La foto che sconvolge il mondo.

Quanta pietà farcita di falso buonismo e ipocrisia c’è in questo ennesimo dibattito sulle morti di questa povera gente!

E da uomo, provo ribrezzo per tutto questo.

Oggi la foto di un bimbo senza vita sulla spiaggia di Bodrum in Turchia portato in braccio da un soldato Turco riaccende le solite polemiche e dichiarazioni; si tratta di un bambino Siriano di circa due anni trovato morto sul bagnasciuga. Ma allora mi domando, basta una foto per scuotere le coscienze di chi per troppo tempo ha fatto finta di non guardare o, che è peggio, di tutto per non volersene occupare?

Quanto rumore all’improvviso!

E tutte le altre centinaia di migliaia di morti, compresi tanti bambini – e sì, c’erano anche loro purtroppo – anonimi solo perché una foto non li ha immortalati, per quale male oscuro e quale colpa sono morti e quale sciagurato destino li ha relegati nell’indifferenza?

E’ frebbile in queste ore l’impegno da parte dei “Grandi” per trovare soluzioni che lascino spazio al rispetto per una condizione di vita che merita, qualunque sia e da qualunque parte arrivi, una giusta ricompensa.

Non lascio ad una foto il compito di scuotere la mia coscienza e quanto meno per provare pietà; la vita è un bene prezioso e nulla e nessuno può esimersi dal considerarlo.

Annunci

15 pensieri su “La foto che sconvolge il mondo.

  1. Non ti ho dato il like e sono sicura che capirai il perché. Oggi quando ho seguito il Tg e ho visto questo piccolo corpicino mi sono scese le lacrime, ho smesso di mangiare e ho avuto una grande confusione in testa, perché come giustamente hai scritto, questo piccino è un’altra povera vittima, l’ennesima di una lunga serie che sicuramente non è ancora finita. Troppi morti, troppe giovani vite stroncate, troppo menefreghismo e nello stesso tempo troppo arruffare il tutto per soldi, sempre sulla vita di povera gente. Serve una soluzione, anche perché non si possono tenere tutti in Italia, ma nemmeno marchiarli come bestiame, lasciarli giorno e notte sulla strada ecc. ecc.
    Un bambino siriano ha lanciato un brevissimo filmato, dove dice solo: fate terminare la guerra e noi non verremo da Voi.
    Capisco che non tutti sono brave persone, ma come si fa a capirlo??? Come decidere chi è degno di aiuto e chi invece arriva solo per fare danni e portare altra malavita??
    Non lo so, proprio non lo so. So solamente che provo tanta rabbia e nello stesso tempo tantissima tristezza.
    Speravo di non trovare post su questo piccino, ma capisco anche che era inevitabile!
    Kiss, Pat

    Mi piace

  2. Ci ho pensato molto prima di scrivere questo post cara Patrizia, ma la rabbia era così tanta che non ho potuto fare a meno di farlo. Rabbia per un mondo cieco e sordo che sempre più spesso dà spazio ai propri interessi personali e lascia che la vita non abbia più nessun valore. Rabbia per come tutta questa storia, degli sbarchi, sia gestita da chi ci specula per portare a casa qualche manciata di voti in più. Rabbia nei confronti di chi, avendone il potere, non fa nulla per intervenire in quelle terre straziate dalla fame, dalle guerre e dalla disperazione. Rabbia nei confronti di chi prende il pretesto di una foto per gridare allo scandalo, per impietosirsi, quando la pietà è un sentimento che chi da mesi ormai si prodiga per aiutare questa povera gente sente, e mi riferisco a tutte quelle forze che ormai da tanto s’impegnano per salvare vite umane dal mare e nel mare.

    Ecco perché l’ho scritto, perché ogni volta che sento di queste storie, non capisco perché in un’epoca come la nostra, dove tutto è ormai possibile, o quasi, non si riesca a trovare una situazione onorevole per queste povere persone che in fondo non chiedono poi tanto, se non di vivere una vita più giusta.

    Sì, rabbia e tristezza.

    Mi piace

  3. Aurore2014

    Caro Arthur, capisco e condivido in tutto la tua rabbia, perciò non mi metto a ripetere con parole meno efficaci delle tue gli stessi concetti… voglio solo aggiungere una cosa riguardo il discorso della “foto”: non ti eri accorto che questo è un mondo dove conta solo l’apparenza, fare un certo effetto o scioccare la gente? E che è un mondo dove si scrive per immagini, si impara per immagini, si parla per immagini? Purtroppo uno può raccontare, urlare, confessare a voce o per iscritto tutta la sua pena, i fatti che vive concretamente possono dire tutto, ma nessuno si accorge di lui e se vuole essere notato, ascoltato, preso in considerazione basta che faccia circolare una foto particolare che attrae la curiosità, che stimola magari la parte più meschina del prossimo o quella morbosa… non importa, sembra che solo le immagini ormai abbiano il potere di scuotere qualcosa e questa è davvero un’altra vergogna e cosa tristissima, angosciante…
    Un abbraccio caro amico.

    Mi piace

  4. alanford50

    Caro Arthur, capisco e condivido in toto la tua rabbia, “Rabbia nei confronti di chi, avendone il potere, non fa nulla per intervenire in quelle terre straziate dalla fame, dalle guerre e dalla disperazione.” chi ha il potere e non fa nulla per intervenire in quelle terre sono a mio modestissimo parere le medesime persone che hanno creato il problema, l’imperialismo delle grandi potenze, delle grandi industrie che dominano i governi, il Dio denaro, quindi, si evince che non esiste soluzione, quando a porre rimedio ad una certa situazione è chiamato il medesimo potere che l’ha generata diventa lapalissiano comprendere che non c’è soluzione ne speranza alcuna.

    Caro Arthur, la visione di quella foto mi ha fatto molto male, così come mi fa male vedere le scene della disperazione umana che i media ci propinano quotidianamente, ma quello che mi fa veramente male nel profondo è la certezza e la consapevolezza del fatto che domani questi eventi verranno dimenticati o anche solo sovrapposti o messi da parte per fare spazio e notizia del quotidiano dolore umano e l’altrettanta consapevolezza che nulla cambierà, almeno fino a quando l’uomo non verrà messo davanti al Dio denaro, il che secondo me non accadrà mai.
    Sono molto stanco delle verità eluse o ignorate, il millenario perpetrarsi di questa realtà mi mette in condizione di estraniarmi sempre di più e il più possibile dalle beghe umane e dagli esseri umani in genere, fossi meno vigliacco ed egoista troverei la strada dell’eremo l’unica alternativa vivibile con un minimo di senso.

    Sempre con la recondita speranza di essere contraddetto dagli eventi, ti lascio con un buon augurio e con il mio classico saluto Ciaooo neh!

    Mi piace

  5. o per dirindinella io vengo per scrivere un commento su artur nudista fuoripista e devo mettere un commento serio
    se esistesse una statistica su quenti bambini muoiono vittime di stupri leucemie e tumori in italia sarebbero numeri a 4 cifre ogni anno, sempre da molti anni, invece ciò che è occultato passa inossservato
    insomma ma ste foto di te gnudo in spiaggia ?????

    Mi piace

  6. Pingback: NON SI PUÒ CAPIRE. | Quarchedundepegi's Blog

  7. Sì, hai perfettamente ragione cara Aurore, ormai si parla per immagini, solo che alle volte sono troppo crude e non sarebbe il caso che fossero pubblicate.
    Un abbraccio anche a te e buon inizio settimana. 🙂

    Mi piace

  8. Credo che sia meglio essere consapevoli di queste realtà, estranearsi non sarebbe la soluzione migliore, se non altro per essere in grado di fare delle scelte e scegliere, se è il caso, delle persone migliori per guidarci in un mondo più giusto. Utopia dirai giustamente? Sì può darsi, ma se tutti gettassimo esasperati ( come lo siamo) , sarebbe il caos.
    Anche se in un posticino ameno, molto ameno, tipo Filicudi, tutto mare e silenzio, non sarebbe male rifuggiarsi. ☺
    Ciao carissimo, buon inizio settimana.

    Mi piace

  9. Il padre univo superstite ha seppellito oltre al figlioletto Alan un altro suo bimbo di 4 anni e la moglie ma forse nn erano …in posaizione abbastanza toccate.
    Sheraconunsaluto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...