* Come eravamo…

finestra

Come eravamo…

L’altra sera in una trasmissione su Rai1 c’erano alcuni ragazzini che cantavano delle canzoni e a sentirli, bravissimi, mi chiedevo cosa sarebbe stato di loro da grandi. E allora, mi è venuta in mente la mia storia, anzi devo dire l’intrecciarsi di storie che in qualche modo hanno caratterizzato la mia vita, i desideri, i sogni, le aspettative, magari anche soltanto abbozzate.

Ricordo che da piccolo mio nonno voleva che facessi il cantante, e infatti, organizzava le occasioni perché potessi dimostrare la mia bravura. Come poteva essere diversamente, visto che in famiglia eravamo tutti un po’ canterini; mia nonna con una bella voce da soprano, mio zio un tenore, serate durante le feste passate con mia madre al pianoforte e mio padre a cantare con i miei zii e con gli amici. In effetti, mi capita tuttora di farlo con gli amici accompagnandomi con la chitarra, cantando canzoni, passando serate, ma tutto son diventato tranne che cantante.

Che altro avrei voluto fare, boh, non mi ricordo in effetti, so che fin da piccolo giocavo con i colori, tant’è che i miei genitori a un certo punto tornando da un viaggio, mi regalarono una bellissima scatola di colori a olio tutta di legno che ho tuttora ed io a imbrattare tele su tele. Beh, avrei potuto fare il pittore, e mi ci vedevo anche chiuso in una soffitta con grandi vetrate, una sigaretta dopo l’altra, la barba lunga, la faccia scavata dalla sofferenza, e in effetti, ho anche passato un momento della mia vita a dipingere come un matto, la mia casa è piena di quadri, di disegni, di opere incompiute, ma tutto son diventato tranne che pittore.

Un’altra cosa che mi piaceva fare, era mettermi seduto nella mia poltrona preferita a occhi chiusi e immaginare di scrivere delle storie. Personaggi, intrecci complicati, persino dialoghi, tutto scorreva nella mia mente come in un film, dove ero sceneggiatore, regista e interprete, ma tutto son diventato tranne che scrittore.

E poi, e poi mi piaceva sognare ad occhi aperti, ma qualcuno mi aveva detto che sognare non si poteva fare come lavoro. Ma io niente, continuavo a farlo incurante di ciò che gli altri mi dicevano. In effetti, tutto son diventato nel frattempo, e intanto, non ho mai smesso di sognare.

E voi, voi come eravate?

Il magazine Scriveregiocando 2016

cop_scrivere-2016-magazine

Eccoci di nuovo con l’ appuntamento di Scriveregiocando, la Pagina Natalizia curata da Morena Fanti che come ogni anno raccoglie intorno a sé tanti scrittoti, con racconti, poesie e bellissime foto.

Come ho scritto in un commento da Morena, quest’anno non ho potuto dedicarmi al nuovo Magazine di Scriveregiocando per i troppi impegni che mi “affliggono” in questo periodo.

Ma ho voluto ugualmente lasciare un segno, così giusto per non mancare del tutto a questo bellissimo appuntamento organizzato da Morena ogni anno per Natale. Ho preparato una sorta di piccolissima antologia – giusto chiamarla così? – dove ho raccolto le copertine dei magazine pubblicati in questi ultimi sei anni, l’editoriale che ogni volta Morena ci dedicava, e il sommario di tutti i partecipanti.

Come copertina ho scelto una foto scattata questa estate in spiaggia che raffigura la bandiera dell’Europa. Nessuna retorica, solo una bella foto e una metafora, un invito a lasciarci alle spalle tutto ciò che di sbagliato c’è in questo mondo controverso.

Ho anche inserito una bellissima poesia di mio Padre Santi intitolata “Ombre”, che tanti di voi conoscono già. Oltre che nel Magazine, la potete leggere nella pagina dedicata alle sue poesie qui sul blog.

E nel ringraziarvi tutti per la bella esperienza di condivisione vissuta con voi in questi anni, non mi resta che augurarvi una buona lettura, per gli auguri di Natale, beh, c’è tempo.

A presto quindi.

logo-scriveregiocando_2016

Tutte le copertine del Magazine di Scriveregiocando pubblicate in questi anni.

9ab

Il sito di Scriveregiocando curato da Morena Fanti

Per chi volesse scaricare il Magazine in formato PDF, eccolo…

IL Magazine Scriveregiocando 2016 su ISSUU da sfogliare

©_Copyright_©

Un buon rimedio per… ?

mano_gioielli_a

A proposito, ho una cura strepitosa per il giradito, vi può interessare?

Allora, prendere un ettolitro di acqua calda ma non bollente, scioglierci dentro due etti abbondanti di polvere empirica importata dal Mare dei Caraibi, una pasticca di menta piperita possibilmente effervescente ma non troppo, delle foglioline di alloro di Lampedusa colte esclusivamente in una notte di luna piena, bicarbonato di sodio senza conservanti come nelle ricette della nonna Giulia, aglio, cipolla, sedano, lattuga, cornetti, lamponi freschi, pomodorini pachino, ma quelli di CastrorealeLunga sono i migliori, spine di trota affumicata conservate in un vasetto scuro a prova di luce e un bell’etto di baccalà del mari del nord essiccato al sole della Sicilia Bedda, una canottiera di lana e una di cotone, preferibilmente bianca, un grembiule con la faccina di un porcellino e una mostarda, né dolce, né piccante.

Mescolare con cura il tutto, non senza essersi messi prima la canottiera di lana e verso la fine quella di cotone. Finita la mescolanza, immergere il dito dentro all’impasto che deve avere un aspetto denso ma non troppo e dopo tanta, tanta, tanta pazienza, se il giradito non è guarito, rivolgersi a una casa di cura per le cure del caso.

Astenersi perditempo. Continua a leggere “Un buon rimedio per… ?”

Buon Compleanno Blog!

ann_setteanni

Certo, non è facile parlare oggi a cuor sereno di feste e compleanni, il pensiero va inevitabilmente a chi dopo il terremoto ha perso ogni cosa, speranze comprese. In una casa ognuno di noi conserva una parte di sé che non sempre è visibile agli altri, affetti, ricordi, stati d’animo, quelle quattro mura offrono riparo e danno sicurezza, perderle è drammatico.

Ma comunque sia, la vita continua, detto non senza una certa amarezza.

Come ogni anno, il primo novembre festeggio un doppio compleanno, il mio e quello del mio blogghino, ormai tanti in entrambi i casi, mammaggia, ma anche l’onomastico di mio Papà Santi, che tanti di voi conoscono per le sue poesie. 

E ogni anno che passa mi rendo conto di quanta Meravigliosa Umanità sia passata tra queste pagine e di ciò che nel frattempo ho imparato.

E allora, grazie davvero ad ognuno di Voi.

Ma senza volermi dilungare più di tanto, vi lascio con un mio scritto di qualche anno fa, Gita al Mare, che parla di quel camminare insieme a me tanto caro che dovrebbe essere di ognuno di noi, se solo riuscissimo a capire quanto sia importante guardarsi intorno.

Buona lettura e… Buon Compleanno Blog!My beautiful picture

Gita al mare!

  Occhi verdi, capelli cortissimi tra il castano e il biondo rossiccio, un viso bellissimo, avrà avuto circa sei anni; seduto su di una carrozzina con due supporti che gli tenevano ferma la testa ed una cinghia che lo cingeva probabilmente per non farlo cadere, era proprio lì in riva al mare.

Il padre chino davanti a lui, tentava di fare un pupazzo con la sabbia bagnata e intanto parlava raccontandogli delle cose, sempre con un sorriso. Poco più in là, c’erano tre bambini che giocavano sul bagnasciuga a pallone, ridendo e rincorrendosi ogni volta che qualcuno di loro sbagliava bersaglio.

Nessun sorriso, nemmeno l’ombra che s’accorgesse di cosa ci fosse intorno a lui ma, lo sguardo era fisso lì, come se il rumore di quelle piccole onde, fosse un pensiero rivolto verso il mare.

Un momento vissuto; il ricordo di una gita al mare.

* Ricordi!

trasparenze_a

Si può vivere anche di ricordi?

Ogni tanto me lo domando, perché alcuni sono così belli che mi dispiacerebbe perderli per strada. Ricordi d’infanzia, ricordi di nonni meravigliosi, ricordi che entrano ed escono dalla mia mente magari se solo vedo una foto, ricordi dimenticati che fanno capolino senza essere invitati, ma che poi lasciano una tenera impronta del loro passaggio.

Ricordi di una vita ormai vissuta, ma non per questo cancellata, ricordi che mi ricordano di come sono cambiato, di come sono cresciuto, ricordi senza i quali non sarei, ahimè, più lo stesso.

Ricordi di persone che non ci sono più, anche se poi mi chiedo dove son finiti, se guardano, se ridono, se piangono insieme a me, ricordi di una ragazzina che amava la vita assai, assai, ricordi di fatiche, di gioie e di dolori, ricordi.

Forse solo per questo che non vorrei dimenticare i miei ricordi, per continuare a pensare a ciò che è stato senza rimpianto, così, solo come ricordi.

Ancora il mare.

Tramonto_ca

Siamo agli sgoccioli lo so, le vacanze ormai finite sono solo un ricordo, ma come dimenticare il mare?

Una poesia di mio Padre Santi che tanti di voi conoscono già e un video d’immagini girate passeggiando  tra i paesini delle Cinque Terre alla ricerca degli spruzzi.

E’ verdeazzurro il mare.

E’ verdeazzurro il mare, fiotta l’onda
e sull’arenile
dilaga morbida schiuma.
Soffia da ponente un venticello,
le chiome sciolte ad una fanciulla bruna
mentre che ella sta con gli occhi chiusi
e al sogno inclina.
Più lontano, la carraia si perde
nella foschia, pare
un battello alla deriva,
dissipa il tempo,
come chi del suo tempo mal si cura.
E il sole brilla sul mare
e sulle sponde, sui passi montani
e sui declivi; nei sentieri frana
ove digrada l’ulivo
che sulle fratte domina sovrano.
Ora mi siedo sopra quel muretto
ad ascoltare un merlo
che, nel fogliame, spensierato trilla:
delirio al cor mi adduce, mentre attendo
di vedere un bel tramonto
ad inebriarmi ancora a quell’incanto.

Santi.

Così, giusto per ricordare il mare.

Ed è proprio dal mare che nei titoli di coda vi scrivo – un paio di giorni giusto per riprendere fiato –  lasciandovi con una foto scattata oggi pomeriggio e che mi ha fatto ridere tanto. Lui, un ragazzotto tanto tanto simpatico del Bangladesh, con il suo negozietto viaggiante… 

ombrellino

©_Copyright

Scolpire la luce!

helidon-xhixha_pzzduomo_a

Come già accennato nel mio post precedente, non solo mare o bella compagnia questa estate, ma anche un po’ di arte.

Confesso però di sentirmi confuso di fronte all’arte moderna, qualunque sia la sua matrice. Quadri, sculture, opere che affondano la loro esistenza in un ripetersi monotono alla ricerca di un dejà-vu spesso sconfortante, che probabilmente rincorre la novità, senza per questo trovarla.

Le istallazioni, grandi o piccole che siano, sono diventate un’abitudine, una moda e in tante di queste, il nulla è di casa, o almeno questa è la mia impressione. D’altra parte un’opera, se da sola non si esprime, forse che insieme a delle altre acquista una dimensione diversa?

Ecco da cosa nasce la mia confusione, nel non sentirmi coinvolto, quella parte emozionale di me che a gran voce chiede di voler partecipare, si sente tagliata fuori e così i miei occhi scrutano senza curiosità opere una accanto all’altra, come se fossero inutili oggetti riposti su di uno scaffale di un supermercato.

Ma capita anche di leggere recensioni di artisti tra l’altro quotati che pur di “giustificare” delle scelte artistiche a dir poco discutibili, secondo me, esprimono l’inverosimile; e così un gioco di specchi sapientemente collocati in un’istallazione dentro le sale di un palazzo antico, è l’inizio, l’invito di un susseguirsi d’immagini che dovrebbero portarci a chissà quali considerazioni psicosocialfilosofiche.

Maddai!!! Continua a leggere “Scolpire la luce!”

*** Il Peperoncino

Sì, l’articolo sulle vacanze all’insegna del’arte è quasi pronto, ma lima che ti lima, nell’attesa vi lascio in compagnia di Nonno Archimede e con un suo vecchio racconto che alcuni di voi conoscono già.

© arthur
photo © arthur

Avete mai guardato una piantina di peperoncini per vedere come fanno a crescere?

Non prendetemi per matto, io sì, ho giusto comprato una piantina questa estate dal mio fiorista di fiducia e dopo aver tolto tutti i peperoncini già maturi, quelli rossi per intenderci, l’ho messa in un angolino del mio terrazzo, nell’attesa che ne crescessero altri.

E così il miracolo si ripete.

Spunta per primo un piccolo fiorellino bianco che, pur restando piccolo, man mano cresce, fino ad aprirsi come un ombrellino.

Che meraviglia!

Sta lì due o tre giorni e nel frattempo al suo interno s’intravede una “puntina” verde, e così il fiorellino da bianco diventa un po’ per volta marroncino chiaro chiaro, praticamente si secca.

Il peperoncino sta per crescere e si fa spazio tra i petali ormai appassiti ma, non li abbandona del tutto, mantiene una corolla in cima, quasi fosse una collana. Avete presente il costume hawaiano? Praticamente uguale (…), una specie di ricordo delle sue origini, che a guardarla, vien quasi da ridere.

Raggiunta la dimensione di tre o quatto centimetri, si ferma e appare in tutta la sua bellezza, verde, lucente, sodo e tronfio, fiero di essere anche lui lì a fare bella mostra di sé.

Tre o quattro giorni al massimo e si colora di rosso; le sue paretine in alcuni punti di sgonfiano e da turgido assume una forma più complessa, in una parola quasi più creativa, si curva, alle volte addirittura su se stesso e se lo si lascia ancora sulla pianta, dopo un po’ cade: è praticamente pronto.

Volete mettere un peperoncino appena colto dalla pianta e mangiato con un filo d’olio e un pezzetto di pane croccante?

Una delizia!

Vi domanderete come mai vi racconto tutto questo ed è presto detto. Un po’ essendo ormai vecchietto, ho tanto tempo da perdere, quindi cerco di passarlo come meglio posso e, un po’ perché guardare la natura aiuta a guardare intorno a noi, come dire che ci si accorge del vicino di casa, non per quello che fa e per quello che è, ma come persona che ama, che soffre, insomma, che esiste.

Evvabè, direte voi, anche questa volta nonno Archimede ha detto la sua e dicendola non ci ha capito nulla, ma tant’è… (…)

                    F.to: nonno Archimede, detto anche Archi.

Eccoci di nuovo insieme!

Agosto_2016

Ricordate il famoso ritornello di qualche anno fa “Apri la bici, chiudi la bici”?

Beh, come ogni anno si è riproposto, ma le vacanze sono ormai finite ahimè, detto con un pizzico di nostalgia e il piacevole ricordo di giornate passate nella spensieratezza, tra chiacchiere fra amici, passeggiate in riva al mare, rilassanti nuotate e tante cose belle da vedere, preso com’ero tra mare, mostre, mercati e mercatini vari.

Infatti, è proprio con queste immagini che voglio salutarvi, una piccola galleria, un po’ di ironia e tanta voglia di condividerle con voi.

Ciao e ben ritrovati!

©_Copyright

Un sorriso! Aspettami che arrivo.

Ventaglio_riflessi

La scena sempre la stessa. Passano gli anni, cambiano le abitudini, la tecnologia imperversa ma le speranze e gli approcci in amore non cambiano mai.

Oggi – solita pausa pranzo, solito centro commerciale – ero a mangiare qualcosa e, tanto per non cambiare abitudine (…), tra un boccone e l’altro mi guardavo intorno. Accanto al mio tavolo c’erano tre ragazze e due ragazzi; loro, le ragazze, molto carine, spigliate, loro, i due ragazzi, insomma, che dire, due bortolotti senza arte ne parte, giusto per parafrasare un famoso detto che non passa mai di moda.

E così, battute e risate, mani che si sfiorano, occhi ammiccanti come per dire… sì, sì, mi piaci, non te ne sei accorto?

Loro, le ragazze, lanciatisime, loro, i ragazzi, beh, come sopra.

Guardandoli mi venivano in mente quei tempi fatti di speranze che cambiavano nell’arco di un mattino. Allora eravamo un po’ meno sicuri forse, ma la voglia di provare a confrontarsi uguale, uguale. Emozioni allo stato puro che, proprio perché tali, erano in balia di se stesse.

Che bello!

Ho continuato a guardarli, augurandomi in cuor mio che quei sorrisi e quella spensieratezza riuscisse a rimanere così com’era. Per loro, una speranza, dove nessuno si sveglia al mattino con una pistola o un macete in mano.

E magari, dopo, uno di loro che come me guarda sorridendo con tenerezza altre risate, altre mani che si sfiorano, occhi ammiccanti come per dire… sì, sì, mi piaci, non te ne sei accorto?