La nascita di Arthur (by Antonella…)

nascita_b-om

La nascita di Arthur

….vi erano, ordunque, tre splendide fate attorno ad un calderone, indaffarate e concentrate nella loro Grande Opera. I loro veli scintillanti sembravano onde del mare sotto la luce della luna, dai loro occhi trasparivano sapienza, coraggio, amore, fantasia e un pizzico di furbizia.

“ Presto“ disse la prima “ portate l’acqua del mare, affinché il suo sguardo non sia limitato ma sondi le profondità degli abissi e insegua i raggi del sole al tramonto”.

“ Portate un compasso” disse la seconda “ studierà i segreti dell’ Architettura, ammirerà i geni ai quali era affidato il compito di far parlare la pietra”. “ Aggiungete piume di pavone” disse la terza “ sarà vanitoso e si servirà del suo fascino per trasmettere conoscenza agli altri”. “ Ancora due gocce di miele, la sua dolcezza sarà un dono per chi saprà toccare le corde della sua anima”. “ Una pagina di un libro, ma non uno qualunque, ma uno scritto da chi ha saputo far volare milioni di persone” . E il Piccolo Principe finì nel calderone. Le tre fate continuavano a mescolare: sette giri a sinistra, sette giri a destra per ogni ingrediente. La loro dispensa era davvero molto fornita.

“ Un pizzico di peperoncino …”

“ Nooo” esclamarono in coro le altre due “ Cosa fai ? “ “ Tranquille, non vorrete mica farlo crescere noioso ?!! “

Ma dicendo questo, la fata distratta lasciò cadere qualche seme in più nel calderone e da quel momento il piedino di Arthur e la vita della Tremendisia non conobbero più la tranquillità.

“ Scintille di tuono “ “ Scintille di tuono ?? Sei sicura ? “ “ Ma si, si, non vorrete mica farlo crescere troppo mite e remissivo ? “ “ Bene, ci siamo quasi, continuate a mescolare bene, vado a prendere un pizzico di Fantasia in giardino, un pizzico di vento e qualche nota del canto degli uccelli “.

La fata più anziana s’incamminò attraverso l’arco di rose, edera, felci, gelsomino e arance di Sicilia. Inebriata dall’intensità del profumo, espirò intensamente, poi attraverso il boschetto di mele e nocciole, raggiunse la vecchia quercia e chiese al Grande Spirito di concederle quel pizzico di Fantasia necessaria affinché la Grande Opera potesse giungere a termine. Dopo averla ricevuta, tornò nel salone, davanti al calderone e disse:

“ Piccolo Uomo di Samhain , elevati nella luce della Luna e conoscerai il volto di tua madre. Elevati nella luce del Sole e conoscerai tuo padre. Le tre fate ti hanno forgiato secondo il volere del Grande Spirito”.

Il Vento entrò nella stanza, portando il Suono dell’Universo e avvolse il piccolo. “ Ora la Grande Opera e’ compiuta . Devi solo pronunciare il tuo nome e potrai incontrare gli occhi di tua madre, nutrirti di lei, camminare con le tue gambe nel mondo e far conoscere agli uomini la Fantasia” conclusero in coro le tre fate.

Il piccolo pronunciò il suo nome in modo fermo, deciso, orgoglioso: Arthur

By Antonella

*** Grazie Antonella! ***

Annunci

33 pensieri su “La nascita di Arthur (by Antonella…)

  1. Ma sarà veramente una favola? La nostra Anto ne sa una più del diavolo, mi sa che quella pergamena l’ha trovata davvero… troppo precisa la descrizione, anche se secondo me ne ha saltata qualche riga: perché è vero che hai una splendida fantasia, ma non ti tiri indietro davanti alla realtà.

    E poi, quale ingrediente ti ha reso così protettivo? Forse nel calderone c’era una piuma di chioccia?

    *** anche se nel tuo caso ci vedo più un’ala di gabbiano ***

    Mi piace

  2. antonella

    che onore raga ! in due giorni ho guadagnato ben due prime pagine !! e chi se l’aspettava sto successone !! mi state viziando troppo. addirittura la prima dell’apertura del blog. wow mi sento veramente orata . ops onorata , onorata. scussate e’ che si avvicina l’ora del pranzo !!!! piuttosto tremendisia perche’ non mi rispondi al telefono ? ci andiamo a pranzo al mare o no ?
    ( comunicazione di servizio, sorry ! ).
    ti faccio i miei migliori auguri per questo blog che mi incuriosisce molto, devo dire. sono ansiosa di leggere i tuoi post.
    intanto, continuiamo a festeggiare ? a proposito, ma i pappagallini che ti ho inviato dove sono finiti ? bacissimi
    p.s.
    eri gia’ molto indipendente, vedo, dove stavi correndo con quella torpedo blu ? !!!

    Mi piace

  3. Ah però…così piccolo e già avevi la spider due-posti-secchi-secchi 🙂

    Bellissimo il racconto della tua nascita scritto da Antonella…a metà strada tra fiaba e realtà.
    Perchè in mezzo a tanta fantasia ci sono pur sempre tanti elementi reali nei quali rispecchiarti, n’est-pas?
    In quali e quanto puoi saperlo solo tu, ma a me sembra che la “ricetta” sia davvero molto molto azzeccata.

    ‘giorno!

    Mi piace

  4. Io avrei voluto mettere tutte le poesie che ti ho scritto: mi aiuti a rintracciarle? Io ricordo l’oroscopo (“tremendi incontri ha di recente fatto”, o qualcosa del genere), quella della dieta, quella sulla mia visita al campo naturista…

    *** … quella messa nei commenti al post sui nonni… ***

    Mi piace

  5. antonella

    picciottiiiinoooo !! perche’ mi viene voglia di darti due pizzicotti sulle guanciotte ogni volta che vedo questa foto ? sono irresistibili !!!

    Mi piace

  6. antonella

    ma io intendevo la foto da picciriddu !! per la foto da grande confermo [….omissis….] e poi […omissis…] e infine […omissis….], e contiamoci pure kagfdsbfvkhbgvbjxmkuh e poi…. mi fermo perche’ sono un po’ pigra !!!!!

    Mi piace

  7. antonella

    quando moriro’ , arthur, ( perche’ prima o poi i colpi di lupara mi raggiungeranno, e’ scientificamente provato che non si puo’ sempre fare cilecca ) vorrei che tu scrivessi qualcosa di carino su di me, mi raccomando . smack

    Mi piace

  8. Lo scrivo io:

    Accogli, o Signore, l’Antonella,
    con la stessa gioia con cui io te la mando!

    Fa’ che nel tuo paradiso
    non le manchi cibo abbondante,
    né adeguate libagioni.

    Fa’ che ogni tanto passi
    qualche angelo a torso nudo
    meglio se col fascino del brizzolato.

    Non la mandare mai a parcheggiare le nuvole,
    perché pur essendo il cielo infinito,
    lei riuscirebbe a non trovare posto.

    Ma nel caso tu decida di farla tornare a noi,
    (perché anche nel paradiso va presa a piccole dosi)
    e reincarnarla in una nuova creatura

    fa che questa creatura sia sempre nei miei paraggi
    e faccia parte della mia vita
    perché io sempre e per sempre la voglio come amica.

    Amen.

    Mi piace

  9. SIGNORE

    PACE A VOI.
    Cara Lady Ginevra, la piccola , hai ragione, va presa a piccole dosi, e siccome l’endocrinologo l’avevo gia’ rimandato giu’ e tutti gli angioletti a torso nudo erano occupati, ho permesso di nuovo che potesse reincarnarsi.
    Per quanto riguarda il parcheggio , non e’ un caso che l’abbia mandata a Roma, col Lungotevere si sentira’ sicuramente a casa.
    Stai tranquilla, sto riprogrammando la sua pazienza, quindi penso che rimarrete amiche ancora per molto.
    Nel frattempo, ti consiglio di evitare di ordinare il menu’ pizza al posto suo….

    Mi piace

  10. Ho già imparato la lezione… visto l’ultima volta come sono stata brava?

    Tanto sempre menù pizza ha ordinato…

    … un giorno mi inventerò io una pergamena con “la nascita di Antonella: la faccio nera!

    *** faccetta nera, Antonellina, aspetta e spera che la pizza s’avvicina! ***

    Mi piace

  11. Ma pensa te, lascio senza controllo la “mia nascita” per un giorno intero e cosa mi ritrovo? Due Tremendisie che dippiù non si può, che si contengono i pizzicotti ‘o picciriddu, a suon di versi che sembrano ballate…

    Mannaggia e mannaggina…

    Evvabè… Antonella, ma la foto del picciriddu grande, non t’ispira anche due pizzicotti e Q.A. ?

    *** Sempre a disposizione! ***

    Mi piace

  12. Lady Ginevra

    Sempre a disposizione?
    Ahi ahi, Vostro Onore, mi riconosca la provocazione, fui costretta a reagire!

    Cantami o Diva
    della nostra Diemme
    l’ira funesta
    che inifiniti addusse
    lutti alla rete

    molte anzitempo all’orco
    spiritose travolse alme di donne
    e di cani e d’augelli orrido pasto
    lor salmi abbandonò.

    Così di Ginevra l’alto consiglio s’adempia
    da quando primamente
    congiunse intenso amore
    il re de’ prodi Arturo e la D_ivina.

    Mi piace

  13. antonella

    diemmuccia mia te prego, faccetta nera accanto al mio nome nun se po’ proprio senti’.
    e poi e’ il tuo caro consorte che stuzzica.

    Mi piace

  14. Sempre bella la favola di Antonella, ma che tenerezza rileggere i nostri commenti… 😦

    “Cantami o Diva
    della nostra Diemme”

    etc. etc. non me la ricordavo…

    […]

    e ancora

    […]

    e ancora

    […]

    Mi piace

  15. Sì, è stato un bel periodo, ci divertivamo ovunque e comunque. Siamo stati una bella combriccola ridanciana.

    Però… considerando che la vita è una ruota, mi sa che è tornato il turno del sorriso 🙂

    Mi piace

  16. E perché, il famoso oroscopo cui mi riferivo in uno dei commenti precedenti? L’ho ritrovato: in edizione speciale per Rosigna, vi trasmettiamo “L’oroscopo dello scorpione”!

    Per lo scorpione il cielo è articolato
    c’è scritto che sul blog lui è assai adorato
    ma dalle invidie si deve sì guardare
    di tutti i maschi che stanno a rosicare.

    Sul lavoro si deve un po’ applicare,
    perché la sua famiglia va a aumentare;
    già si ritrova due figlie grandicelle:
    ma che spettacolo, ma quanto sono belle!

    Tremendi incontri ha di recente fatto
    e lui sornione nascosto come un gatto
    pensava di riuscire a controllare
    quello che invece va a precipitare.

    Se lo scorpione è siculo, stia attento
    e metta lesto il burqa a quel portento
    di donna che lì al mare sta in bikini
    mostrando a tutti nutriti cotechini.

    Le stelle oggi non dicono di più
    ma se tu guardi bene il ciel lassù
    vedrai un Signore con aria soddisfatta
    di averci dato questa vita matta.

    😀

    @Rosigna: ci divertivamo così, non hai idea gli altri di oroscopi che cos’erano! 😆

    Mi piace

  17. NOOOOOOO … non ci posso credere!!!
    “di donna che lì al mare sta in bikini
    mostrando a tutti nutriti cotechini.”

    Ma davvero!!! Ma sui vostri blog non e’ possibile essere tristi!!! Ma si trova sempre lo spunto per sorridere, per una sana risata, anche se poi c’e’ anche lo spazio per una seria e partecipata riflessione.

    Cosi’ e’ il massimo!!! Andro’ in cerca degli altri oroscopi, sicuro!!!

    Mi piace

  18. @ Rosigna: se ci avessi conosciuto un anno fa, altro che sorridere… il fatto è che eravamo una combriccola di buontemponi, ma anche con la voglia di confrontarci.

    Per cercare altri oroscopi, devi andare nei vecchi angoli delle chiacchiere di Diemme, lì cìè tutto un archivio di cose simpaticissime.

    Grazie!

    Mi piace

  19. Pingback: Dettagli… e così son già tre anni! | arthur…

  20. Siete tutte bravissime e Antonella l’ha descritto alla perfezione manco fosse stata una delle fate,(very compliments!) ma certo non immaginava che il siculo pupo avesse successivamente incontrato una fata francese di nome Gourmet che gli procurasse anche il dono della buona cucina…ma la serata era ormai terminata ,le fate erano già sulle loro nuvolette a riposare per il gran lavoro compiuto,ed Arthur,con la bracioletta di pesce spada ed il cavoletto di bruxelles,incominciò a pensare ad un blog tutto suo,quando il pc portatile non era ancora stato concepito nella mente di nessuno.. 🙂

    Mi piace

  21. Pingback: The Best Magazine_#5 – arthur…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...