Strano pensiero.

Oggi più che mai sono sempre di più i pensieri strani che ci accompagnano giorno dopo giorno, complice l’inevitabile gioco di potere e l’indifferenza, cronaca giornaliera ahimè.

Ma mi consolo, tra le poesie di mio padre di quasi venti anni fa, ne ho trovata una che parla proprio di questo, e allora, tra un pensiero e l’altro è meglio riflettere, senza mai perdere però la voglia di crederci in qualcosa di diverso.

Strano Pensiero

Strano pensiero sfiora la mia mente:
è illusione la vita
oppure è come il vento
che senti mormorare ma non vedi?
Sorprende il botto se, anzitempo, scoppia
in risalita.
E l'uomo non sa, finge
di non sapere o a se stesso mente;
il vuoto fa da schermo
alla sua solitudine.
Ei lotta, s'arrabatta per un pezzo
di terra, s'accapiglia
per il vano possesso d'una pietra.

                                                  Santi
©_Copyright
Annunci

53 pensieri su “Strano pensiero.

  1. “…è illusione la vita oppure è come il vento che senti mormorare ma non vedi?…” Che meraviglia queste parole. ogni volta che posti poesie di tuo padre ci trovo sempre qualcosa che mi entra nell’anima. Grande personalità e animo profondo. Grazie di postarle.
    Per me la vita è come il vento…

    Mi piace

  2. Grazie Fulvialuna ( scusa la domanda, ma il tuo nome è Fulvia?), pensa che l’ho trovata tra le tante poesie che lui aveva scritto, lì, un po’ impolverata, ma sempre attuale purtroppo, ciò vuol dire che i tempi sono sempre gli stessi.

    Sì, aveva un animo profondo e di lui ho ereditato la voglia di sorridere, un grande dono, e lo ringrazio per questo. 🙂

    Mi piace

  3. A parte la poesia di tuo padre, sempre bella e sentita come le altre, mi dispiace diverti dire che il tuo Renzi mi ha proprio delusa! Lui che continuava a dichiarare che non sarebbe mai diventato premier se non previo elezioni …… non si può certo negare che non siano tutti uguali, tutti assetati di potere e di “denaro”, ma peggiori di tutti siamo noi italiani …… completamente senza palle, un vero popolo bue.
    Ciao
    Marta

    Mi piace

  4. Come darti torto cara Marta!

    Anch’io sono rimasto senza parole, ma spero che questa cosa porti veramente a qualcosa di nuovo, lo spero perché ne abbiamo bisogno e se lui non lo fa, e di questo immagino che ne sia convinto, si brucerà in un batter d’occhio, perché una seconda scelta non ci sarà più.

    Mi piace

  5. Davanti ad una poesia di tuo papà Santi, io non dico nulla, perché si rovinerebbe tutto quanto, visto quello che sta succedendo e visto che alla fine tutti si dimostrano essere solo arrivisti. Leggo e assaporo le sensazioni che mi trasmettono le parole di papà, sono decisamente molto più belle. Ciao, Pat

    Mi piace

  6. Hai fatto benissimo Arthur a rispolverare ( come dici tu ) questa poesia di tuo padre. Non la conoscevo .Bellissima! 🙂

    Riguardo..Lo strano pensiero, mi piace immaginarlo con allegria, legato ad un qualcosa che ormai non pensavo più da tempo, che credevo non più possibile e proprio per questo “strano” perchè ci concede ancora un’altra opportunità per realizzarlo ! :))

    Grazie ancora caro Arthur per questi attimi di squisitissima poesia.
    Bacio
    Notte 🙂

    Mi piace

  7. Grazie cara Patrizia, sì lo so che Papà Santi ti piace, ma tra poeti ci s’intende e anche tu con le tue poesie non sei da meno e… non diventare rossa, lo so ti vedo sai. 🙂

    Mi piace

  8. ….Non dare retta a Pat , la maglietta col sorriso e il ‘drillo attizza una cifra ( sorrido e rido)
    opss , se però vorresti alzare un po’ la foto almeno sul naso faresti cosa gradita :))

    ri..bacio e ri..’notte

    Mi piace

  9. …fiuuuùùù grazie Patrizia ,pensavo che il commento fosse andato perso non lo vedevo pubblicato !
    Un abbraccione :))

    p.s. perchè non è bello così ?? di che non è vero se hai il coraggio :))

    ehhi…. ma c’è Leali da Vespa ..è sempre un Grande LUI !!!!!

    Mi piace

  10. Oh mannaggia non ho trovato la foto che cercavo e mi sa che dovrete accontentarvi di questa Patrizie e Rosy. 🙂

    ‘notte e sogni d’oro a entrambe. 🙂

    ps: fate le brave! 🙂

    Mi piace

  11. Si i gattini sono tenerissimi, ma Arthur e io siamo invece “cane e gatto” hihihi
    Comunque, il fatto che io scriva poesie non penso che sia indice di buongusto, e poi io non scrivo poesie, le mie sono “parole imbrattate” l’ho sempre detto e lo dirò sempre:

    Arthur, chissà perché ma lo sapevo che non la trovavi la foto, cà nisciuno è fesso hihihihi (senza offesa sia chiaro, anche perché è rivolto a me lo scritto in napoletano-sempre che sia scritto giusto ahahaha)
    ‘Notteeeeeeeeeeee

    Mi piace

  12. Ciao Tremenda, in effetti ho detto una bugia, la foto l’ho trovata ma non ho voglia di tagliarla per l’avatar e quindi ci vediamo domani e ogni promessa è debito.

    Ciao, buona notte e fai la brava almeno quando dormi. 😆

    Mi piace

  13. Pensiero stupendo, come sempre le parole di tuo padre colpiscono nel profondo, nell’animo, senza lasciare adito a scuse senza senso, domande le sue che forse non cercano nemmeno inutili risposte, un urlo verso il silenzio che non lascia spazio alle menzogne.

    Il mio urlo invece è il seguente:

    L’affanno del vivere.
    Tutto mi lascia una sensazione dominante di affanno, come di parole pronunciate od urlate di corsa in faccia alla gente che ti attraversa il cammino, pensieri repressi, esplosi in quella corsa affannosa, l’intenzione di colpire tutti, chiunque si trovi a passare, chiunque colpevole di rappresentare i desideri i sogni e le delusioni represse, come l’esplosione di mille sentimenti che cercano una ragione di espressione nelle prime parole ad uscire, tutti insieme, confusi nella loro logicità, fino a diventare illogici, nella loro fredda verità e realtà, la confusione non ne distoglie il senso, ma lo confonde, troppe cose da dire in così poche parole e in così poco tempo, un pugno, uno schiaffo, una reazione rabbiosa, sicuramente una reazione che non ricerca risposte ma solo il bisogno di concedersi la libertà di essere finalmente espressione del proprio contrito dolore, un’esplosione.
    Alanford50

    Ciaooo neh!

    Mi piace

  14. Calo

    Strani pensieri sollecitati dal mondo che ci circonda… pensieri di distruzione, derisione, umiliazione
    Strani pensieri quelli che, controcorrente, sono sollecitati dal cuore… un cuore che genera speranza, nonostante tutto.
    Misteriosa stranezza di quel grande e insondabile mistero che è la Vita!!
    Buon pomeriggio, uomini saggi!

    Liked by 1 persona

  15. Ma BBBBBBuonasera a tutti, eccomi, nessun mistero e neanche invisibile ahimè sugnu (sono in Siculo), anche se alle volte lo vorrei essere. Stasera, stanotte torno accanto a voi per chiacchierare un pochetto e intanto, Buona Serata tutti, Patrizia, Lely, Rosy, Ventolino, Carlotta, Calo, Antonella, Veronica, Alan, Fulvia, Marta, Isabella, Laura, Laurè, Silvia, Martina, e tutti tutti proprio tutti tutti.

    A dopo! 🙂

    Mi piace

  16. Caro Alan sarebbe da descrivere con tela e pennelli questo tuo urlo riguardo l’affanno del vivere e credo che verrebbe fuori un bel quadro, che dici? 🙂

    Ma a parte tutto, perché hai smesso di scrivere nel blog?

    Domandona, neh!!! 🙂

    Mi piace

  17. Caro Arthur, perché ho smesso di scrivere nel blog?
    Forse perchè non avevo più domande che cercavano risposte, forse perchè le risposte le conoscevo troppo bene e credimi sono tutt’altro che presuntuoso, se non cerchi più risposte è assolutamente inutile porsi domande, ti pare? forse perchè tutto il dicibile è stato detto e scrtto da tutti e nulla è cambiato e nulla sembra voler in un prossimo futuro cambiare, siamo intellettualmente e tragicamente morti, cadaveri, tutto intorno a noi sta inesorabilmente cambiando, se in bene o in male sta alla coscenza di ognuno di noi darsi una minima parvenza di risposta che ci consenta il sopavvivere, ma io purtroppo leggo e vedo intorno a me il totale assurdo inspiegabile immobilismo, come se avessimo ancora tutto da perdere nel cercare nuovi orizzonti, in questo, la nostra italianità docet, fa scuola, come ho mille volte scritto e riscritto siamo totalmente incapaci di fare anche un solo passo in avanti siamo in perenne attesa che qualcuno ci dia uno spintone capace di farci fare un saltino un sussulto, avanti o indietro a noi poco importa, noi siamo molto bravi a farcelo bastare, l’importante è che non ci venga chiesto di usare l’intelletto perchè richiede uno sforzo troppo insostenibile per noi, siamo condannati da noi stessi e da chi per proprio tornaconto ci da lo spintone.
    E’ un periodo che non dobbiamo porci domande perchè non abbiamo nessuna voglia di fare lo sforzo di comprendere per cercare una nostra risposta, al punto che siamo ben lieti di accogliere e fare nostra qualsiasi risposta ci venga posta o imposta, l’importante è non muovere ne smuovere i nostri neuroni, siamo in piena decadenza morale e civile, povere le nuove generazioni a venire se non sapranno superare l’indolenza che gli abbiamo così facilmente trasmesso.
    Caro Arthur “ad maiora” ciaooo neh! alla prox.

    Mi piace

  18. P.S. Potrebbe sembrare che io sopra abbia scritto un controsenso “tutto intorno a noi sta inesorabilmente cambiando” contrapposto a “ma io purtroppo leggo e vedo intorno a me il totale assurdo inspiegabile immobilismo” ma Ti/Vi assicuro che così non è , l’immobilismo è riferito alle nostre capacità intellettuali e decisionali, e nonostante tutto, tutto, nostro malgrado cambia comunque inesorabilmente, peccato che questo cambiamento ci venga totalmente imposto e non ci sia nulla da noi condiviso.
    Ariciao.

    Mi piace

  19. Sai perché ti ho fatto questa domanda Alan? Proprio perché tu non ti sei mai tirato indietro davanti alle domande alle quali dare risposte. Sì, confesso che conoscevo già la tua risposta a questa mia domanda, ma a volte scrivi delle cose così “vere” che è un peccato che tu le proponga solo come commenti nei blog, anche se egoisticamente sono felice che questo avvenga nel mio blog. 🙂

    Per il resto condivido alcune cose che hai scritto, su altre avrei dei dubbi, oggi, sì, proprio oggi le domande dobbiamo porcele, non tanto per noi, anche, ma per le generazioni che verranno dopo, se questo sfacelo diventa la nostra seconda pelle allora è vero ciò che dici, ogni speranza è persa, dimenticata, e a questo punto nessuno stratagemma può ancora salvarci. Io sono ottimista, ma non perché vedo particolari scorciatoie per aggirare questa catastrofe – mai parola fu così vera! – ma perché confido nell’animo umano, nel suo buon senso, nel suo orgoglio di uomo prima ancora che di persona singola che vive chiuso nel suo piccolissimo mondo, come dire, nel suo orticello.

    Il meno peggio non è più la soluzione migliore, ma ognuno di noi deve fare la sua parte, con convinzione, e soprattutto, con partecipazione. Quindi senza aspettare lo spintone per farci fare un saltino, un sussulto, scegliere di essere protagonisti, perché coscienza comune è un valore in cui credere, sempre e comunque.
    Beh, ho fatto un piccolo comizio, ma sai com’è, tu mi stimoli ed è un piacere “parlare” con te.
    Ciao, buona serata.
    Alla prossima! 🙂

    Mi piace

  20. laurapozzani

    Caro Arthur, grazie per essere passato a farmi visita… proprio non è un buon periodo per me, scusa… vengo ogni tanto qua da te, leggo cose tanto belle e profonde e mi gusto le chiacchierate che ti fai con gli altri commentatori, ma io non porterei un gran contributo adesso, mi sembra di essere una formichina in confronto a te, ad Alan, a Patrizia e tutti gli altri che mi sembrate uccelli dalle grandi ali che sanno volare tanto in alto… Stasera ti dico solo questo: la poesia del tuo papà è molto bella e piena di saggezza; penso che avesse ragione a vedere la vanità della vita dell’uomo che si accapiglia per il possesso d’una pietra… la vita è illusione? Grande domanda! Per alcuni lo è e consapevolmente lo accettano, per altri non lo è ma solo perché non hanno consapevolezza alcuna e non si rendono nemmeno conto di recitare solo una commedia vuota di significato, per altri ancora lo è solo se non le si da un senso e continuano a cercare quel senso per renderla reale e degna di essere gustata ogni momento fino in fondo (credo di essere tra questi anch’io)… ma la ricerca continua a volte ti sfinisce, ti delude, ti fa disperare, così non sai più chi sei e che cosa vuoi, se in realtà niente è reale, tranne la nostra solitudine… Vedi sono molto in confusione, è meglio che mi tenga in disparte per un po’, non mi piaccio per niente quando sono così. Dolce notte e un grande abbraccio. 🙂

    Mi piace

  21. Maddai Laura, una formichina tu in confronto a noi? Non mi sembra ti manchi nulla, così come non ti manca quello spirito critico per scrivere dei giusti commenti per dare un bel contributo alla discussione del blog. Comunque prenditi tutto il tempo che vuoi, io come sai, ti leggerò sempre con immenso piacere.

    Un bacione e dolce notte a te. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...