72 pensieri su “L’importante è partecipare!

  1. Se non si partecipa con l’intento di vincere non ha senso partecipare… L’importante è non “rodersi” troppo in caso di non vincita ed estrapolare comunque gli aspetti positivi dell’ esperienza 🙂 ciao

    Mi piace

  2. Sì Laura, è stata una bella esperienza, quindi niente rimpianti, neppure per non aver vinto e nemmeno il “rodersi” troppo, non fa parte del mio carattere e credo sia giusto così, infatti ho ammesso che le probabilità non erano poi tante, proprio per il tipo di scelta progettuale che ho fatto. Mi sono comunque divertito e questo è quel che conta.

    Ciao e buon fine settimana. 🙂

    Mi piace

  3. laurapozzani

    Ecco vedi, è vero tutto, dipende anche da a che cosa si partecipa: quando c’è di mezzo un atto creativo credo che sia già bello e importante partecipare, come hai ammesso anche tu, provi comunque delle buone emozioni, liberi energia, crei qualcosa di tuo e solo tuo, l’opera in sé ti gratifica e aver pensato, progettato, studiato ti ha arricchito. Poi è chiaro che si partecipa ad un concorso sempre con la speranza di vincere e se si vince è una grande soddisfazione e gioia, ma lo spirito giusto è comunque il tuo.
    Sinceramente: a me piace il tuo logo, mi piace in generale il tuo stile, ma appunto i partecipanti erano davvero tanti e chi sceglie il vincitore ha i suoi criteri… Un baciotto. :-*

    Mi piace

  4. Io non ti dico che è bello, ma non ti dico nemmeno il contrario, anche perché sei tu che lo hai fatto e doveva principalmente soddisfare te stesso (ovviamente poi doveva soddisfare chi doveva fare la scelta finale). Sul fatto che l’importante è partecipare, beh è tutto un dire, ma non credo che ci sia stato mai nessuno che alla fine dentro se stesso non abbia detto “‘naggia non ho vinto!” 🙂
    Certo che con tanti partecipanti non è certamente facile arrivare primi, caspiterina, ai giurati come minimo la testa sarà andata in palla quando sono arrivati alla scelta finale ahahhaa
    Ciaoooo!!!! Buon fine settimana. Pat

    Mi piace

  5. Erik

    ma hai vinto, la tua vittoria è aver attivato il tuo spirito creativo che ti ha dato modo di alimentare la tua passione, hai espresso la tua creatività.. sfruttando un occasione in più per farlo, in questo senso l’importante è partecipare… vincere sarebbe stato indubbiamente un valore aggiunto, ma una vittoria l’hai ottenuta in ogni caso!!

    Sul logo mi piacerebbe sentire i pensieri che gli hanno dato forma… 🙂

    Mi piace

  6. BOHHHHHHHH!!!!!
    Ciao Arthurino… che vuoi che ti dica?
    Il logo corrisponde al tuo stile…sobrio ma non troppo , disordinato non direi…
    Mi piace la v di villa 🙂 forse hai sbagliato colori?
    Bisognerebbe vedere il logo della vincitrice.
    ma al di là di questo credo che chi ha inventato quel detto sia solo per magra consolazione.
    A volte ingoiare una sconfitta è dura. ma te non sei uno sconfitto….tutt’altro!!
    Hai le idee chiare, sempre.
    Vuoi mettere la tua testa con la mia? Manco a pensarci . Non si può !!!!
    La tua è troppo Meglioooooooooo…la mia troppissimo e basta.
    Ci saranno altri loghi…o luoghi su cui sognare e creare…son dell’idea però che tutto arricchisce!!!
    Ti abbraccio forte….e saluto la Pat…la mi assidua fan….non mi lascia mai!!!
    la Carlitasss l’ho persaaaaaaaa…u la vedo ne la trovo….maremma gatta stai a vedè che s’è nascosta in stiva .-(
    A presto.
    ventolina

    Mi piace

  7. Ciao Arthurino!!
    che bello leggere della tua partecipazione a questo concorso 😛
    Tu sei sempre attivo, non come la sottoscritta -__-”
    Il logo dice molto di te, riesco a vedere quella firma che metti sempre in tutti i tuoi lavori ( e non intendo quella di copyright! :mrgreen: ) forse avresti dovuto mettere qualche elemento che caratterizzasse la villa; hai ragione a dire che in un logo vince la semplicità difatti non bisogna mai caricare troppo il logo di elementi grafici (passami questo termine anche se non è quello più corretto) inoltre bisogna anche pensarlo per un utilizzo finale che può variare dai cartelloni pubblicitari al gadget quali ad esempio le penne; quindi devi pensare anche alla resa in varie dimensioni.. spesso in ridotte dimensioni il logo si perde nei dettagli e da un immagine falsata.
    Io sono sicura che il tuo, in una ipotetica classifica sarebbe arrivato nella top ten; come sono sicura che avendo avuto un po’ più di tempo… il vincitore saresti stato tu.
    Mio personale parere? Bello! mi piace lo sfondo bianco e come hai saputo giocare con il testo come elemento grafico.. la V di villa è una genialata! Non mi convince però tanto il punto di V.

    Adesso ti mando un mio super abbraccione!!
    Lely

    PS: sfrutto questo spazio per lasciare i miei saluti a tutti!! uno speciale però alla mia Sister Pat e alla mia Mamy Vento :-*

    Mi piace

  8. Che tenera la Lelyna….
    Perdonami cucciolotta..io sono
    sbadata…tu hai sempre troppe carinerie per me. 🙂
    Perché non ci diamo appuntamento noi tutti
    a metà strada e ci beviamo un caffè ? Che figata sarebbe!!!
    Dai pensiamoci…conosceremmo il Capitano..e le pirate. 🙂 Notte piccirilla… ♥

    Mi piace

  9. circa 2 settimane, parlavo di questo con mio figlio.
    La sua classe deve partecipare ad un concorso.
    Disegnare il logo per la scuola.
    Lui, ha iniziato con sta smania di vittora.
    Ma gli ho spiegato che non sempre si vince… che non sempre si può prendere ottimo nelle verifiche ecc…
    L’importante è impegnarsi e fare un buon lavoro e impegnarsi al massimo.
    se gli altri non apprezzano che importa?
    Bene… la sua risposta dall’alto dei suoi 8 anni : Io voglio vincere 😀
    Eeeeeeeeeeeeee…. babbbèèèèèèèèèèèèèè 😀 😀 😀 😀
    Partecipa ma non rimanerci male se poi non vinci 😀 😀 😀 😀 😀 😀 😀

    Mi piace

  10. Antonella

    Sono completamente diversi il tuo e quello della vincitrice del concorso. Onestamente il logo che ha vinto lo trovo molto scontato: un uccellino, il profilo di vasi che si trovano all’interno della villa, solo un colore , il rosso, ( che poi la villa e’ rosa se non ricordo male ), neanche un accenno di verde, la villa e’ completamente immersa nel verde . Va bene la semplicita’ ma a me sembra poco originale .Un logo deve essere unico, si deve distinguere , deve attrarre e deve rimanere nella mente . Il tuo e’ uno stile a parte ( e lo stile e’ cio’ che a mio parere manca nel logo che ha vinto ) , secondo me con un po’ di tempo in piu’ per pensarlo e realizzarlo, avresti potuto vincere, penso che la sfida non sia stata semplice. Sarebbe interessante poter vedere quelli degli altri partecipanti. In ogni caso realizzare un logo secondo me e’ molto difficile . E’ un mix di comunicazione ( parole, simboli, colori , forme, tutto comunica), stile, creativita’, originalita’ , sintesi estrema. Bravo comunque per aver provato, ti sei misurato con tutto questo e non mi sorprenderei se tu fossi il prossimo vincitore in qualche altro concorso ! Un abbraccio

    Mi piace

  11. Calo

    Se ci avessi messo un uccellino avresti vinto tu!! 🙂 Sorrido perchè ho visto il marchio vincente e mi chiedo: davvero esprimerà attività, valori e storia di Villa Bardini?? Sono perplessa.

    Quanto a te… pensa che non ti sei lasciato scappare un’occasioone per fare qualcosa che ti piace… e tanto… fare! Come si dice… ogni lassata è persa! 😉 Buon fine settimana.

    Mi piace

  12. ciao Arthur quanto tempo, e io sono in una veste diversa forse non ti ricorderai neanche credo che nel tuo caso sia stato carino crederci, a me è successo che il 24 dovevo andare a un incontro importante, vitale diciamo, dovevo dire poche cose, e per giorni mi sono esercitata ad alta voce su tutto ciò che era meglio non dire, da buttare fuori, giusto per
    quella mattina ho fatto 100km e sono andata a prendere il mio chiamiamolo ” promemoria ” che mi ha detto filato di non dire circa e riguardo, detto mentre mi barcamenavo sulla tangenziale sotto la pioggia, ho sentito come quando a un’ interrogaz si è impreparati, si è studiato sul libro diverso,
    avrei dovuto tatuarmi le su parole sulla pelle e leggerle come un robot ( tecnicamente avrei dovuto mentire spudoratamente )
    diciamo che quattro persone incivili mi hanno salutata e forse dissennata 5 min prima dell’ inizio
    ho dimenticato tutto
    sono andata in escandescenza completa per poco non ho organizzato un barbecue e arrostito le presenti
    al grido é giusto così viva la verità
    ora il mio sign “promemoria ” dovrebbe mettermi delle pezze
    ho idea dove
    l’ importante non è vincere o perdere
    l’ importante è avere la testa e rimanere interi, magari al prossimo stemma !

    Mi piace

  13. Io ho sempre partecipato con l’intento di vincere, a volte ci sono riuscita, il più delle volte no,ma pazienza. Sai quando ho detto la suddetta frase? Quando ero sicura che non avrei mai vinto (ma lo so solo io):-)

    Mi piace

  14. Capisco l’amaro in bocca, il tuo logo è bello , originalissimo , per nulla banale , come invece mi è parso quello che ha vinto ! La ” V ” all’interno del logo poi è geniale, un autentico tocco di finezza 🙂

    Il tuo “Opss ” è sempre in bella mostra a casa mia . Mi piace sempre moltissimo 😉
    Non è vero, almeno non sempre , che l’importante è partecipare , spesso l’importante è vincere arrivare “UNO” come diceva un celebre campione ! Quando a volte succede a me, mi dico , che probabilmente, non mi meritavano, sono troppo avanti per “loro” . Lo so è una magra consolazione , ma mi aiuta a darmi forza :-/ e che cmq è stata una esperienza diversa. Per qualche giorno non sarò presente , spero che tutto vada bene . Ci sente appena possibile
    Un abbraccio Arthur a presto , spero !
    Ciao , buona domenica sera e ottima settimana a te !
    rosy

    Mi piace

  15. Partecipare a concorsi così importanti è di per sè vincere – E la prossima volta, visto che hai considerato quale potrebbe essere stato il problema, andrà meglio di sicuro.
    In riferimento alla semplicità – direi che io sono d’accordo sulla linea del tutto pieno (alcuni mi definiscono barocca ed hanno ragione). Se farò un concorso per loghi te lo dico: perchè io non amo molto la semplicità e tu allora, per me saresti di sicuro il vincitore 🙂 Un forte abbraccio!

    Mi piace

  16. Grazie Laura per le tue parole, aver partecipato è stato senz’altro positivo, mi ha caricato soprattutto di energia positiva come hai giustamente detto tu e poi ogni volta che io mi dedico a queste cose, entro veramente nel mio mondo, che è quello fatto di emozioni e della voglia di liberarle per rendere partecipi anche gli altri.

    Una volta un tipo, un musicista, mi ha detto una cosa che mi ha fatto riflettere molto, e ciò che lui voleva suonare solo per se stesso. Peccato che non avesse capito che la creatività, qualunque essa sia, non può rimanere relegata in un ambito così ristretto, è tale proprio perché comunica qualcosa, anche a gli altri e guai se non fosse così

    Ciao, un baciotto anche a te e buona domenica. 🙂

    Mi piace

  17. In effetti non è importante dire se ciò che ho fatto sia bello oppure no, Patrizia, conta di più se ciò che ho fatto esprime qualcosa, lo scopo d’altra parte per cui è stato creato.

    Ma come tu sai, quando faccio queste cose io sto bene con me stesso, libero le emozioni e le condivido con gli altri, il resto conta ben poco, anche se… 🙂

    Scherzo, sai che sapevo di non vincere, quindi sereno senza alcun dubbio.

    Ciao e buona domenica. 🙂

    Mi piace

  18. Sai una cosa Erik? Mi hai detto più o meno la stessa cosa che mi ha detto quando ha saputo che partecipavo a questo concorso una nostra amica comune, ed è bella questa cosa, perché entrambi siete positivi.
    Bello, bello, bello!!! 🙂

    Sul cosa ho pensato mentre gli davo forma, beh, è un po’ difficile spiegarlo in poche parole. Diciamo che da subito ho pensato di stravolgere gli schemi classici, per intenderci tutto ciò che i sacri testi dicono sull’argomento, cioè non utilizzare le lettere solo per dare consistenza ad un nome, ad una scritta, infatti ho usato due font diversi e con diverse dimensioni, rischiando così di renderlo poco leggibile, cosa che in un logo invece è fondamentale. Quella enorme V che sta per Villa, voleva essere oltre che una cornice, come un gigantesco abbraccio al nome della villa, Bardini, quasi l’elemento romantico, che contrasta con la grafica che invece strizza l’occhio ad una modernità che non accetta compromessi – i due font utilizzati, appunto, la grandezza delle lettere diversa, la sovrapposizione di alcune, lo stiramento di altre. E poi l’elemento che unisce il tutto è dato invece dall’utilizzo dei colori, pastelli senza alcun dubbio, dove la predominanza del verde è data dal fatto che la Villa Bardini è immersa nel verde, una metafora espressa che non necessariamente rappresenta i giardini, ma volendo…

    A dire il vero ho avuto poco tempo per pensarci sul serio, ho dato più spazio al mio impulso e alle emozioni del momento, dopo avrebbe dovuto esserci la possibilità di poter metabolizzare il tutto, senza fretta, nei modi e nei tempi necessari a farlo.

    Ma al di là di ogni possibile spiegazione, generalmente quando parto a fare queste cose, mi lascio guidare dal mio spirito libero, le mie mani vanno da sole, così come la mia mente, alla fine posso spiegare cosa volevo dire, ma nel mentre è quasi impossibile.

    Beh, spero di essere stato chiaro nella mia esposizione. 🙂

    Mi piace

  19. Beh, Ventolino caro, sì, il logo corrisponde al mio stile, d’accordissimo, invece non sono d’accordo quando dici che tu non hai una bella testa, direi tutto il contrario, sei molto creativa, dai sempre libero sfogo alle tue emozioni, sai vedere le cose, anche quelle che gli altri non vedono per nulla, e ti pare poco? 🙂

    Per il resto, no, non ho ingoiato nessuna sconfitta, ho partecipato e mi sono divertito, sapevo di non avere molte possibilità e in effetti temevo più i giovani che i miei coetanei, soprattutto perché oggi ci sono scuole di design all’avanguardia ed io a dire il vero, pur avendo una cultura artistica, mi sono costruito quasi da solo, lavorando sodo a dire il vero, ma nulla si fa con nulla, giusto? 🙂

    Dopo passo a guardare le tue foto, ho già visto che alcune sono bellissima, mannaggiatte!!! 🙂

    Mi piace

  20. Maddai Lelyna, perché dici che non sei attiva? sei sempre in giro e poi adesso con l’Uni non hai più un momento libero, mannaggia.

    Sì, il logo deve rappresentare in maniera univoca ciò che rappresenta e la difficoltà maggiore sta proprio in questo. Anche per il fatto che va messo dappertutto e la gente deve poterlo riconoscere alla prima occhiata. pensa comunque come sono moderni certi loghi famosi. Sapevi il il logo della Coca Cola fu inventato dal contabile dell’azienda nel 1886?
    Eppure diresti che quel logo sia superato? Assolutamente, ormai fa parte dell’immaginario della gente e per questo è grandioso.

    Comunque, avrei avuto bisogno di più tempo, senz’altro, la V piace tanto anche a me, è un po’ l’elemento romantico e poi quel verde annacquato ci sta alla grande.
    Insomma, se non mi vanto io!!! 😆

    Ciao Lely, vedo che questo mio post ti ha stanato. Evvai!!! 🙂

    Un bacione e un abbraccione e… studia, mi raccomando.

    Mi piace

  21. E’ normale EleOnora partecipare ad un concorso con lo spirito di chi vuol vincere, altrimenti anche l’impegno ne risente, quindi tuo figlio secondo me ha la grinta giusta per queste cose. Poi se la competizione è sana, si accetta anche la sconfitta, d’altra parte, non esiste anche una seconda volta? 🙂

    Mi piace

  22. Erik

    Chiarissimo… 🙂

    solitamente non chiedo mai, perchè penso non abbia senso spiegare l’arte; però non conscendoti di persona ho voluto osare con l’intento quasi scolastico di entrare nella tua mente d’artista e provare ad immedesimarmi nei pensieri e nei ragionamenti che accompagnano l’istinto… così per conoscere, così per prender spunto chissà mai che un domani non sia fonte per un idea o per uno spunto qualsiasi.. 🙂 graziee

    P.S. molto affascinante immedesimarsi 🙂

    Mi piace

  23. Sì cara Antonella, la progettazione di un logo non è per niente semplice, visto che deve tener conto di parecchie componenti legate a fattori che oggi tra l’altro sono sempre di più importanti, il marketing in modo particolare.

    Per una correttezza morale e intellettuale non giudico il logo che ha vinto, dico soltanto che ha senz’altro soddisfatto le aspettative di chi lo ha richiesto e questa credo sia la cosa più importante.

    Al prosimo quindi e… buon inizio settimana. 🙂

    Mi piace

  24. Sì Calo, difficilmente mi lascio scappare le occasioni dove la mia mente e la mia anima si possano abbandonare alle emozioni.
    Ciò provato e mi sono divertito, che poi è quello che conta. 🙂

    Mi piace

  25. Michelarosa? Aspetta, sei per caso “Delicaterose”? Beh, fammelo sapere se c’ho azzeccato, stasera passo a trovarti così leggo un po’ di te.
    Per il resto, sì, l’importante è avere la testa per la prossima volta, ma quello sempre e comunque.

    Ciao e buon lunedì. 🙂

    Mi piace

  26. Beh Fulvia, in effetti è vero quel che dici, la benedetta frase si dice sempre quando si è sicuri di non vincere.

    Ma io preferisco non dirla, se non per fare dell’ironia tra queste pagine. 🙂

    Mi piace

  27. Grazie Rosy, sono contento che il mio Oops troneggi nella tua casetta, per il resto diciamo che ciò provato e nel farlo oltre a essermi divertito, c’ho sognato un po’.

    Ed è tanto credimi, la vittoria era “soltanto” un valore aggiunto, come ha detto giustamente Erik. 🙂

    A presto dunque e nel frattempo, buona giornata con un abbraccione. 🙂

    Mi piace

  28. @ Freawaru: sì, avendo un po’ più di tempo avrei potuto studiarlo meglio onde evitare certi errori.

    Grazie comunque per la fiducia che ricambio con a mia volta con un forte abbraccio. 🙂

    Mi piace

  29. Grazie Erik, sei davvero una cara persona, comunque sia in questi casi è l’istinto a guidare la mano, cosa difficilissima da spiegare. 🙂

    Ciao e buon inizio settimana.

    Mi piace

  30. Erik

    Penso di poterti capire, anche se io “a mano” sono super impedito… ad ogni modo l’istinto guida la mano almeno quanto ne guida i pensieri… 🙂

    Mi piace

  31. Giustissimo Erik, diciamo che la mano e i pensieri sono strettamente collegati tra di loro e poi se ci mettiamo emozione e anima, siamo al completo. Tu sei un fotografo e anche bravo tra l’altro, quindi sì, sono sicuro che mi comprendi. 🙂

    Mi piace

  32. Erik

    🙂 mi hai fatto sorridere… fotografo… magari!!!!! (mi fa quasi arrossire sentire quel “titolo” accostato a me 🙂 )

    diciamo che ho da qualche mese iniziato a studiare questo fantastico mondo… dove fortunatamente ci sono un sacco di cose da scoprire… e che mi affascina moltissimo…

    ad ogni modo, mi piace perchè è un altro modo per esprimermi….

    Mi piace

  33. Se la foto del tuo avatar l’hai scattata tu Erik, puoi senz’altro considerarti un fotografo, è molto bella, per composizione e per luce, quindi… 🙂

    La cosa più bella della fotografia è che s’impara a vedere la realtà con un occhio diverso, e per certi aspetti, con uno sguardo più “intimo”, sei d’accordo?

    Mi piace

  34. lo vedi che fare gli spogliarelli in spiaggia ti giova ?
    anche se spero di non beccarti mai
    pure io vorrei leggere le tue puntate precedenti ma sei un grafomane peggio di me, quindi se non voglio trovarmi con la barbetta a novant’ anni ancora qui darò una sfogliatina veloce
    visto che hai una bella memoria forse ti ricorderai che cercavo casa, l’ ho presa e mi sono trasferita, oddio c’è sempre uno zin di prob ma si va e a te ?

    Mi piace

  35. Leggo un post e commenti sereni, solo un pizzichino di amaro qui e là, che ci sta tutto,interessanti analisi e questo significa che la partecipazione al concorso è stata comunque positiva e ha lasciato traccia. Che è bello vincere e che non sempre si può vincere, nonostante l’impegno e la bravura, lo sappiamo tutti, che provarci è comunque importante lo sappiamo anche e se poi siamo riusciti a far buona esperienza della “sconfitta”, lo dico in generale e non nello specifico di questa tua esperienza, un ‘nnagg…! e via, verso altre migliori occasioni che non mancheranno.

    ciao,
    marirò

    Mi piace

  36. Sì Marirò, l’esperienza è stata comunque positiva, soprattutto perché c’ho creduto. Io è una vita che mi rimetto al giudizio degli altri, d’altra parte non può essere diversamente se si ha a che fare con cose visibili, tangibili, almeno per quanto riguarda l’emozione, l’estetica, quindi ci sono abituato, così come sono abituato a ricominciare una nuova avventura e ti confesso che non ne potrei fare a meno. 🙂

    Mi piace

  37. Allora avevo visto giusto, d’altra parte sei ancora nel mio blogroll, ma adesso correggo subito. Sono passato a trovarti ieri o l’altro ieri e mi sembrava in effetti di riconoscerti nelle cose che hai scritto.
    E allora, bentrovata e non sparire di nuovo, passo subito a trovarti così memorizzo il tuo nuovo indirizzo. Com’è la nuova casetta?

    A proposito, non vorrai beccarmi mai in spiaggia… ? 🙂

    Mi piace

  38. Erik

    Si si l’ho fatta io… era il compito per casa del corso che ho frequentato, dovevamo fare una foto che raccontasse di noi…

    si concordo perfettamente, ogni cosa attorno a te assume potenziale valore, cambia proprio il modo di osservare e di vivere il mondo che ci circonda…

    concordo al 1000% 😉

    Mi piace

  39. Ciao Arthur caro, ho visto la tua scritta “bardini” in stile Arthuriano gioiosa e colorata . Ho visto anche il logo che ha vinto: molto ben riconoscibile.
    Tempo fa ho fatto un corso di Design e ho studiato le peculiarità dei loghi…anche i più famosi sono frutto di continui cambiamenti. Ma nella maggioranza dei casi sono simboli ben riconoscibili come la mela dell’apple o il baffo della Nike ..
    Il tempo ci saprà dire se il vaso con l’uccellino sarà un successo.
    Un abbraccio.

    Mi piace

  40. Maria Rosaria, guarda che Patrizia ha fatto il pesce di aprile, è una scherzona, quindi stai tranquilla che la vedremo ancora da queste parti e non solo. 🙂

    Mi piace

  41. laura laure'

    Che delusione il logo della vincitrice!!
    Mi pare una bella scopiazzatura di quei disegni a doppia interpretazione che trovavo nei libri di psicologia delle scuole superiori..
    L’ho sempre detto:dopo le piramidi e il Partenone..gli architetti non hanno fatto molti progressi…
    Il tuo logo e’carino…darei chissà’ cosa per vedere gli altri…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...