Maddai, proprio io? Sì, sì, proprio tu!

Dondolo_a

E così Patrizia dice che sono un po’ pazzerellone quando mi metto a fare certi discorsi e allora io le chiedo: “Maddai, proprio io? “

E lei risponde imperterrita, oltre che in modo impertinente: “Si caro, sì proprio tu!”

Sorrido all’idea e no perché allora mi vengono in mente tante di quelle cose che a confronto tra il dire e il fare altro che ci va di mezzo il mare che alle volte proprio perché litigarello e (proprio) bello, bello, lì così calmo che sembra una tavola, di quelle che ogni tanto si vedono tra le montagne della Groenlandia, dove i pini fanno l’amore con le cicale nelle notti di luna piena, mentre tra le fresche frasche si odono rumori strani, come di porte che sbattono perché fischia il vento e fuori ulula la bufera, come quella volta a San Donato in Chianti, quando la Signora Giovanna detta l’amica del giuggiaro, s’innamorò di quel bel fusto di Ronaldo, occhio di falco e con le tasche sempre vuote, sì, proprio lui che andava dicendo in giro “meglio un giorno con Giovanna che un’oretta da leoni”, tanto cos’aveva da perdere? Nulla in confronto,  era stato come una specie di guizzo, aveva pensato tutte quelle cose, o forse era meglio dire che aveva sognato ad occhi aperti.
Si guardò intorno, ma non vide nessun paio di zatteroni anni ’80 made in Taiwan tra le tante cose che giravano qua e là, rifinite a mano a Castrovillari dell’Isonzo, angolo Centocelle della Moldavia, e mentre pensava, improvvisamente si accorse di avere due occhi che lo fissavano con un non so che di interrogativo, come quella volta che si era trovato a Bugnasco Calabro, nel bel mezzo di una festa paesana, sai di quelle dove ci sono le processioni, la Vara con i Santuzzi devoti, e la gente che piange e si dispera, ma solo quelli che aspettano di vincere il concorso comunale per titoli ed esami per la copertura a tempo determinato e pieno di n. 10 posti di segretario alle manifestazioni pubbliche con delega a termine e forse neanche quella e con scadenza il 30 settembre, più o meno, e poi c’era la banda con le Majorette – tipica ragazza che pratica con disinvoltura una disciplina di spettacolo, sfila sempre insieme alla propria banda musicale o a più bande, che balla con incedere elegante – e mentre guardava tutte ‘ste belle cose, si accorse che… “Svegliati, svegliati, a cosa pensavi? “

Giovanna gli stava urlando nelle orecchie e allora lui, facendo finta di nulla: “ Ma cosa vai a pensare? Mi ero soltanto un attimino, come dire, estraniato e se vuoi saperla tutta, stavo pensando a te, di portarti a cena fuori in quel bel ristorante che sempre a te piace tanto, sito nell’Aurelia settentrionale, con i tavolini in ebano della Groenlandia, appunto, con fiamme rosse e gialle di Frassino della foresta nera, sedie Luigi XVI, con sedile imbottito con piume d’oca, (la parte più morbida che poi è sotto il collo) e rivestite con stoffa damascata, tendente al porpora, a seconda se si guarda di sera o di giorno, eh… cosa credevi?”

Che poi ripensandoci, Patrizia, sei proprio sicura di quel che dici?

‘nnagg…!!! 🙂

Annunci

41 pensieri su “Maddai, proprio io? Sì, sì, proprio tu!

  1. E pensare che gli scienziati hanno spergiurato che l’umanità sarebbe uscita indenne dall’allineamento dei pianeti, a questo punto, preso atto della realtà che si impone nonostante gli sforzi profusi dal genere umano, non posso esimermi dal pensare che se tutto va bene siamo più che rovinati, e data la congiunzione astrale sopracitata non ci resta che sperare che nel prossimo futuro il repentino disallineamento dei pianeti, sempre se gli astri restino cimunque favorevoli, porti tutto a tornare più o meno come prima, pur con la recondita consapevolezza che questo è stato e proprio come prima difficilmente potrà tornare, comunque fiducioso nell’astronomia, quale unica scienza esatta in quanto inconfutabile ed imperscrutabile ed anche nell’oroscopo che quest’anno è buono per quasi tutti i segni, tranne che per gli scorpioni per via che quando li prendi a spallucce non riescono a trattenersi dal pungere, resto in attesa di nuovi eventi capaci di riportarmi il sorriso e la fiducia nei miei simili. Ciaooo neh! 😉

    Mi piace

  2. Oh caspita Alan, sai che io sono uno scorpione? E allora mi sa, visto che le congiunzioni astrali non sono favorevoli per questo eccezzzzionale veramente segno, che di strafalcioni vestiti di disorientamenti letterali ce nesaranno ancora, per cui, evvabè il sorriso non si nega a nessuno. 🙂 🙂 🙂

    Mi piace

  3. Beh cara Patrizia, il fatto che questo post non abbia avuto molto seguito è da attribuire solamente al sottoscritto, tu non c’entri per nulla.

    Probabilmente sto perdendo un po’ del mio antico smalto e… capita mannaggia, anche nelle migliori famiglie.
    Capita!!! 🙂

    Mi piace

  4. Carissimo, la citazione sul segno astrale dello scorpione è assolutamente casuale, nel ritrovarmi perso nel mio disorientamento mi sono scontrato (nel senso che non so perchè ne come) con la famosa metafora, ma giurin giurello che non c’è nessun legame con nessuna persona conosciuta, trattasi unicamente dell’espressione di un non senso nel più totale disorientamento lessicale. 😉 ciaooo neh alla prox.

    Mi piace

  5. Sì lo so che era casuale, ma ci stava bene per quanto riguardava i disorientamenti, che poi lo scorpione sia uno scorpionaccio è anche vero, ma è anche come son solito dire a mia discolpa ai miei amici, il più bel segno dello zodiaco.

    Come dire, “si nun mi vantu eu…” come dicono i calabresi. 🙂

    Mi piace

  6. Aurore2014

    Ahiahi, e io che dico a tutti che il più bel segno è il mio 😀 eheh, siamo due vanitosi? Sagittario, ma giusto giusto il primo giorno del segno e quindi sono una cuspide con lo Scorpione ;-)… Ho risposto al tuo commento sul mio blog caro Arthur, torno più avanti a salutarti con meno fretta.
    Buona serata, bisous bisous. 🙂

    Mi piace

  7. maddaiiii Aurore sei un Sagittario anche Tu ??? del 23 ??? ( giorno naturalmente ;))) E’ verissimo questo è il più bel segno …. Mi sa che adesso siamo in 3 ad eseere vanitosi !!! Un bacione a te e anche al bel giovine dello Scorpione , padrone di casa :)))
    rosy

    Mi piace

  8. io sono in un momento catartico,
    del tipo cataratta calata.
    Riprenderò lo smalto?
    Speriamo,
    questa vita sconsideratamente vuota mi uccide!
    Cmq la Pat è sempre la Pat, e te capitano caro, sei sempre il mio Capitano.
    Che mattina bruttina che c’ho….sono a casa con mille cose da fare ma non ho voglia…
    e allora un saltino da te lo fo’ volentieri , giusto per ricordati che ci sono. Esisto.
    Un bacio alla mia Pat…due baci alla mia pat e tre baci alla mia Pat.
    A te capo solo una cosa: ciao caro!
    A presto anime!
    ventolina

    Liked by 1 persona

  9. E così Aurore e Rosy, siete due sagittario e quindi come si suol dire, avete il cavallo che vi scalpita addosso. Sì, in effetti il sagittario è un bel segno, forse un po’ irrequieto proprio per questa sua smania di evadere, di viaggiare, ma decisamente un bel segno. E ve o dice uno che ci ha vissuto per dieci anni con un sagittario.

    Che fatica però!!! 🙂

    Liked by 1 persona

  10. Evvabè Ventolino, a Patrizia tre baci e a Arthur solo un laconico “ciao caro”?

    Eh porcaccia!!!

    E comunque sia, generalmente i Capitani sono soliti prendere baci, abbracci, ricchi premi e cotillons, per cui, non sarebbe il caso di adeguarsi? 🙂

    Mi piace

  11. Aurore2014

    Confermo la smania di evadere… anche perché vivo imprigionata da “secoli” in una gabbia che credevo fosse un castello incantato e invece si è rivelata un grigio tugurio… davvero dura per un Sagittario non poter gustare appieno la libertà, non poter muoversi… la lettura è rimasta la mia unica evasione, specialmente se leggo articoli pazzerelli di un capitano di nome Arthur 😉 😀 Buona serata carissimo!

    Mi piace

  12. Aurore2014

    Ma che ci siano davvero le cicale in Groenlandia? Certo che hai una fantasia infinita, caro Arthur. Ho riletto il tuo fantastico racconto strampalato, costruito ad effetto domino… forte e spassosissimo! Mi sono proprio divertita e vedi che riesci sempre a farmi sorridere? Questo modo di scrivere mi ricorda certe filastrocche molto antiche tramandate dalla tradizione orale (ormai sono pochi a custodirne la memoria) usate nella cultura contadina per alleggerire certi lavori o per intrattenere i bambini prima della nanna, la sera, quando le famiglie si raccoglievano attorno al focolare e non c’era la tv… Per lo meno queste erano tradizioni della mia regione, immagino anche del resto d’Italia. Un abbraccione capitano. 🙂
    P.S. Io sono un Sagittario molto docile, forse perché sono per mano del segno Scorpione… 😉 😀

    Mi piace

  13. Uhhh vedi che non hai perso il tuo antico smalto?? Diciamo che l’argomento Patrizia non era interessante, ma poi sono uscite altre cose tramite commenti e viaaaaa a tutto botta e risposta ahahaha.
    Unica Ventolino, che mi adora e mi manda tanti baci e te niente gne gne gne gne hihihihhi
    Ciaooo, buon proseguimento di giornata.
    Pat

    Mi piace

  14. @ Aurore confermo tutto quello che scrivi riguardo alla libertà …. Adesso io sono..”quasi ” libera di fare quello che desidero dopo tantooooo tempo in una gabbia dorata … ( non è sempre tutto oro cmq )
    Buona serata :))

    Mi piace

  15. Mia cara Aurore, l’evasione dalla quotidianità è un bene che non sempre ci è possibile raccogliere, ma già immaginandolo, sognandolo è un bel passo avanti. Ma è fondamentale ritagliarseli certi spazi, magari una gita fuori porta, un incontro con amici, una serata in buona compagnia per assaporare momenti perduti, ed è una ricerca da portare avanti con decisione e convinzione, altrimenti cosa ci resta? La noia di dovere affrontare ogni giorno gli stessi gesti, quelle abitudini che se da un lato ci rendono più sicuri, dall’altro rischiano di renderci apatici e senza più voglie.

    Non lo vorrei mai, infatti cerco sempre nuove sfide anche per questo. Ma il sogno, l’emozione è tutto.

    Buona serata anche a te, pur se con un giorno di ritardo. 🙂

    Liked by 1 persona

  16. Beh, ti confesso che certe volte quando mi metto a scrivere questi “famosi” disorientamenti letterali, come li aveva definiti la mia cara amica blogger Elle, mi vengono così senza alcuna fatica e forse dipende dal fatto che in fondo mi piace giocare con le parole, pur se strampalate, nascondono sempre una metafora e poi a ognuno l’occasione per scoprirla.

    per il resto, ‘nnagg… sei un sagittario docile docile? Quasi quasi… ma sei anche una donna e per quanto io possa amarle del donne, so anche che di docile hanno ben poco se si mettono. 🙂 🙂 🙂

    Liked by 1 persona

  17. Oh porcacc… Patrizia, mi rincuori, dici che non ho perso il mio antico smalto? 🙂

    Ma è tutto merito vostro, della vostra presenza, come anche della vostra voglia di sorridere insieme a me. 🙂

    Mi piace

  18. Aurore2014

    Beh, le mie amiche e colleghe mi prendono sempre in giro perché a volte sono troppo “buona” o “conciliante”… non lo dico per vantarmi, è quello che mi sento sempre ripetere più come un rimprovero che come un elogio… 😀

    Mi piace

  19. Grazie Rosy, troppo buona ahahahha, ma che vuoi farci, qui l’anfitrione è Arthur ed è giusto che sia così, io sono secondaria, se così si può dire ed è giusto che sia così 😛

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...