In verità…

Sorriso

E a proposito di questa Italia che urla e insulta, stamattina dopo aver fatto il mio dovere di cittadino ( …) sono andato a fare i miei soliti 12000 passi e tornando verso casa mi sono fermato in un parco per leggere alcuni sms che mi erano arrivati nel frattempo.

Un bambino di circa sei anni rosso paonazzo in viso mi si avvicina e facendo cenno alla sua maglietta anch’essa rossa mi dice: “ Ti piace la mia maglietta?”

“Bella” rispondo sorridendo un po’ sorpreso per quella domanda improvvisa.

E lui: “ Sì, è bella la mia maglietta rossa, anche se, in verità, è una canottiera, e la metto solo d’estate.”

Detto questo è scappato via correndo.

Che ridere che mi ha fatto fare con quel suo “in verità“!!!

Sì, è questa l’Italia che vorrei, anche se in verità è solo una canottiera rossa che ho incontrato e insieme, il sorriso di un bimbo rosso paonazzo in viso.

Annunci

68 pensieri su “In verità…

  1. Quando un bambino diventa adulto, perde questa spontanea sincerita’. E continuiamo a chiamarlo “crescere”, mah… ciao Arthur.
    Marghian
    p.s., in questo periodo sto facendo poco e nulla in web. Approfitto di questa mezzoretta che riesco a concedermi alla sera per salutarti. Ciao.

    Mi piace

  2. laurapozzani

    Come diceva il Piccolo principe di Saint-Exupéry? “Ai grandi bisogna sempre spiegargliele le cose..”. Concordo (tristemente) con Marghian… chiamiamo “crescere” l’abbandonare il nostro essere bambino, mentre “in verità” spesso è solo un degenerare… Lavoro con i bambini, vado avanti solo per i bambini e grazie ai bambini, se in certi giorni molto bui non mi sono lasciata andare nel baratro è perché mi ha sorriso il mio visino di bambina su una vecchia foto in bianco e nero, è per lei solamente che non mollo… Un grande abbraccio caro Arthur. 🙂

    Mi piace

  3. Non potevi fare incontro migliore, davvero. Inoltre ti ha distolto dall’infernale cell costringendoti a guardarti attorno. E attorno si può a volte incontrare il sorriso di un bambino che gioca in un parco.
    🙂

    Mi piace

  4. Lo hai fatto bene il tuo dovere?? Sicuro??? Eh eh???
    Beh sai com’è, è che quel bambino rappresenta il nostro futuro e dobbiamo fare di tutto per far sì che lo abbia roseo, migliore di quello che purtroppo stanno vivendo molti bambini attualmente.
    Chissà che simpatico quel furfantello 🙂
    Ciaooo, Pat

    Mi piace

  5. Per quel che rigualda il/i bambino/i non posso che affermare “Beata innocenza e beata gioventù”….Mentre a proposito del dovere del cittadino, a chiusa di questa consultazione elettorale prendo atto del volere popolare di abbandonarsi nella mani dei propri soliti vecchi carnefici, evidentemente la disinformazione ed anche l’atavica paura del cambiamento ha portato a questi inconfutabili risultati, ora torno a sedermi in riva al mio sacro fiume in attesa dell’immancabile certo passaggio di coloro che poi si lamenteranno comunque di come stanno andando ed andranno sempre di più le cose, chi è causa del suo mal pianga se stesso, chapeaux ai vincitori. Ciaooo neh!

    Mi piace

  6. Ti dirò caro Alan, che ogni volta, chiunque vinca, c’è sempre la scia delle lamentele e soprattutto la scia di quelli che non hanno certamente votato i vincitori, soprattutto se non rispettano le aspettative che costoro avevano. Alla fine è sempre un mistero come sono arrivati tutti quei voti 🙂
    Ciao nehhh !!!!!

    Mi piace

  7. Scusami Alan ma questa volta non riesco a essere d’accordo con te e te lo dico senza nessuna voglia di intraprendere una discussione politica di parte, perché non è il luogo e neanche il momento adatto per farlo e poi non ne ho proprio voglia. Dico soltanto che l’autocritica sarebbe il male minore in certe circostanze, costa molto meno di un mal di stomaco per la rabbia di un torto ricevuto ( mi domando quale ahimè!!!)

    Credo anche che a nulla serva dare la colpa di una sconfitta a dei poveri sprovveduti pensionati che in cuor loro non pensano al bene dei loro figli e dei loro nipoti. L’Italia non è fatta solo di pensionati e neanche di sprovveduti allocchi che si fanno manipolare come se nulla fosse e a dire il vero, di vecchi carnefici ne vedo ben pochi, e sì, quei pochi rimasti sono ormai sul viale del tramonto e anche questa è una realtà di fatto.

    E’ giunto il momento di tirarsi su le maniche, gli slogan lasciamoli alla prossima tornata elettorale e come sempre, sportivamente, che vinca il migliore.

    Sempre con il dovuto rispetto, nei tuoi confronti in modo particolare.

    Ciao carissimo, alla prossima.

    Mi piace

  8. Sì Patrizia, quel bambino era veramente simpatico, ma quello che mi ha stupito è il modo come me lo ha detto, quel suo “in verità”, detto come se nulla fosse, mi ha fatto ridere di cuore, non è di tutti i giorni incontrare un piccino che parla così forbito. 🙂

    Ciao Pat, buona serata.

    Mi piace

  9. Sì Fulvia, un sorriso di un bambino infonde speranza nei nostri animi così provati dalle “intemperie” giornaliere e poi con quel suo “In verità”… 🙂

    Mi piace

  10. Fidarsi è bene, non fidarsi è megliooooooooooooooooooooooooo
    Sono stanca, dopo le 4 ore di questa mattina, sono già alla sesta ora pomeridiana qui in ufficiooooooooo…..

    Mi piace

  11. Ciao caro Marghian, grazie per essere passato, e sul crescere, boh, ho dei dubbi a dire il vero, ogni volta che dimentichiamo la nostra spontaneità mi sa che facciamo un passo indietro.

    Ciao, stasera se riesco faccio un salto a trovarti.

    Buona serata. 🙂

    Mi piace

  12. bellini!!!
    anche voi si…vi ci vedo con la conotta rossa… 🙂
    io ce l’ho!!! ..però ce l’ho anche bianche, verdi, blu, turchesi, e poi e poi…nere!!!
    bacione… ♥

    Mi piace

  13. laurapozzani

    Eh Arthur, guarda che te le tiro davvero le orecchie se rispondi a tutti e a me no.. 😉 Sono solo una “bambina” gelosa… dai, scherzo, ci mancherebbe.. Buona serata. Io sto lavorando come una pazza in questo periodo e stasera lavorerò anche dopo cena, uffaaa… Un sorrisone comunque te lo mando. 🙂

    Mi piace

  14. @Patrizia M., il concetto espresso dalle tue parole non fa una grinza, da che nondo e mondo i vincitori gioiscono ed i non vincitori si lamentano, è sempre stato così e così credo sarà nei secoli dei secoli 🙂 🙂 . Ciaooo neh!

    Mi piace

  15. @Arthur, carissimo a chiusa definitiva del discorso elezioni, rispettando così la tua non volontà di intrapprendere discorsi politici, tengo a dire unicamente e a ribadire che laddove io parlavo di disinformazione non mi riferivo ai soli anziani, ma a tutti coloro che per mille motivi non si informano o si informano unicamente dalle Tv di stato e quelle di Mediaset (decisamente di parte) stessa medesima sorte per chi si informa dalle solite testate giornalistiche asservite ai partiti politci dai vari magnati troppo interessati.
    “di vecchi carnefici ne vedo ben pochi, e sì, quei pochi rimasti sono ormai sul viale del tramonto e anche questa è una realtà di fatto.” in questi ultimi 20 anni i due maggiori partiti si sono spartite quasi equamente le responsabilità della rovina dell nostra società con decisioni e scelte scellerate che ci hanno portato con un piede ben al di la del baratro, vedi fiscal compat, mes ed il pareggio di bilancio ecc.ecc. vedi chi ha sottoscritto queste scelte scelleratissime che ci toglieranno il futuro, nostro e dei nostri figli, scoprirai che non sono solo i tirannosauri (nel senso di vetusti) della politica italiana, ma ci sono giovani nuovi nomi che fanno credere di essere i salvatori della patria ma nella realtà sono ben daccordo con le forze della triade europea per portarci ai livelli della Grecia.
    Quindi con lo sperare che io me la cavo e con la promessa di non toccare più pensieri e parole dal tono politico, ti ringrazio per lo spazio e la pazienza, Ciaooo neh!

    Mi piace

  16. In effetti Maria Rosaria hai ragione, quell’incontro mi ha distolto dal cellulare, ma non ne sono schiavo a dire il vero, sono un tecnologico che non trascura le cose buone della vita. Ma quel bimo era troppo forte, con il suo “in verità” mi ha fatto morire dal ridere. Poi ti confesso una cosa, mi piace guardare la gente che mi circonda e quella pausa nel parco in questo senso è stata parecchio istruttiva, ti rendi conto di quanta umanità ci passa davanti che spesso non vediamo per nulla? 🙂

    Mi piace

  17. Sì, scusa, non era un concetto rivolto a te, ma generale. Domenica scorsa siamo andati a prendere una pizza con degli amici, sul tavolo c’erano sistemati 6 tra tablet e smatphone e praticamente conversammo in 3, gli altri 6 avevano “di meglio” da fare.

    Mi piace

  18. Sì lo so Maria Rosaria che era un concetto generale, nessuna scusa quindi, ci ho scritto anche un post sul’argomento, su questo imperversare di Tablet e smartphone soprattutto tra i bambini, il modo migliore, immagino, per tenerli tranquilli, risultato? Niente dialogo e niente comunicazione, e poi, quali saranno gli effetti?

    Forse sono un po’ troppo legato alle parole, ma solo perché da piccolo adoravo ascoltare i grandi, mio nonno, mio zio, mio padre, che meraviglia! 🙂

    Mi piace

  19. Cara Laura, il Piccolo Principe diceva anche che l’essenziale è invisibile agli occhi, quindi è importante saperlo vedere. Io ci credo nel mio prossimo, spero che anche “lui” creda in me. 🙂

    Mi piace

  20. Calo

    “In verità”… c’è davvero tanta umanità intorno a noi… e c’è un pezzettino di noi in ognuno di loro… come la luce che si riflette in un prisma e ne escono tante luci, diverse per intensità e colore… ma “in verità” è sempre la stessa e unica luce…
    🙂
    Bentrovato!

    Mi piace

  21. laurapozzani

    Per uno che cita una delle mie frasi preferite (L’essenziale è invisibile agli occhi) come potrebbe non esserci sempre il “peddono”? 😉 🙂 Un grande abbraccio caro Arthur, buona serata. :-*

    Mi piace

  22. beh ..stavolta do ragione a Patrizia che scrive che i bambini di oggi hanno una marcia in più… noi eravamo più tontoloni :))) tu sarai un ‘eccezione ( rido ) Simpaticissimo post ..e vaiiiii con il ROSSSSSSOOOO.. A prestissimo ..sono in prestito pc

    Bacione bacione Arthur

    Mi piace

  23. sto cominciando a prenderti per un padre pio voglio un pezzo della tua tonaca, un guantino una candela una stellina dell’ aureola, senti ma non è che nelle passate edizioni dei miei blog ti fossi copiato una mia foto in lingerie ? l’ ho autocensurata cosa bislacca da non fare e me ne pento, dimmi che ce l’ hai era lingerie bianca

    Mi piace

  24. No, adesso me lo devi spiegare, perché mi stai prendendo come un padre pio? Non certo perché non amo la gente che urla spero, non mi piacciono le prepotenze, e chi urla in genere non ha molto da dire.
    ‘nnagg… Michela!!!

    E per la foto in lingerie, no, non l’ho copiata, ricordo quella foto e, uhmmmm… non male devo dire, ma perché l’hai censurata?

    Che Michela che sei!!! 🙂

    Mi piace

  25. s pio perchè sembra che tutti ti adorano e allora mi faccio prendere dalla tracotanza e voglio portarmi via un pezzetto…..l’ autocensura è meglio che non ti dico……forse scuffiando la stiva del pc la rinvengo…….allora me lo dai un cimelio ?

    Mi piace

  26. Beh Michela, che simpatica che sei mannaggia, ma cosa te ne fai di un pezzetto di me? Potrebbe anche esserti indigesto, non ci hai pensato? 🙂 🙂 🙂
    Comunque, sappi che non tutti mi adorano, anzi, qualcuno avrebbe più di una cosa da dire a proposito di questo tipaccio che si chiama Arthur, quindi sono come tutti, un normale blogger, in questo caso e in queste stanze, che cerca di fare del suo meglio.

    ‘nnagg… !!! 🙂

    E sull’AUTOCENSURA, parliamone, anzi, adesso vengo a trovarti così mi ragguagli meglio sui particolari.

    Mi piace

  27. Erik

    questo post mi ha messo il buon umore sai perchè???

    perchè in quel gesto e quelle piccole frasi di quel bambino ci trovo l’infinita bellezza e profondità della libertà….

    non si è chiesto chi sei, che fai, ha visto una persona come lui, ha sentito il desiderio di condividere con te un suo pensiero, non si è fermato a pensare se e come avresti potuto giudicarlo, ha condiviso il pensiero e ha proseguito la sua strada libero….

    …libero come dovremmo poter essere tutti noi…

    Mi piace

  28. Sì Erik, hai ragione, è stato un gesto di infinita bellezza e profonda libertà, ma noi adulti siamo troppo condizionati per esprimerlo alla stessa maniera, cioè con semplicità.
    Ma quel suo “in verità” mi ha fatto morire dal ridere. 🙂

    Mi piace

  29. Erik

    posso capire, spesso i bambini usano certi termini in un modo che diventa impossibile non sorriderne… e la cosa più interessante e che altrettanto spesso il senso di quei temini è corretto nel contesto… probabilemnte a loro insaputa… 🙂

    Mi piace

  30. Sì Erik, il senso di quel termine è corretto in quel contesto, peccato solo che non ho potuto fotografarlo, era troppo bello, rosso come un peperone e con il dito che puntava verso la sua maglietta.
    Che spasso. 🙂

    Mi piace

  31. Per Laurapozzani- questo commento e’ scritto “distante dal tuo” perche’ non vedo la scritta “rispondi”-.
    Davvero ciò che noi chiamiamo “crescere” e’ spesso un degenerare, e non parlo solo dell’invecchiamento. “Spesso”, non sempre, in quanto ci sono quelli/e quelle che riescono davvero a crescere, ma nel vero senso della parola. Un “crescere” che cancella la genuinità e la bontà del bambino non e’ crescere, e’ soltanto invecchiare. E’ triste, ma e’ cosi’.
    Nel mio paese si organizzava, ogni anno, un “festival dei bambini tipo “zeccino d’oro”. Ti racconto questo perche’… ricordo una bambina che cantò , era cosi’ dolce. Oggi lei…e’ una donna che si trova in prigione per commercio di droga per pu giro di affari di migliaia di euro. “Crescere…” gia’, “crescere”. Ciao.

    ^Un saluto al “padrone di casa. Ciao Arthur 🙂

    Marghian

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...