E’ vero Laura, Erik ha detto una cosa giustissima ed anche bellissima, conosce il valore del rispetto e non è cosa pa poco.

    E l’abbraccio lo prendo tutto ricambiandolo con piacerissimo. 🙂

    Ciao e buona giornata.

    Mi piace

  14. Beh Rosy, il fatto che tu sia andata a curiosare dal mio “Nonno Archimede” mi rende felice, è un personaggio che è nato qualche anno fa prima che aprissi il blog nel blog di un’amica di allora, mio nonno era la mia ispirazione, un uomo tenerissimo e di una umanità infinita. Nonno Archimnede ho voluto vederlo come un uomo semplice, di alrtri tempi, ma che con la sua innata saggezza, riuscisse a parlare dei rapporti tra le persone, cosa che oggi malgrado il bla bla bla, è assai carente.

    Infatti non a caso lui dice sempre che non ci ha capito nulla alla fine dei suoi racconti, ma in realtà ha capito tante cose della vita, riuscirò a capirci qualcosa anch’io da degno suo nipotino? 🙂 Scherzo ovviamente, ma un po’ di verità c’è.

    Un abbraccione a te e buona giornata. 🙂

    Mi piace

  15. Riuscire a vedere ciò che ci circonda cara Ondina, dovrebbe essere il nostro impegno quotidiano, e invece spesso passiamo veloci davantio ad ogni cosa, incuranti di tutto e di tutti ed è un vero peccato.

    Abbiamo qualcosa in comune quindi, anche io ad un bel sorriso rispondo con un altro bel sorriso e la cosa mi fa star bene tutta la giornata, è come se fossi riuscito ad entrare per far parte del mondo di quella persona, sconosciuto è vero, ma pur sempre disponibile anche se solo per un attimo.

    E che la giornata sia luminosissima anche per te, con un sorriso sempre e comunque. 🙂

    Mi piace

  16. A volte gli anziani ti fanno passare per poter far “passare” il tempo, che in molte vite si allunga quando non si hanno interessi o una famiglia ad aspettarti. Forse aveva del tempo da trascorrere, la panchina poteva essere un invito.

    Mi piace

  17. @ Fulvialuna: Sì, la panchina poteva essere un invito, ma credo si sia fermato soltanto per controllare lo scontrino della spesa. E comunque è già due o tre volte che invece incontro un signore che non fa altro che attaccare bottone con tutti. La prima volta che l’ho visto, mi aveva spiegato che lui andava volemntieri a fare la spesa così sua moglie, a casa, non lo stressava, anche se dopo lo stressava lo stesso, visto che c’era sempre qualcosa che non andava in quello che aveva comprato.

    Le donne!!! 😆

    Mi piace

  18. Rosy

    Ciao Arthur …ieri ho scritto un commento hai per caso trovato qualcosa?…virgilio fa le bizze in questi giorni e i commenti spariscono…
    Buon giovedì..oggi qui era caldo anche se nuvoloso ^___^

    a presto

    Mi piace

  19. Sì Rosy, li ho già letti e li ho anche pubblicati, uno era andato in moderazione, e se WordPress non ti riconosce ti manda in moderazione, ma poi io ti vedo e ti “salvo”. 🙂
    Se vai indietro li trovi, a meno che tu ne abbia lasciato un altro… C’è n’è anche uno bellissimo nella mia pagina “Chi sono”… 🙂

    Tutto a posto mi pare.

    ‘notte!

    Mi piace

  20. Tenerissimo!
    Mi si stringe il cuore al pensiero di come la nostra società “maltratta” gli anziani, di come dimentica chi tanto ha dato in termini di lavoro e tanto ha da insegnare in termini di civiltà, educazione, buon senso, umiltà, dignità.

    Mi piace

  21. Benvenuta Monique, hai perfettamente ragione, nel mio blog i vecchietti hanno sempre avuto un posto di riguardo e poi ho avuto un nonno eccezionale, come potrebbe essere altrimenti: 🙂

    Mi piace

  22. Calo

    🙂
    La dignità dei piccoli gesti, della cortesia e del rispetto. Di chi ha vissuto e vive la sua vita nella sua pienezza, pur nella semplicità di cuore.
    Grazie per questo spaccato di Vita!

    Mi piace

  23. Oh mannaggia Alessandra, come non darti torto? Hai ragione da vendere, il fatto è che mi sono affezionato a quell’orario, c’è ancora il sole, anche se è l’ora più calda, la giornata è tutta ancora da vivere, t’immagini quante belle passeggiate in riva al mare?

    Evvabè, così giusto per dire. 🙂

    Mi piace

  24. Aaaaahh eccomi qui finalmente ! Mi fa stare bene entrare nel tuo bog , devo ripropormi di entrarci più spesso….anzi spessisssssimo !:))))
    Non mi è mai piaciuto il ritorno all’ora normale di ottobre..mi innervosisce uffff, viene subito buio io adoro la luce del sole!! Passeggiate in riva al mare ??? dove sei ?? ( oppssss troppo curiosa..sorry) Ma quando sento la parola Mare,mi si radrizzano subito le antenne :))) Stasera sono un po’ acciaccata,,comincio a non avere più il fisico per il troppo lavoro. Gulp! Positivo c’è solo che stanotte dormirò di certo! Vado a leggere il Tuo post delle Venti….a dopo ! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...